Il modello nordeuropeo esempio da cui imparare

Pubblichiamo alcuni estratti da un articolo apparso sul sito https://www.weforum.org. L’autore è Børge Brende presidente del World Economic Forum.

I paesi nordici hanno aperto la strada a un modello sociale e di governance che concilia crescita e dinamismo con uguaglianza e pace sociale. (….)

Il modello nordico – Danimarca, Finlandia, Islanda, Norvegia e Svezia – che da anni sta facendo da apripista ha alcune componenti di base: uno stato sociale con istruzione e assistenza sanitaria gratuite e di alta qualità; un modello di “flessicurezza” di occupazione, che combina assunzioni e licenziamenti flessibili con una forte sicurezza sociale; mercati aperti con tariffe basse e barriere commerciali minime.

Ma insieme a questi attributi ben noti, il modello nordico ha un altro elemento, meno apprezzato: un nazionalismo costruttivo.

Questo nazionalismo non è definito dal luogo di origine o dal colore della pelle, ma dal contributo di ciascuno al benessere della comunità. (….)

Capito correttamente, il modello nordico fornisce importanti lezioni al resto del mondo.

Grazie alla loro ricchezza, bassa disuguaglianza e stati sociali ben funzionanti, i paesi nordici sono stati a lungo indicati come esempi per altre nazioni industrializzate.

Gli ideologi hanno spesso indicato due fattori quali artefici del loro successo: ampio supporto sociale, da un lato e libero scambio, dall’altro, e hanno cercato di estrapolarne uno schema per l’intero sistema. (…)

L’attributo finale del modello socioeconomico nordico è il libero scambio e la concorrenza. Tale politica ha consentito alle società e agli imprenditori nordici di competere sui mercati globali accogliendo al contempo le importazioni dall’estero.

Ha reso i paesi nordici tra le economie più aperte e competitive al mondo (…)

Il modello nordico riguarda meno l’ideologia ma piuttosto un impegno fondamentale per un progresso inclusivo e sostenibile.

Una conseguenza di questo approccio al libero scambio è che i paesi nordici hanno registrato marcati declini in alcuni settori: la Danimarca, ad esempio, era un tempo il cantiere navale mondiale, ma ha ceduto quella posizione ai concorrenti in Cina, Turchia e Corea del Sud, che possono costruire navi a costi molto più bassi grazie a una combinazione di salari più bassi e sostegno statale.

Ma le società danesi non hanno reagito chiedendo tariffe, sussidi o salari più bassi per i propri dipendenti, ma piuttosto specializzandosi e spostando la catena del valore. Le aziende che un tempo costruivano intere navi ora costruiscono motori utilizzando manodopera altamente qualificata e tecnologie all’avanguardia.

Nel complesso, questo modello socioeconomico (…) ha funzionato per tutte le parti interessate. I lavoratori dei paesi nordici sono tra i più istruiti e meglio pagati al mondo, dando vita a una società con disuguaglianze molto basse.

Praticamente l’intera popolazione termina il liceo e la maggior parte degli studenti continua la propria istruzione attraverso università o istituti tecnici specializzati. (…)

I lavoratori sono inoltre costantemente “riqualificati”, con le aziende che forniscono ogni anno tempo libero per la formazione (…). Ciò significa anche che i lavoratori licenziati hanno maggiori probabilità di trovare una nuova occupazione: a differenza di altri paesi industriali, non devono cercare nuovo lavoro con formazione o istruzione obsolete. Anche tra i lavoratori manifatturieri, la disoccupazione oggi è estremamente bassa e i salari rimangono alti.

Le aziende, da parte loro, sono libere di ricercare le ultime tecnologie e ottimizzare le proprie forze di lavoro per incorporare nuovi processi produttivi. Ma ciò non ha portato alla scomparsa del lavoro dei colletti blu. Al contrario, Volvo, la casa automobilistica svedese di proprietà della società cinese Geely Holding, ad esempio, non solo ha mantenuto le sue funzioni di sede centrale, sviluppo del prodotto, marketing e amministrazione presso la sua sede di Göteborg, ma produce ancora automobili, motori e componenti in Svezia. E Saab, nonostante non produca più automobili, mantiene l’80% della sua forza lavoro globale di 17.000 persone in Svezia. Si è trasformato in una società high-tech, attiva nel campo dell’aeronautica, della sorveglianza e di una serie di servizi correlati, migliorando i suoi lavoratori lungo il percorso.

Anche il governo beneficia di questo modello socioeconomico. Ospitare aziende competitive e una forza lavoro ben istruita e ben retribuita ha permesso ai nordici di ridurre il loro debito sovrano: in Svezia il rapporto debito pubblico / PIL è sceso dall’80% nel 1995 al 41% nel 2017. (…)

La parte meno celebrata del modello nordico è il suo nazionalismo, forte ma costruttivo. Essere danese, finlandese, norvegese o svedese significa soprattutto acquisire valori sociali positivi. Il patriottismo nordico è incentrato sull’impegno per un modello socioeconomico che promuova la fiducia dei cittadini, del settore privato e del governo e incentivi le persone a contribuire (….) al benessere della società in generale.

La fiducia che i cittadini nordici hanno l’uno nell’altro e l’identità nazionale condivisa alla base di tale fiducia offre notevoli vantaggi. Permette a governi, sindacati e imprese di lavorare in collaborazione invece di essere avversari. Garantisce che i governi siano tenuti a elevati standard di integrità e trasparenza e quindi a fornire servizi efficaci (….)

In particolare, il nazionalismo nordico ha storicamente consentito l’integrazione dei nuovi arrivati. All’inizio degli anni ’90, ad esempio, i paesi nordici hanno accolto centinaia di migliaia di rifugiati dai Balcani. Le prime ondate di immigrazione hanno prodotto alcuni dei membri più importanti della società di oggi, come il calciatore svedese Zlatan Ibrahimovic, nato in Svezia da padre musulmano bosniaco e madre croata cattolica. E al culmine della crisi dei rifugiati siriani nel 2015, la Svezia ha concesso asilo a più persone rispetto a qualsiasi altro paese europeo, ad eccezione della Germania.

A dire il vero, l’integrazione è stata una sfida per ogni ondata di migranti. E dal 2015 la Svezia e altri paesi nordici hanno imposto limiti più severi sull’immigrazione. Ma questi cambiamenti politici sono stati fatti per ragioni pragmatiche. Cioè per garantire, dopo anni di incremento del numero di immigrati, una più efficace integrazione. (….)

I nordici sono oggi in prima linea nella Quarta Rivoluzione industriale, che ha introdotto robotica ad alta tecnologia, intelligenza artificiale, stampa 3D, medicina di precisione e altre innovazioni. (….)

Il modello nordico conferma un vecchio detto: non puoi predire il futuro, ma puoi prepararti. (…) Con l’accento su un’istruzione di qualità e una formazione coerente, i paesi nordici hanno costruito alcune delle economie della conoscenza più avanzate al mondo. Le loro forze di lavoro sono altamente qualificate e altamente adattabili dall’alto verso il basso.

Il modello nordico (…) offre un modo per le società di prosperare economicamente, socialmente e tecnologicamente, guidate non dall’ideologia ma da un atteggiamento pragmatico (….). Offrendo ai propri cittadini pari opportunità, hanno rafforzato la legittimità dell’economia sociale di mercato. (….)

Altri paesi farebbero bene ad apprendere da questo esempio. Anche loro possono creare fiducia tra i cittadini. Anche loro possono promuovere il dinamismo economico e la concorrenza garantendo la sicurezza dei lavoratori e difendendosi dal protezionismo e dall’isolazionismo. Anche loro possono avere mercati aperti e aziende competitive, pur continuando a riscuotere abbastanza tasse per fornire servizi pubblici efficaci e finanziare uno stato sociale espansivo. Il modello nordico, in breve, offre un messaggio di speranza

(a cura di Pietro Zonca)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *