IL CERINO ACCESO della manovra 2020

Bastava l’onestà e la vigilanza per uscire dal pantano di una politica corrotta.

Bastavano facce nuove, giovani e (perchè no?) del tutto inadeguate al comando per dirigere il paese verso lidi dorati.

Avanti verso traguardi mai nemmeno immaginati, come la sconfitta della povertà, Avanti verso un fisco leggero, quasi piatto, con una sóla aliquota, rivelatasi una sòla elettorale (a volte gli accenti ingannano)

A un anno dalla sbornia elettorale che ha accreditato i novelli conducator stiamo con le pezze al culo, ma non le solite… Queste sono gigantesche.

L’incredibile figuraccia di un governo che stima una crescita del 2% per poi rivederla dopo 60 giorni in uno 0,2% è stato lo spasso di coloro che hanno sempre fatto della inaffidabilità italiana un argomento (peraltro valido) per affossarci ulteriormente.

Quota 100 non produrrà una cippa.

Alla faccia di quella ondata di nuove assunzioni strombazzata da Salvini e Di Maio solo 4 mesi orsono.

É il loro stesso DEF a smentirli clamorosamente: “Impatto ZERO sull’occupazione fino al 2020 e poi un calo dello 0,3-0,5% negli anni a venire”.

Quaranta miliardi da trovare entro l’autunno, per finanziare i provvedimenti del governo più disomogeneo al mondo, sono impossibili da raccogliere. Per ora il governo, nel DEF ne ha trovato 1 (ma nei 3 anni a venire)

Nemmeno se si applicasse il doloroso tomo di Cottarelli sulla spending review, che pare tornata di moda, almeno ascoltando le ultime dichiarazioni di un premier che sa di avere una data di scadenza simile al latte crudo.

Di crescita meglio non parlare, lo 0,2% che ci pone dietro alla Grecia è nel frattempo diventato un -0,1% perchè i numeri e la realtà non si fanno distrarre da una photo-opportunity con nuova fidanzata adorante sul prato di villa Borghese o a una prima teatrale.

I due conducator si passano il cerino da 39 miliardi di Euro, consci di non essere in grado di sottoscrivere una manovra lacrime e sangue. Sanno che il mantra “É colpa dei poteri Forti” diventa debole se la mazzata arriva sul conto corrente.

É ormai chiaro che sarà qualcun altro a raccogliere la cenere.

Una cenere generata dai contribuenti vessati da un coacervo di inadeguati, velleitari e incompetenti al comando di quella che fu la sesta potenza economica del mondo.

Giulio Galetti

Immigrazione: la fabbrica dell’odio

Le frasi molto chiare pronunciate dall’autista che ha tentato di bruciare vivi 51 ragazzini a Milano  non vanno sottovalutate. Affermare di voler vendicare i morti in mare, di voler punire l’Europa per le politiche sui migranti, tirare in ballo come responsabili Di Maio e Salvini e contemporaneamente mandare un video in Senegal per invitare amici e parenti a restare in Africa rivela che le idee Ousseynou Sy ce le aveva ben chiare quando ha deciso di progettare la strage. Eppure Ousseynou Sy è cittadino italiano dal 2004, qui si era fatto una famiglia, qui aveva un lavoro stabile. Cosa è successo nella sua mente per farlo arrivare a tanto?

Da anni siamo abituati ai toni esasperati, alle polemiche, alle accuse. Sull’immigrazione si svolge uno psicodramma con molti attori. C’è chi accusa i migranti di essere la causa della caduta del tenore di vita, della disoccupazione, della diffusione della droga, degli scippi e delle rapine. Molti altri, però, accusano il nostro governo e indirettamente noi italiani di essere responsabili diretti delle morti in mare, delle morti nel deserto di quelli che partono per attraversare il Mediterraneo, delle torture nelle prigioni libiche. Su tutto si erge una spiegazione storica usata però come arma di lotta politica: l’intero Occidente è colpevole per il sottosviluppo dell’Africa sia ieri con il colonialismo, sia oggi con gli scambi commerciali gestiti dai paesi europei da posizioni di forza. Un’ansia di auto fustigazione che potrebbe avere spiegazioni psicoanalitiche, ma che è deleteria se tradotta in messaggio politico. Soprattutto è in contraddizione con la realtà perché non noi organizziamo la tratta degli esseri umani, non noi li mettiamo in mare su barche destinate ad affondare. Noi siamo quelli che tra polemiche e incertezze li salviamo e li accogliamo. E dunque perché si continua il ridicolo mea culpa che è in atto da anni?

Un simile bombardamento di accuse e recriminazioni che mischia analisi storiche, socio economiche e decisioni politiche determina un accanimento nell’opinione pubblica capace di trasformarsi in atti concreti. Non vediamo che da anni le manifestazioni di intolleranza verso gli immigrati e verso i loro figli si moltiplicano? E pensiamo che gli immigrati che vivono qui non subiscano anche loro il bombardamento mediatico e non avvertano il clima ostile che si crea intorno a loro?

Ci sarebbero anche quelli sensati e ragionevoli che affrontano l’immigrazione come uno degli snodi cruciali della nostra epoca che va gestito con politiche multifattoriali volte sia all’emergenza che all’accoglienza e all’integrazione, nel quadro di una strategia di aiuto agli africani a migliorare le loro condizioni di vita nei paesi di provenienza. Ma chi le ascolta queste persone ragionevoli?

Che sia uno scontro nel quale emergono anche pulsioni razziste è evidente. L’immigrazione in Europa e in Italia in particolare è fatta di sudamericani, cinesi, filippini, bengalesi, albanesi, romeni e tanti altri. Eppure i riflettori si accendono solo sugli africani. Basta leggere i titoli di alcuni quotidiani usciti oggi per avere un campionario di becero razzismo e di stupido appello all’irrazionalità delle folle. I giornalisti che li scrivono dovrebbero vergognarsi perché utilizzano le tragedie non per invitare a ragionare, ma per attizzare l’eccitazione dei loro fans. D’altra parte cosa sta facendo Salvini da anni se non questo?

Non possiamo andare avanti così. Ci vogliono politici che praticano solo la strada della ragionevolezza e dell’impegno per risolvere i problemi senza speculare sui drammi dell’umanità per conquistare voti e potere. E bisognerebbe anche smetterla di indicare noi come responsabili delle morti in mare. Noi italiani, noi europei li abbiamo salvati i migranti a centinaia di migliaia e li abbiamo accolti a milioni. Questa è la verità storica

Claudio Lombardi

Il centrosinistra dopo le primarie

Un milione e seicentomila, o di più? Siamo lontani dall’antica precisione di una tradizionale forza di centrosinistra, il che sta ad indicare che c’è un immenso bisogno di reimpiantare un partito che sia radicato in ogni territorio, perchè la politica torni a viaggiare sulle gambe e dentro le teste dei cittadini, all’interno di un rapporto caldo e ragionato, che apra alla partecipazione, tra governanti e governati, per far crescere una nuova classe dirigente, scollandola quindi dall’uso esclusivo dei talk show televisivi e delle tastiere dei social network, che favoriscono la diffusione di una degenerata politica dell’applauso e della denigrazione sistematica.

E’ questo il messaggio esplicito di tutta quella gente. Ciò sarebbe un grande vantaggio per tutta quell’area di persone e di forze che si oppongono alla piega populistico/sovranista che ha invaso la vita pubblica del nostro Paese, e che sono emerse, per reazione, con un ventaglio molto ampio di esigenze e posizioni, nei molti appuntamenti degli ultimi mesi.

Un partito del centrosinistra, o anche più di uno, tenendo conto dei molti cespugli apparsi alle amministrative di questi mesi, e dello stesso manifesto di Calenda per le Europee, che tende intelligentemente a riportarli tutti ad un disegno comune, considerate le leggi elettorali proporzionali che abbiamo, sia sul piano nazionale, sia a livello europeo, darebbe loro dei punti di riferimento politici per arginare anche il degrado culturale/civico/morale della società italiana nel suo insieme.

Ha vinto Zingaretti, e gli altri contendenti si sono messi a disposizione, compreso Renzi, a quanto pare. E’ finito quindi il periodo delle gramaglie per il PD e ne inizia un altro di cui non si conoscono ancora le caratteristiche portanti. E’ necessario definirle collegialmente al più presto. Ma la situazione del Paese è notevolmente peggiorata rispetto a un anno fa.

Al di là della strampalata propaganda governativa non è difficile comprendere che chi dovrebbe governarci, ci ha portato in un cul di sacco. Non c’è più sviluppo, ci aspetta una manovra correttiva subito dopo le europee, sempre negata per ragioni elettoralistiche e, prima della fine dell’anno, un’altra manovra economica ‘lacrime e sangue’, perchè i dati sui quali questo governo aveva impiantato le decisioni di qualche mese fa, dopo una inutile guerra all’Europa, sono tutti fasulli (dov’è l’aumento del PIL, dove sono i 18 miliardi che dovevano entrare con le vendite degli immobili dello Stato, e così via cianciando?). E’ una fatica boia trovare qualcuno che investa nel futuro di questo Paese, proprio per l’incertezza diffusa a piene mani da chi ci dovrebbe governare. E nel suo insieme l’Italia si è incattivita, molti vincoli di solidarietà sono venuti meno, c’è un razzismo strisciante, e qui e là si manifesta una violenza diffusa, anche nei rapporti famigliari. Chi vive a Roma poi, assiste ogni giorno all’avanzata del degrado, persino nel paesaggio che cambia in peggio ogni settimana, nei servizi che non funzionano, nella diffusione della sporcizia fisica e morale.

Stanno passando le cavallette? No è l’avvento di una classe dirigente fatta di persone impreparate, false, arroganti, velleitarie, imbevute di ideologie raffazzonate, e incapaci infine di governare, persino di comprendere dove sbagliano, perchè negano la realtà.

Fino ad ora mi pare che Zingaretti si sia mosso bene: è andato immediatamente a Torino e ha detto, con Chiamparino, che è criminale non fare la TAV e non avviare immediatamente una fase di ricostruzione infrastrutturale del Paese, ha deciso una mozione di sfiducia individuale per il ministro Toninelli, è andato a far visita agli operai ed ai dirigenti di una fabbrica rigenerata del Lazio, ad opera della Regione e del Governo precedente, impersonato da Gentiloni e Calenda, dicendo che se si ha un disegno generale è possibile risolvere le crisi produttive. Ed ha affermato che con i Cinquestelle non si fanno alleanze al punto che, se permane questa situazione di non governo chiederà, senza perdere tempo, le elezioni anticipate.

D’ora in poi ci vuole ‘visione’ in un’ottica nazionale ed europea, e ci vuole una generosa capacità di riorganizzazione del campo politico del centrosinistra, utilizzando anche le elezioni amministrative ed europee di maggio, senza mettere in gioco dannose egemonie del PD, magari tenendo conto della non lontana esperienza dell’Ulivo. E’ un lavoro di lunga lena, ha detto Zingaretti, e probabilmente ha ragione. Ma tenga conto del fatto che i tempi sono scanditi dalla realtà, non dalle nostre volontà. E sono talmente stretti che un qualsiasi ritardo, anche se giustificato dal fatto di essere all’opposizione a livello nazionale, potrebbe diventare una colpa imperdonabile

Lanfranco Scalvenzi

Il caso Diciotti non è chiuso

Il caso Diciotti è chiuso? Apparentemente sì, nonostante gli strascichi  politici e giudiziari. Siamo in attesa della decisione del Tribunale dei ministri di Catania sulla richiesta della Procura di archiviare l’indagine nei confronti del Presidente del Consiglio Conte, del suo vice Di Maio e del ministro dei trasporti Toninelli. E’ probabile che tale richiesta sarà accolta. L’autodenuncia dei tre esponenti del governo di aver preso parte alla decisione di Salvini di trattenere a bordo di una nave militare 177 migranti contro la loro volontà (cioè di sequestrarli) senza che ci siano degli atti formali che lo dimostrino non è sufficiente a configurare un reato penale. Dunque quella di Conte, Di Maio, Toninelli è una semplice espressione di solidarietà non perseguibile penalmente.

Ma il Tribunale dei ministri potrebbe prendere in considerazione altre due questioni. La prima riguarda il ruolo della Giunta delle immunità del Senato (e il prossimo voto dell’Aula). E’ vero che per consolidata giurisprudenza della Corte costituzionale le decisioni di un organo parlamentare non possono essere sindacate dalla magistratura, ma in questo caso c’è qualcosa di più. La Giunta ha stabilito che il ministro Salvini ha agito per un preminente interesse dello Stato, come richiesto dalla legge n. 1 del 1989 per esonerarlo da responsabilità penali, ma non ha motivato adeguatamente quale questo interesse preminente abbia potuto essere impedendo lo sbarco dei migranti. La considerazione che così facendo si difendevano i confini dello Stato si presta a due altre considerazioni: la prima è che i migranti erano già sul in territorio italiano, in un porto italiano e su una nave della marina militare italiana, e quindi a tutti gli effetti sul suolo italiano. La seconda è che non è nelle competenze del ministro dell’interno difendere “il suolo italiano”, ma semmai del governo nel suo insieme (con un atto formale) o del ministro della difesa; quindi dell’esercito e non delle forze di polizia.

Rispetto a queste due questioni il Tribunale dei ministri potrebbe sollevare un conflitto tra poteri dello Stato presso la Corte costituzionale per mancanza di motivazione nella decisione presa dalla giunta (che di fatto è una decisione giurisdizionale e come tutte le decisioni giurisdizionali deve essere motivata). Ma il Tribunale potrebbe anche sollevare eccezione di costituzionalità nei confronti della stessa legge che disciplina i reti ministeriali (la citata  n.1 del 1989) nella parte che lascia indefinito il “preminente” interesse dello Stato, consentendo qualsiasi interpretazione arbitraria di quale questo possa essere. E’ la prima volta che si manifesta un caso di questa gravità, vale a dire che un ministro viene accusato per un reato grave quale quello di sequestro di persona (da uno a dieci anni di reclusione se commesso da un pubblico ufficiale – quale è un ministro – che abusi delle sue funzioni). Sembra quindi irragionevole che la legge, attribuendo alla giunta per le immunità e poi all’aula la capacità di assolvere dal reato il ministro prescindendo da oggettive e verificabili considerazioni di fatto, impedisca così il proseguimento dell’azione giudiziaria. E’ quindi possibile (e sarebbe auspicabile) che la questione venisse sottoposta al vaglio della Corte costituzionale.

Quindi il caso giudiziario forse non è ancora chiuso. Ma a prescindere dalle eventuali successive decisioni del Tribunale dei ministri, fin da adesso la decisione assolutoria della Giunta costituisce un precedente di gravissima portata. Se infatti è lecito che il ministro Salvini, abusando dei suoi poteri possa sequestrare decine di persone (o anche una sola) a suo piacimento accampando motivazioni pretestuose, allora qualsiasi azione arbitraria commessa da qualunque ministro, purché questi sostenga di farlo “per il bene del Paese”, diventa lecita e possibile. L’atto di governo non è più sottoposto alla legge, ma all’arbitrio cioè si traduce in mero esercizio del potere che si pretende superiore alla legge. Le forze di polizia possono limitare la libertà delle persone (per esempio bloccando il traffico per intercettare un bandito in fuga oppure ordinando di abbandonare le proprie abitazioni in caso di incendi, esplosioni, alluvioni), il ministro dei trasporti può ordinare la chiusura di un porto, il ministro della salute può ordinare la quarantena dei pazienti di un ospedale, ma occorrono adeguate motivazioni che non possono consistere, come ha fatto Salvini, nella necessità politica di fare pressioni sugli altri governi europei. Inoltre, quando si colpisce direttamente la libertà delle persone (persone non solo cittadini) si deve trattare di casi eccezionali di necessità ed urgenza, indicati tassativamente dalla legge e sottoposti a convalida dell’autorità giudiziaria. In tutti gli altri casi soltanto un giudice può, con decisione motivata, privare chicchessia della libertà personale.

È evidente allora che il caso Diciotti non è chiuso. Forse il Tribunale dei ministri prenderà atto della richiesta di proscioglimento della Procura e della decisione assolutoria della Giunta e non interpellerà la Corte costituzionale. Ma anche se il caso giudiziario fosse chiuso, la ferita che l’azione criminosa del ministro Salvini ha inflitto allo Stato di diritto e alla libertà delle persone è tuttora aperta. Se non verrà rimarginata, ripristinando la legalità formale e sostanziale, con azioni giudiziarie e con azioni politiche, è una ferita che minaccia di aggravarsi e di diventare mortale per la democrazia.

Stefano Rizzo

I grillini hanno “salvato” Salvini

Era chiaro a tutti, era necessario farlo per continuare a governare, era la soluzione scelta e decisa dalla dirigenza, erano il palazzo e le poltrone a chiederlo: salvare Salvini era l’obiettivo, a tutti i costi bisognava evitare di mandarlo a processo e gli iscritti del movimento hanno accettato! Tutto come previsto. Alla fine, dunque, il M5S si stende definitivamente ai piedi del vero leader, lo tira fuori dai guai, abbandona l’ennesimo baluardo della propria ragione d’essere, lo erge ad unico difensore dell’italianità, e lo difende così bene da andare (con una ruspa?) contro il proprio credo: davanti alla Legge non siamo più tutti uguali.

Perché la domanda non era quella formulata in modo confuso sulla piattaforma Rousseau (il giocattolo della proprietà del marchio grillino) ma era sostanzialmente questa: è giusto mandare a processo Salvini come richiedono i giudici? Tra Salvini e la Legge chi scegliete?

Il risultato? Il 59,05% ha votato per SALVINI e il 40,95% ha scelto la Legge.

I grillini dunque scelgono con coerenza e sicurezza l’uomo forte, chissenefrega della LEGGE, quel residuato di una epoca scomparsa nel quale la legalità era un principio, è il momento di dichiarare guerra anche alla magistratura, anche alla Costituzione oltre che ai diritti degli uomini!

Un grandissimo risultato per i leghisti, inaspettato forse ma decretato dai loro “servitori” attuali, una vittoria per il LEADER MAXIMO, non salvato dai suoi ex amici di Forza Italia o di Fratelli d’Italia ma salvato on line da un popolo che fino a marzo lo definiva fascista e razzista, con il quale litigava, mentre ora lo venera! Di contro è stata una grande e irrimediabile sconfitta per il piccolo Di Maio, il “migliore dei servitori”, che aveva scelto sin dall’inizio, per lui e per tutti che così dovesse essere e così è stato. Non si poteva rischiare minimamente di irritare il grande capo, era doveroso per il M5S stringersi attorno a lui, era l’unica cosa da fare per galleggiare ancora, sperando che l’essere diventati così servili sia utile alla fine per barattare qualche poltrona di prestigio ancora vagante.

E ora cosa ne resterà del M5S? Nulla è più come prima, il M5S è qualcosa ora di completamente diverso, si è trasformato nella guardia pretoriana dei leghisti! Niente del M5S è più come sembrava, tutti i loro slogan sono finiti negli abissi della memoria in nome di un “contratto” di governo capestro!

E d’ora in poi messo in soffitta l’ennesimo “credo” ai grillini, dunque, cosa resta? Sicuramente di iscriversi alla Lega!

Alessandro Latini

La recessione e il paese che si autoinganna

Pubblichiamo un articolo di Mario Seminerio tratto da www.phastidio.net

“Nel quarto trimestre 2018, la stima preliminare del Pil italiano indica una contrazione dello 0,2%, peggiore delle attese, poste a -0,1%. A livello annuale, corretto per i giorni lavorati, la crescita italiana segna un imbarazzante +0,1%. In attesa della disaggregazione puntuale, a inizio marzo, sappiamo che la domanda interna ha fornito nel trimestre un contributo negativo, mentre quella estera netta ha aggiunto crescita. Ma quello che davvero sappiamo è che l’Italia sta dirigendosi verso gli scogli, in splendida solitudine.

La Francia, per non fare nomi, cresce nel trimestre dello 0,3%, malgrado i casseur chiamati Gilet Jaunes. E la domanda interna transalpina non si contrae, mentre anche in questo caso l’export sostiene la crescita. La Spagna mette a segno il suo ormai abituale +0,7% trimestrale, per un +2,4% annuale. La Germania non ha ancora reso noto il dato trimestrale, ma sappiamo già da ora che non sarà comunque negativo.

L’Italia è in contrazione, unico tra i grandi paesi europei. Questa contrazione è frutto non solo e non tanto di tensioni esterne, come quelle protezionistiche, o della filiera automotive europea che sta ancora cercando di venire a capo dei nuovi test di omologazione oltre che della crisi esistenziale del diesel.

No, non è solo questo: l’Italia paga un prezzo carissimo alla politica economica dilettantesca, vandalistica e criminale che questo esecutivo e questa maggioranza perseguono su base sistematica. La fortissima incertezza generata su base domestica, con l’aumento dello spread, le misure autolesionistiche sul mercato del lavoro, la creazione di un clima ostile all’impresa e centrato su un assistenzialismo distruttivo, l’accensione di un’ipoteca devastante sui conti pubblici, con misure di esplosione della spesa corrente che sono prive di copertura, dopo il 2019.

La spada di Damocle di un aumento monstre delle imposte indirette nei prossimi due anni, che finirà a lasciare il posto a nuovi tributi patrimoniali, per mancanza di alternative.

Nel frattempo, è tutta un’azione di lavaggio del cervello di massa, orchestrata da piccoli Goebbels che si aggrappano a idiozie come il signoraggio, il Protocollo dei Savi di Sion, o a manovre diversive come l’alimentazione di un razzismo di massa o un nazionalismo stupidamente aggressivo contro i nostri maggiori partner commerciali e politici europei. Su questa azione di programmazione di menti deboli e semplici, l’azione indecente di giornalisti fiancheggiatori, con le loro testate ed i loro momenti di liquame televisivo.

Su tutto, il tradizionale vittimismo italiano, quello che ben conosciamo nella storia, e una propensione a mentire e manipolare la realtà che sta raggiungendo livelli deformi di narrazione distopica. Ogni giorno ha una giustificazione ed un alibi: è stata la Bce che non ci aiuta, è stata la Commissione europea, c’è un piano europeo per distruggerci, se solo potessimo stampare moneta faremmo tremare il mondo.

Un Presidente del Consiglio che è l’epitome di questa farsa tragica, che va in un consesso internazionale e si dice convinto che l’Italia potrà crescere di 1,5% nel 2019. Pochi giorni dopo si reca a parlare con gli imprenditori di una delle regioni-traino del paese, e dice che per qualche mese sarà stagnazione ma la colpa è di fattori esterni e comunque nel secondo semestre ripartiremo. Servirebbe maggiore rispetto di sé, come prerequisito per rispettare gli interlocutori. Ma questo è oggi il mainstream italiano.

In questo clima, prosperano nullafacenti colpiti da improvviso benessere, faccendieri ripuliti ma neppure troppo, millantatori, accademici falliti che sognavano da una vita la loro rivincita. Tutti con un solo programma: mentire ossessivamente e manipolare, come neppure negli scritti di Orwell troverete riscontro.

Un paese alla deriva, una drammatica deriva che sfocerà in tragedia, se e quando vi sarà una recessione a livello internazionale. Sarebbe assai blando risarcimento, se mestatori e manipolatori fossero puniti da quelle stesse anime semplici risvegliate furiose dalla manipolazione. La verità è che è più probabile che il fallimento di questi creerà un nuovo ceppo batterico resistente ad ogni antibiotico, fatto di una regressione ancora più profonda, che condurrà a forme ancor più deleterie di fasciopopulismo e renderà l’Italia un caso unico di regressione civile nel mondo sviluppato.

Il Signore, o chi per esso, aiuti questo disgraziato paese.”

I gilet gialli e la fragilità della democrazia

Qualcuno ha osservato che senza gli scontri settimanali con la polizia ben pochi si sarebbero accorti del movimento dei gilet gialli al di fuori della Francia. Ma anche l’opinione pubblica francese probabilmente avrebbe dato minor peso a questo pseudo movimento se non le fosse stato imposto con la violenza dei sabotaggi, dei pestaggi, delle devastazioni che da settimane tormentano Parigi e diverse altre località. Di fatto una piccola minoranza si è imposta alla stragrande maggioranza con metodi che nulla hanno a che vedere con la normale dialettica politica e sociale che caratterizza un sistema democratico.

I sondaggi valgono quel che valgono, ma i gilet gialli hanno ricevuto comprensione da una fetta maggioritaria dell’opinione pubblica francese. Anche in Italia sembra che il gradimento superi il 60%. Strano fenomeno. La prima osservazione è ovvia: ma se così tanti mostrano di condividere la protesta perché non scendono in piazza anche loro e non si uniscono ai manifestanti? La seconda osservazione riguarda la distinzione tra essere spettatori ed essere coinvolti. Siamo abituati ad assistere ad eventi politici spettacolari e di grande impatto mediatico come spettatori che possono schierarsi per l’uno o per l’altro senza per forza sentirci responsabilizzati. Probabilmente nelle percentuali di quelli che mostrano comprensione e simpatia nessuno gradirebbe la guerriglia urbana intorno a casa sua perché ne pagherebbe le conseguenze. Ma sicuramente nessuno vorrebbe un assetto politico e sociale nel quale minoranze organizzate rovesciano il sistema cioè le istituzioni e le leggi e assumono il comando.

Invece, anche nel caso dei gilet gialli, si ripete uno schema ormai già sperimentato: molti realizzano un transfer tra i propri motivi di insoddisfazione e di rancore (personali e dunque a livello prepolitico), e l’emersione di un movimento che appare deciso a tagliare ogni lungaggine del metodo democratico e ad imporsi a prescindere da impicci procedurali e di consenso.

Colpisce e turba che ogni leaderino da nessuno delegato nelle interviste dica di parlare a nome del popolo. Col suo bravo gilet giallo di ordinanza ciascuno di questi ribelli improvvisati si sente autorizzato a minacciare, a praticare la violenza, a sabotare servizi ed attrezzature pubblici (il 60% degli autovelox è stato distrutto), a chiedere addirittura il crollo del sistema democratico rappresentativo. A questo livello siamo fuori da ogni contesto costituzionale, siamo al sovvertimento rivoluzionario nel quale ci si misura solo sulla forza e nel quale l’unica legge è quella di chi riesce a battere l’avversario.

Tutto ciò non ha nulla a che fare con un movimento di protesta popolare ed è potuto nascere solo grazie a un duplice fallimento. Le classi dirigenti cioè le cosiddette élite, si sono abituate a considerare immodificabile la crescente disuguaglianza dei redditi e dei benefici che derivano dal sistema economico uscita dagli anni della crisi. Hanno ritenuto che la promessa di un miglioramento delle condizioni di vita di ciascuno potesse consistere nella sua ripetizione e non trasformarsi in un parametro sul quale impostare le scelte politiche. Si è persa la capacità di immaginare le tensioni e di prevenirle. Ciò che ha concesso Macron dopo l’insurrezione di alcune migliaia di gilet gialli poteva essere deciso prima se solo chi dirige il governo francese avesse mantenuto la capacità di comprendere la società e i suoi bisogni.

In realtà tale capacità è venuta meno per il secondo fallimento, quello del sistema democratico rappresentativo e partecipativo. Come succede per le colline private dei boschi l’onda di piena non ha trovato ostacoli in una mediazione democratica organizzata e si è trasformata in una forza distruttiva. I partiti non contano più nulla o non esistono e i sindacati si sono dimostrati del tutto inadeguati a svolgere la loro funzione di rappresentanza sociale. Secondo una ben conosciuta analisi entrambi si sono istituzionalizzati cioè si sono identificati con una funzione istituzionale sia parlamentare che di governo che di contrattazione tra attori dei processi sociali. Nessuno ha pensato a mantenere il collegamento con la base elettorale o degli iscritti. È accaduto in tutti i paesi occidentali e ne abbiamo avuto vari esempi anche in Italia. È emblematico il caso del Pd che ha diretto i governi dal 2013 al 2018 e che, dopo la sconfitta elettorale, è precipitato in uno stato confusionale che ha rivelato l’esistenza di una doppia realtà: quella di chi lavorava nelle istituzioni ed elaborava e realizzava le politiche e quella di chi stava nel partito e pensava solo alla mediazione tra gruppi e cordate personali.

Sembra che adesso Macron lo abbia capito e ha preso un’iniziativa importante con il lancio della grande consultazione dei francesi che durerà 60 giorni. E’ già qualcosa, anzi è molto e segnerà il discrimine tra chi punta solo allo sfascio e chi vuole veramente far valere le sue ragioni.

Ma lo svuotamento della democrazia resta ed è la causa dell’incapacità delle élite di comprendere e governare il bilanciamento tra oneri e vantaggi, tra diritti e doveri, tra poteri e responsabilità. La perdita di fiducia è drammatica e lascia un caos sul quale puntano potenti soggetti geopolitici interessati alla disgregazione dell’Europa. Far crollare Macron oggi è la chiave per minare l’esistenza stessa dell’Unione Europea e dell’euro. Non è difficile immaginare che sia gli Usa di Trump sia la Russia di Putin anche per conto della Cina siano le potenze che ricaverebbero i maggiori vantaggi dalla rottura dell’Europa. E non è difficile immaginare che, apertasi una crepa in Francia, stiano facendo di tutto per allargarla il più possibile. Putin è abituato a questo gioco sporco, ma anche Trump non si fa certo scrupoli nello scendere sullo stesso terreno.

La posta in gioco in Francia non è il grido di dolore di una popolazione che ha vissuto la crisi molto di meno di altri e che gode di un livello di benessere e di tutela dei diritti sconosciuto sia ad est che ad ovest. Questo “grido di dolore” è artefatto e pompato da una propagazione mediatica di enorme potenza che ha lo scopo di aumentare la tensione e di suscitare l’identificazione di milioni di persone in tutta Europa con le ragioni dei manifestanti. Gli scontri con la polizia scientemente ricercati ed organizzati sono il requisito mediatico indispensabile per trasformare un piccolo fatto in un grande evento.

In definitiva la posta in gioco non riguarda soltanto la Francia, ma la nostra libertà di europei. Prima lo capiamo e meglio è

Claudio Lombardi

Opere pubbliche: il disastro a 5 stelle

L’inchiesta di Milena Gabanelli e Fabio Savelli pubblicata sul Corriere della Sera del 7 gennaio sulla gestione delle opere pubbliche attuata dal governo Lega M5S è un documento prezioso che andrebbe studiato. La scelta del ministro Toninelli di bloccare i finanziamenti a tutte le grandi opere già in corso per rifare le ormai mitiche analisi costi benefici si sta rivelando una follia senza senso e puramente ideologica che sta portando disoccupazione e crisi aziendali. I 5 stelle sono da sempre ostili alle grandi opere e l’analisi costi benefici è solo il pretesto per attuare un loro obiettivo: bloccare le grandi opere e dirottare i finanziamenti sulle opere di manutenzione del territorio. Inesperti e inconsapevoli non hanno calcolato che bloccare opere già avviate ha un costo enorme e colpisce imprese con decine di migliaia di dipendenti. Non si sono resi conto che passare dalle grandi alle piccole opere non è come cambiare distributore di benzina.

Dopo sei mesi di stop una tra le grandi opere bloccate è stata riavviata. Si tratta del Terzo Valico tra Genova e Milano ormai in avanzato stato di realizzazione. A Toninelli, incurante delle conseguenze sulle imprese appaltatrici, ci sono voluti sei mesi per capire che quell’opera andava completata. Un percorso analogo si sta compiendo anche per il tunnel del Brennero, per la pedemontana veneta, per l’alta velocità Brescia-Padova, per la Torino-Lione. Ovviamente per il governo del cambiamento che le imprese di costruzioni coinvolte siano a rischio fallimento importa ben poco. Loro puntano su quota 100 e sul reddito di cittadinanza, mica sul lavoro.

Nell’inchiesta della Gabanelli sono citati i casi di Astaldi, Grandi Lavori Fincosit di Roma, Tecnis di Catania e, da ultimo, la più grande cooperativa italiana, la Cmc di Ravenna. La società Condotte è finita in amministrazione straordinaria. Quindici delle prime 20 imprese sono in stato pre-fallimentare o in forte stress finanziario perché le entrate previste sono bloccate, mentre le uscite nei confronti dei fornitori che continuano ad accumularsi stanno costringendo molti piccoli imprenditori a chiudere.

Si tratta di aziende il cui lavoro dipende dalle decisioni politiche e già indebolite dai tempi della burocrazia e dalle modalità delle gare, che si svolgono spesso al massimo ribasso. Con queste premesse succede che le scadenze non vengono rispettate e spesso si finisce in tribunale in infiniti contenziosi con enormi richieste di risarcimento alle stazioni appaltanti pubbliche. La sola Anas che di queste è la più grande ha dovuto cancellare nel 2018 quasi 600 milioni di euro di lavori con la conseguenza di dover rispondere alle richieste di risarcimenti da parte delle imprese già esposte con banche e fornitori.

È un fatto che i bandi di gara pubblici siano crollati (meno 67% nell’ultimo anno e mezzo) e che gli iter dei finanziamenti pubblici ci mettono tempi infiniti per arrivare a destinazione.

Le opere incompiute sono 300 e i soldi già stanziati non vengono spesi. Infatti, sembra incredibile, ma di soldi in cassa il nuovo governo ne ha trovati tanti. Ben 150 miliardi tutti disponibili. Sarebbe stato logico incrementare l’utilizzo di questi fondi spingendo per la realizzazione di tutte le opere pubbliche già decise ed avviate. Ed invece è stato fatto il contrario. Il CIPE che è il motore di tutti i procedimenti di spesa si è riunito solo due volte in sei mesi. Piuttosto assurdo per un governo che trova in cassa una montagna di soldi da spendere, progetti già approvati e opere in corso.

Sta di fatto che nel negoziato con la Commissione Ue sono stati sacrificati gli investimenti togliendo un miliardo di finanziamento alle grandi opere per destinarlo come copertura ad altre misure. Facile indovinare che siano i cavalli di battaglia di Lega e M5S: quota 100 e reddito di cittadinanza oltre che l’aliquota del 15% regalata alle partite Iva.

È facile comprendere perché le imprese che lavorano alle grandi opere pubbliche siano tutte in crisi. Se i soldi a disposizione fossero stati spesi potevano portare oltre 400 mila posti di lavoro e salvare dal fallimento tante imprese che non ce l’hanno fatta.

Oltre al blocco o rallentamento delle grandi opere, oltre all’incapacità di spendere soldi già stanziati, oltre alla burocrazia e al codice degli appalti c’è anche il peso dei debiti non saldati dello Stato verso i suoi fornitori. Si tratta di decine di miliardi che pesano sui bilanci delle aziende.

Cosa sta facendo il governo per affrontare questi nodi? Nulla. L’analisi costi benefici è stata finora l’unica risposta. Un pretesto per non decidere e prendere tempo.

Il governo ha vissuto i suoi sei mesi sull’onda degli annunci e delle provocazioni, ma nella sostanza è riuscito solo a varare la legge di bilancio più confusa, pasticciata e inefficace degli ultimi anni. Mentre non riesce a far marciare le opere pubbliche con soldi pronta cassa, si è “impiccato” al deficit per distribuire sussidi d premi elettorali. Invece del lavoro ha scelto l’assistenza

Claudio Lombardi

La retromarcia del governo M5S Lega

Se gli italiani fossero tutti consapevoli della situazione del loro Paese dovrebbero arrabbiarsi con il governo M5S Lega. Rivisto adesso il film degli ultimi mesi sembra la brutta copia di una sceneggiata di una compagnia teatrale raffazzonata. Di Maio e compagni sul balcone che esultano per il deficit al 2,4%, la dichiarazione di voler “abolire la povertà”, Salvini che si esibisce nella parodia del fascista del terzo millennio (“me ne frego”, “tireremo dritto”, “chi si ferma è perduto”, “aspetto la letterina di Babbo Natale”). E poi le minacce di crisi di governo, la rivendicazione della sovranità assoluta in regime di moneta unica con altri 18 stati, lo sbeffeggiamento dei “burocrati” europei che sarebbero destinati a sparire dalla scena, l’attesa magica delle elezioni di maggio 2019 per avere una maggioranza di nazionalisti al vertice dell’Europa.

Tutta questa buffonata si è dissolta non appena la Commissione Europea ha detto che le regole si rispettano. Salvini e Di Maio hanno sbattuto il muso sulla dura realtà: i tanto deprecati “burocrati” europei hanno dietro i governi nessuno dei quali, a cominciare dai nazionalisti dell’Ungheria e dell’Austria, ha aperto il sia pur minimo spiraglio a favore dell’Italia.

Nel frattempo è arrivato il flop dell’asta dei Btp della settimana scorsa con la quale si dovevano raccogliere soldi innanzitutto tra i risparmiatori italiani. Ebbene il dato complessivo è che si è arrivati a 2-2,5 miliardi di euro contro un’aspettativa di circa 9 miliardi. I risparmiatori italiani che dovrebbero rispecchiare un consenso del 60% nei confronti del governo, non si sono fidati e non hanno comprato la loro quota di titoli pubblici.

Da ieri i due capetti del governo M5S Lega hanno cambiato atteggiamento e adesso si dicono disposti a far calare un po’ il deficit e a rinviare reddito di cittadinanza e quota 100 per dare più spazio agli investimenti. Sì certo continuano a dire che tutto resterà come prima, ma è solo l’ennesima presa in giro per i gonzi che ci credono.

Bisognerebbe applaudire a quest’opera buffa che è diventato il governo del cambiamento. Erano pronti alla crociata contro l’Europa, cianciavano addirittura di 60 milioni di italiani disposti a ribellarsi alla Commissione Europea e adesso fanno marcia indietro su tutta la linea. Come mai?

Primo non valgono niente come leader e come statisti. Salvini ha avuto buon gioco ad esibirsi con la sua sbruffonaggine, ma la Lega ha dimostrato capacità di governo nei territori, non a livello nazionale dove sta mostrando una confusione di idee pari all’arroganza del suo capo. Se ne sono accorti società civile, artigiani e industriali del nord che sono già scesi in piazza a protestare e che nelle prossime settimane hanno organizzato diverse manifestazioni a Milano, Torino e in Veneto. Non era mai accaduto prima d’ora. Perché lo fanno?

Perché lo spread cioè gli interessi che paghiamo sul debito è costantemente sopra 300 punti rispetto a quello di riferimento della Germania e questo significa un analogo incremento degli interessi sul credito e un riflesso anche sui mutui che penalizza fortemente le imprese. Perché nella manovra del governo non ci sono interventi a favore di chi crea lavoro, ma anzi un aggravio fiscale per le piccole imprese. Perché la produzione si sta fermando e il governo pensa di prendere in giro tutti favoleggiando di un aumento del Pil completamente inventato. Perché finora i soli annunci del governo sono costati all’Italia 100 miliardi di euro tra maggiore spesa per interessi e diminuzione del valore della ricchezza finanziaria delle famiglie (dati Banca d’Italia). Perché dietro l’angolo c’è il rischio di un default dello Stato.

Quando? Tra pochi mesi quando il Tesoro dovrà vendere decine e decine di miliardi di titoli di Stato per finanziare la spesa corrente (stipendi, pensioni, servizi, assistenza, sanità) e c’è il rischio che la sfiducia nei confronti dell’Italia faccia ripetere il flop dei Btp di pochi giorni fa. La differenza è che siccome l’Italia campa a debito se non riesce a trovare i finanziamenti fallisce. Passi per i 7-9 miliardi di giovedì scorso, ma 40-50 miliardi che vengono a mancare sarebbero un colpo micidiale.

Ecco dove può finire la favola della sovranità declamata in chiave isolazionista dai capetti del governo. L’Italia contro tutti che esiste solo nella loro fantasia malata di ambizione e di avventurismo. E, statene certi, l’unica salvezza per noi può venire da una rinnovata solidarietà europea e dal rafforzamento dei legami con gli stati più forti che ne stanno preparando una riforma storica.

Macron e Merkel hanno indicato nella creazione di un esercito europeo e nell’istituzione di un bilancio dell’eurozona con la formazione di un fondo per gli investimenti nei paesi che ne fanno parte (ma che rispettino le regole) i due traguardi più importanti per il prossimo anno. C’è da dubitare che Lega e M5S comprendano il significato del cambio di passo che Francia e Germania stanno imprimendo al governo dell’Europa. E pensano che l’Italia ne possa star fuori? Sarebbe un crimine contro gli italiani, un atto di autolesionismo che pagheremmo a caro prezzo.

Ma l’Italia è al tappeto soprattutto perché sono venuti al pettine i nodi di un sistema di governo che ha generato un debito gigantesco ormai insostenibile. Nel debito ci sono decenni di politiche clientelari, di problemi lasciati a decantare, di assistenzialismo malato, di sostegno a un capitalismo arretrato. Piano piano anche gli elettori leghisti e penta stellati cominciano a capire che nessuna sovranità è possibile con quel debito e che la panzana di un ritorno alla lira metterebbe la pietra tombale sullo sviluppo dell’Italia per molti anni. Il nostro Paese fuori dall’euro e dall’Europa non avrebbe scampo.

Sarebbe pure ora di mettere fine alla sceneggiata del peggior governo della storia repubblicana, un’accozzaglia di esibizionisti, bulli, ignoranti, incapaci, cialtroni. Bisogna tornare a votare sperando che gli italiani capiscano la lezione e scelgano persone serie alle quali consegnare il potere

Claudio Lombardi

La risposta del governo alla Commissione Europea

Pubblichiamo un graffiante articolo di Mario Seminerio sulla risposta del governo alle osservazioni della Commissione Europea sul bilancio 2019. Tratto dal sito www.phastidio.net

E dunque il governo italiano ha replicato alla Commissione Ue, mantenendo la propria posizione: la legge di bilancio più disfunzionale della recente storia italiana non si tocca; al più, saranno previste misure di “salvaguardia” che oscillano tra l’irrealizzabile e l’autolesionistico, dopo che il ministro dell’Economia ha deciso di prestare sino alla fine la sua immagine e la sua storia professionale a questa gigantesca operazione di voto di scambio di chiaro intento suicidario per il paese.

Già ieri, dopo un tentativo (almeno secondo la stampa) di rivedere al ribasso le stime di crescita per il 2019, Giovanni Tria non aveva trovato di meglio che dettare alle agenzie il proprio pensiero, e ribadire che le stime di crescita sono frutto di “valutazione squisitamente tecnica”, e come tali “non possono diventare oggetto di negoziato alcuno dentro o fuori dal governo” .

Che non è chiaro che significhi, esattamente: in cosa si sostanzierebbe, la “valutazione tecnica”? In una stima di crescita che è ormai del tutto irrealistica, vista l’evoluzione congiunturale? E provare a fare girare nuovamente i modelli, per verificare quello che è sotto gli occhi di tutti? Oppure la “valutazione tecnica” si sostanzia nei numeri al lotto dei moltiplicatori attesi dalla manovra? E qui servono alcune precisazioni di senso logico, prima che economico.

Se la congiuntura rallenta ma il governo tiene ferma la stima di crescita, ciò significa una ed una sola cosa: che i moltiplicatori aumentano. E già qui si fatica a restare seri. Ma non è tutto. Leggendo la lettera di replica di Tria alla Commissione, si apprende che il governo italiano punta ad alcune misure di “salvaguardia”. Ad esempio, il deficit-Pil per il 2019 al 2,4% è considerato (tenetevi forte) “limite invalicabile”.

Niente meno. Il che vuol dire che il deficit sarà sottoposto a

«[…] costante monitoraggio, verificando sia la coerenza del quadro macroeconomico sottostante le ipotesi di finanza pubblica, sia l’andamento delle entrate e delle spese»

Sarebbe troppo facile segnalare al ministro che la “coerenza del quadro macroeconomico sottostante alle ipotesi di finanza pubblica” è già andata a farsi fottere, date le stime di crescita, ma quello che è ancora più surreale è che questo precetto implica che, in caso di crollo della crescita, il governo italiano promette solennemente di adottare una stretta fiscale, per esacerbarne gli effetti. Sembra quasi che l’esecutivo pensi che, data la pessima qualità della spesa pubblica, se andiamo a comprimerla riusciamo a stimolare la crescita. La realtà è che, se mai dovessero andare a difendere il “limite invalicabile” del rapporto deficit-Pil, ciò avverrà con una stretta tributaria, ed ulteriori danni.

In aggiunta, Tria “segnala” alla Commissione che la manovra è “costruita sul tendenziale e non tiene conto della crescita programmata”. Tradotto: poiché puntiamo a 1,5% e non a 0,9%, avremo circa uno 0,2% di Pil di maggiori entrate fiscali “virtuali” indotte da questa previsione, e di conseguenza il deficit-Pil andrebbe previsto al 2,2% e non al 2,4%. Meraviglioso: inventarsi la crescita per poi spendersi l’extragettito. Ci si chiede perché non immaginare un bel 2% di crescita, con tesoretto fiscale “programmatico” di 0,4%, allora. Oppure il 3%, con beneficio di 0,7%. Avremmo quadrato i conti prima e meglio, ipotizzando di avere come interlocutori la famosa colonia di gibboni. Il genio italiano della truffa, spesso ritratto nella nostra cinematografia, non è più quello di una volta, ahimè.

Segue poi, direttamente dal governo che combatte le “privatizzazioni” e vuole dare nuovo impulso allo stato imprenditore e regolatore, l’ideuzza di mettere un bel rinforzino alla discesa del rapporto debito-Pil, iscrivendo al bilancio 2019 proventi da dismissioni per ben 18 miliardi di euro, l’1% del Pil. Saranno “immobili che non servono”, si è affrettato a dire Giggino, per non irritare l’ala statalista dell’esecutivo, e magari anche revisioni ai regimi di concessione. Peccato che questi ultimi giungano a scadenza nei decenni, quindi anche la loro meritoria revisione non si materializzerà nell’arco del triennio di previsione. Ma resta sempre in essere qualche magheggio con la Cassa Depositi e Prestiti, sempre che le fondazioni bancarie e Giuseppe Guzzetti siano d’accordo.

Quanto al resto, ho già detto e scritto alla nausea: una misura sulle pensioni che fa esplodere il debito pensionistico e mette una corda al collo delle giovani generazioni, spacciata come un’epocale generazione di nuova occupazione (attenderete a lungo, ragazzi); la previsione di spesa pensionistica nel 2019 che è già del tutto sballata, secondo i calcoli dell’Ufficio parlamentare di bilancio; la necessità di avere effetti differiti dei pensionamenti “perché altrimenti la pubblica amministrazione entra in sofferenza”, con tutte quelle uscite. Abbiamo fretta di avere risultati ma non subito, perché dobbiamo limitare il tiraggio di spesa pubblica. E poi aiutiamo le imprese, come noto, con un epocale alleggerimento fiscale. Ah no, aspetta.

Dovrebbe esserci un “limite invalicabile” anche a stupidità e malafede. Purtroppo pare che quel limite, nel caso italiano, sia stato spostato enormemente più in là.

1 2 3 22