Intercettazioni: ciò che interessa ai cittadini e il comodo bavaglio (di Alessandro Cossu)

Ci risiamo. Ogni qual volta le intercettazioni riguardino da vicino il mondo della politica o esponenti ad esso prossimi, riparte la guerra contro il loro uso, al grido di “buttiamo via i soldi”, “cose penalmente irrilevanti”, “la macchina del fango”, e così via.

Questi carissimi benpensanti, che si nascondo anche dietro i microfoni di network televisivi e radiofonici in cui si definiscono “indipendenti” e “amanti della sola giustizia”, sostengono però un mare di banalità e molte volte vere e proprie falsificazioni. Tra tutti questi, mi ha particolarmente colpito l’uscita di Massimo D’Alema, indignato da “questa valanga di intercettazioni che di penalmente rilevante non hanno nulla”. Che tempismo, mister Max, e chissà perché questa uscita solo ora.

Partiamo anzitutto con il valore economico delle intercettazioni. In effetti, secondo i dati forniti da Eurispes, l’incremento delle intercettazioni negli ultimi 7 anni è stato notevole: se nell’anno 2001 i telefoni intercettati erano 32.000 circa, nel 2002 sono diventati 45.000, nel 2003 quasi 78.000, nel 2004 quasi 93.000, nel 2005 oltre 107.000, con un ulteriore incremento nell’ultimo biennio sino a giungere al numero di 112.623 nell’anno 2007.

La spesa complessiva nel periodo 2001/2007 è stata di € 1.600.000.000 e ha raggiunto la somma di € 224.000.000 nel 2007, pari a poco meno del 3% del Bilancio del Ministero della Giustizia.

I costi delle indagini variano in relazione alle tariffe praticate dalle società private che si occupano della materiale attività di intercettazione, non avendo lo Stato strutture adeguate, in assenza di una normativa destinata a calmierare e unificare questo ricco “mercato”. In secondo luogo, potrebbe accadere che il costo apparentemente notevole di una singola inchiesta, potrebbe essere ampiamente coperto se non addirittura superato dal denaro recuperato attraverso le successive fasi processuali. Nel caso delle intercettazioni che hanno riguardato Antonveneta, la spesa di circa € 7.900.000,00 è stata “surclassata” dalle restituzioni e dai risarcimenti di coloro che hanno patteggiato la pena, giunti ad oggi ad un importo vicino ad € 350.000.000,00.

O, ancora, i risultati di una inchiesta condotta  a Firenze su di una azienda locale, permetteranno da soli di coprire il costo dell’intero anno di lavoro.

Al di là poi della copertura economica, lascio a voi immaginare come si potrebbero mandare avanti indagini in settori come la criminalità organizzata, il terrorismo, o la corruzione senza poter fare ricorso alle intercettazioni. Anche qui, i miei cari benpensanti hanno risposto dicendo: “così gli investigatori ricominceranno a fare il lavoro di indagine vero”. Come a dire che sebbene io possa utilizzare un aereo per andare da Roma a New York debba andarci con una barca a vela. Così ricomincio a viaggiare come una volta. E chissà perché poi, molti di questi stessi sostenitori non rinuncino alla loro bella auto blu a favore di una bicicletta, così potrebbero ricominciare a pedalare.

Come tutti sapete, il nuovo tentativo di imbavagliare l’informazione, franato più volte sotto la spinta popolare, è il risultato delle intercettazioni su uno degli uomini meno noti ai più, ma presente e pesante lì dove conta, Bisignani. Le trascrizioni delle intercettazioni che lo riguardano, anche lì dove non ci siano risvolti penalmente rilevanti, credo però siano fondamentali per l’opinione pubblica, per tutti noi. Come avremmo potuto avere una fotografia più nitida dello spessore culturale e gestionale di un uomo come l’ex Direttore Generale della Rai Mauro Masi? O dei movimenti intorno al servizio pubblico per fare di tutto per far scendere gli ascolti della Rai a favore del suo diretto concorrente? O capire ancora, al di là delle belle dichiarazioni di facciata, degli amorevoli scambi di opinioni sui diversi componenti della maggioranza? Della reale tenuta politica di una maggioranza parlamentare raccogliticcia?

E’ anche se tutto questo non avesse rilevanza penale (visto che saranno poi i Tribunali veri a dircelo ufficialmente), fa emergere un sistema in cui “eminenze grigie”, come si sarebbe detto una volta, possono permettersi di dettare una linea politica o una strategia di azione a organi dello Stato. Penalmente rilevante no, ma stomachevole e ributtante si, non credete? E senza neanche bisogno di ricordare gli aggettivi e le espressioni utilizzate durante queste conversazioni.

Non voglio certo sostenere che sia giusto mettere in piazza i fatti di tutti, ma ricordiamoci sempre che stiamo parlando di personaggi pubblici, e che, come tali, non possono non vedere ristretta la loro sfera privata. Vale la pena ricordare che in molti luoghi del mondo è bastato molto meno per far sparire dai parlamenti e dalla politica personaggi anche di primissimo piano. Da noi no,  tutti uniti in coro a dire che “lo scandalo non è nei comportamenti tenuti, piuttosto nella pubblicazione di intercettazioni che di penalmente rilevante non hanno nulla”. Gli stessi che poi vi ricorrono in quantità industriali per eliminare un concorrente sgradito al gruppo di riferimento.

Credete davvero, voi signori, che in una epoca come questa una leggina bavaglio servirà davvero a salvarvi dai vostri comportamenti? O forse varrebbe la pena che per una volta vi convinceste che i cittadini sono molto meglio e meno facilmente raggirabili di quanto voi pensiate?

Alessandro Cossu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *