Francesco, Aldo, Lorenzo, Gino: la lunga marcia della pace (di Lilly Ippoliti)

Cinquanta anni fa’ Aldo Capitini, per la prima volta, faceva partire una marcia piuttosto insolita da Perugia ad Assisi.

Innanzi tutto è la scelta del traguardo che ha un valore speciale: Assisi, la città di Francesco, la città della Pace.

La formula del camminare insieme contiene già tutti i significati simbolici cari a questo grande obiettore di coscienza che spalancherà un orizzonte praticamente sconfinato per le coscienze dei giovani, fino a pochi anni fa’, obbligati ad un servizio militare che li voleva pronti e attivi per la guerra.

Nessuna guerra è giustificabile (neppure quella di difesa) e chi fa obiezione di coscienza diventa obiettore per sempre.

Sono questi i capisaldi su cui si posa l’ideale di Capitini e non solo….

Lorenzo Milani è un’altra voce autorevolissima in questo campo così come Gino Strada per rimanere nei confini italiani. Infatti vengono da tutto il mondo le richieste dell’abolizione di ogni forma di violenza .

I media sostengono che quest’anno la gente ha partecipato meno numerosa perchè era molto più interessata al processo di Perugia per l’omicidio di Meredith che al discorso della Pace.

Se è davvero così, questo è un gran brutto segnale.

Le Associazioni che si impegnano per i diritti umani, i movimenti e i singoli cittadini si trovano davanti ad una nuova sfida grave quanto una dichiarazione di guerra.

Si profila sempre più netta la necessità di intervenire nel sociale e nell’ambito dell’impegno civile contro l’immenso degrado etico in cui stiamo sprofondando.

I primi obiettori si sono fatti anni di carcere per restare fedeli alle loro scelte e hanno aperto così la strada ai ragazzi che sono venuti dopo di loro.

Noi non possiamo lasciar cadere il testimone per pigrizia, menefreghismo, superficialità e simili.

Si dice che è difficilissimo ormai porsi degli obiettivi etici. Può darsi che sia vero ma può anche darsi che il corteo multicolore, gioioso, pacifico e responsabile che percorre ogni anno i venti km. da Perugia ad Assisi in questo dolce inizio d’autunno non ci consenta di scivolare nell’indifferenza.

Sicuramente sarà capace di prenderci per mano e condurci verso una maturità personale e collettiva degna di ogni essere umano perchè “non esistono luoghi troppo vicini o troppo lontani ma solo orizzonti a misura del nostro coraggio”.

Lilly Ippoliti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *