Il pericolo delle persone normali

Dalla cronaca impariamo tante cose. Per esempio quanto siano pericolose le persone “normali”. Ormai sono tanti i delitti, le stragi, i massacri compiuti da questa scheggia impazzita della “normalità”.

Senza bisogno di andare tanto lontano (negli USA o in Norvegia per esempio), basta rileggere con il distacco dell’osservatore le cronache italiane nel corso degli anni e scoprire che delitti orribili sono nati e sono stati compiuti nella più banale quotidianità: c’è quello che organizza l’omicidio della moglie per essere libero di portare avanti una relazione extra; c’è la coppia di fidanzatini che massacra mamma e fratellino senza un movente; c’è il festino di studenti che finisce nel massacro di una ragazza; c’è la strage di madre e figli compiuta in alternativa alla separazione; c’è l’omicidio con stupro di una ragazzina con la partecipazione dei suoi “cari”.

Insomma il campionario è vasto. Troppo. I fatti dimostrano che i delitti più spaventosi vengono compiuti da persone “normali” per motivi che sarebbero inspiegabili se non fossero manifestazione di una spaventosa superficialità e della considerazione di altri esseri umani – al di fuori di una situazione di guerra che non giustifica, ma spiega – come meri ostacoli o oggetti da usare e da buttare senza riguardi.

I fatti dimostrano anche che tanto chiasso sugli immigrati ci distoglie dalla brutale e dura realtà che le cronache ci sottopongono: il pericolo non viene da fuori, ma da dentro noi stessi.

Spiegazioni non ce ne sono a meno che non si voglia tirare in ballo l’educazione, la violenza che viene insegnata fin dai cartoni animati che vedono i bambini e poi prosegue nei film e telefilm che alimentano l’immaginario degli adulti, l’assoluto individualismo egoista che sembra diventato il valore che sovrasta tutti gli altri. Tutte spiegazioni vere, ma non sufficienti.

L’inspiegabile accade

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *