Evasione fiscale: la figuraccia del Governo

No il decreto legislativo che doveva semplificare i rapporti tra fisco e contribuenti non cambia per niente verso, ma liscia il pelo agli evasori. Che il governo Renzi approvi un provvedimento che depenalizza la fatture false entro i mille euro, l’evasione in percentuale al reddito imponibile e il mancato versamento dell’IVA va nella direzione di rendere le cose più facili a chi evade e froda il fisco.

Ovviamente dentro ci cascano anche tante situazioni nelle quali sono coinvolti piccoli evasori, dall’artigiano alla colf. Ma ci cascano anche i grandi contribuenti e i grandi evasori che sono ben contenti di nascondersi dietro l’evasione del muratore in pensione che rivernicia una stanza senza fattura. E poi le false fatturazioni non sono cose da piccoli evasori, ma strumenti ben studiati di evasioni sistematiche.

Se proprio si voleva depenalizzare si potevano stabilire soglie di reddito credibili e non in percentuale sotto le quali arrivano sanzioni pecuniarie e non penali. Il modo che ha scelto il governo è il peggiore compresa la marcia indietro appena la cosa è stata resa pubblica a conferma che qualcosa di non pulito c’era.

Ora tutti si stupiscono a cominciare da Renzi, ma siamo in Italia e non nel regno dei sogni e qui l’evasione fiscale non è fantasia, ma discriminante per ogni  progetto di governo. Strano che Renzi, Padoan e gli altri non ci abbiano pensato…

Un commento

  • Codesto intervento è assolutamente scritto come si deve,
    come l’intero sito generalmente. Son un assiduo lettore, a presto.

    articolo veramente d’interesse

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *