Breve storia della Banca d’Italia (di Giovanni Federico)

lire dueNel furore della pugna, qualcuno forse si sarà posto due domande: 1) ma perché le banche private possiedono la Banca d’Italia?; 2) quanto hanno reso le azioni della Banca d’Italia nel tempo? Oggi rispondiamo alla prima. Domani, Francesco Lippi e Brighella risponderanno alla seconda

La Banca d’Italia fu fondata nel 1893, ma le sue origini risalgono a ben prima dell’Unità. Ciascuno stato pre-unitario aveva una o più banche con diritto di emissione. Quella del Regno di Sardegna era stata fondata nel 1844 come Banca di Genova da un gruppo di finanzieri e mercanti, prevalentemente genovesi, ed aveva assunto il nome di Banca Nazionale Sarda nel 1849. Si trattava di una ditta privata, anche se sottoposta al controllo del ministero del Tesoro, che svolgeva anche attività bancaria, pur con alcuni limiti statutari. Raccoglieva depositi senza interessi e faceva prestiti commerciali a breve (sconto cambiali). I profitti derivavano dalla differenza fra gli interessi ricevuti ed il costo di produzione dei biglietti, più, in regime di gold standard, il costo-opportunità delle riserve auree. La banca infatti aveva l’obbligo di detenere in riserva una quantità di oro (a reddito nullo) pari almeno al 30% dell’emissione per garantire la convertibilità in oro dei biglietti. In realtà il Piemonte e l’Italia rimasero nella maggior parte degli anni in regime di non convertibilità (corso forzoso), aumentando i  profitti delle banche di emissione (in parte appropriati dal governo con complessi accordi). Le loro azioni erano quotate in borsa e gli azionisti ricevevano un ‘normale’ dividendo. Più o meno questo era il modello delle altre banche con diritto di emissione, italiane ed estere.

Regno d'ItaliaDopo accesi dibattiti, il neonato Regno d’Italia decise di mantenere l’autonomia delle banche di emissione degli stati pre-unitari, pur con una posizione preminente della Banca Nazionale (rinominata ‘nel Regno d’Italia’). Dal 1861 al 1893, rimasero, oltre alla Banca Nazionale, la Banca Romana, la Banca Nazionale Toscana, la Banca Toscana di Credito (i toscani, si sa, sono litigiosi e non si mettono mai d’accordo fra loro), il Banco di Napoli ed il Banco di Sicilia. Il modello di business rimase misto, parte pubblico (diritto di emissione secondo le direttive del Tesoro) e parte privato (finanziamento a breve con sconto cambiali, investimento in titoli di stato). Nel 1893 scoppiò un grave scandalo alla Banca Romana, che aveva finanziato generosamente politici e faccendieri vari, emettendo biglietti doppi, cioè falsi ed era sull’orlo del fallimento. Nel modello ‘misto’, investire in azioni delle banche di emissione implicava un rischio, anche se il signoraggio forniva parte dei profitti. Infatti gli azionisti della banca Romana persero il loro investimento.

moneta 1861La crisi offrì la possibilità di una razionalizzazione. La Banca Romana e le due banche toscane furono fuse nella Banca Nazionale, che assunse il nome di Banca d’Italia. Il capitale di quest’ultima venne redistribuito ai soci (privati) delle banche assorbite. Nei decenni successivi, la Banca, sotto la guida di Stringher, seguì una politica di impieghi molto prudente, per assorbire  il pesante onere della liquidazione delle perdite della Banca Romana, ma nello stesso tempo acquisì notevole prestigio ed indipendenza operativa, con un ruolo crescente di guida e finanziamento del sistema bancario (p.es. durante la crisi finanziaria del 1907 e durante la guerra). Tale ruolo fu però riconosciuto solo dalla riforma bancaria del 1926, quando il Banco di Napoli ed il Banco di Sicilia persero il diritto di emissione e la Banca d’Italia assunse il compito di vigilanza sul sistema bancario. Formalmente, continuò anche l’attività bancaria alla clientela privata, che però perse sempre più importanza nel suo bilancio. Due anni più tardi, nel 1928, il capitale della Banca d’Italia fu aumentato ed entrarono per la prima volta istituti pubblici, casse di risparmio e monti di pietà, con una quota del 20%. A differenza di quelle dei privati, le loro azioni non erano trasferibili.

Banca d'Italia logoArriviamo al 1936 ed alla legge bancaria, partorita dalla grande crisi che aveva fatto fallire tutte le principali banche commerciali, salvate dall’IRI. La legge completò il processo di trasformazione della Banca d’Italia in una banca centrale pubblica nella definizione moderna. Fece cessare l’attività bancaria al pubblico: da allora in poi tutti i profitti derivarono dal signoraggio, senza più riserva obbligatoria in oro, essendo la lira formalmente inconvertibile.  Il valore nominale delle azioni fu fissato in 1000 lire, di cui però solo 600 versate, per un totale di 300 milioni (da cui i famosi 156.000 euro). I soci privati vennero liquidati con  1300 lire per azione, contro 1727 dell’ultima quotazione di borsa, sulla base di un valore patrimoniale, al netto degli immobili, di 1285 lire. Le azioni furono trasferite a enti morali e istituti che non erano di diritto privato, le casse risparmio e monti di pietà, e ad istituzioni finanziarie di proprietà pubblica, cioè l’INA e le cosiddette ‘banche di interesse nazionale’ (Credito Italiano, Banco di Roma e Banca Commerciale). Alla fine del processo, le casse di risparmio si trovarono col 61.7% del capitale e le altre istituzioni col 38.3%. La legge ammetteva la negoziazione di azioni ma solo fra gli istituti autorizzati, ed in pratica la distribuzione del capitale è rimasta invariata da allora. In sostanza, anche se formalmente una società per azioni, la Banca d’Italia era un ente pubblico. Il dividendo era una partita di giro fra istituzioni pubbliche. Inoltre, come più volte ricordato, i soci non avevano alcun potere di gestione: si limitavano ad incassare una mancia, che, come si vedrà nel prossimo post, rimase esigua fino agli anni Novanta.

pubblico privatoLa Banca d’Italia è ritornata di proprietà privata a seguito della privatizzazione delle banche di interesse nazionale e della quasi-privatizzazione delle casse di risparmio con la legge Amato-Ciampi. Chiaramente queste decisioni andavano contro lo spirito della legge bancaria per quanto riguarda la proprietà della banca d’Italia  Mi domando se al momento della stesura di queste leggi qualcuno abbia sollevato il problema. Come noto, quasi tutte le casse sono stata poi assorbite dai due grandi gruppi bancari, Intesa e Unicredit, che quindi ora detengono la maggioranza della Banca d’Italia. Proprio negli anni Novanta, in coincidenza (casuale?) con questo processo, il dividendo distribuito dalla Banca è aumentato moltissimo.  Riassumendo, la Banca d’Italia è stata per circa un secolo un ibrido, parte banca e parte istituto di emissione, di proprietà privata e per sessant’anni una banca centrale di proprietà pubblica. E’ tornata ad essere di proprietà privata, senza cambiamenti sostanziali nel suo modus operandi, come conseguenza (involontaria?)  delle privatizzazioni.

Giovanni Federico tratto da www.noisefromamerika.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *