Intoccabili evasori (di Vincenzo Visco da www.lavoce.info)

La lotta all’evasione fiscale sembrava essere un punto centrale del programma del nuovo governo. Invece, dalle misure varate emerge continuità con il recente passato. Perché si continua a ritenere che il fenomeno si combatte con gli accertamenti, non con la deterrenza e la promozione sistematica dell’adempimento spontaneo. Si è rinunciato alla creazione di una rete di informazioni, generalizzata e onnicomprensiva, per conoscere la situazione patrimoniale complessiva di ciascun contribuente.

Nel programma del nuovo governo la lotta all’evasione fiscale sembrava essere un punto centrale, caratterizzante. Guardando i provvedimenti effettivamente varati, così non sembra, così non è.

Cos’è davvero la tracciabilità

Quella che emerge è una sostanziale continuità con l’approccio seguito dal governo Berlusconi che, pur avendo fatto poco, era riuscito a convincere molti di aver realizzato successi strepitosi nella lotta all’evasione.

Si è parlato di 35 miliardi di gettito recuperato in un solo anno dall’amministrazione. È stato tuttavia dimostrato che facendo bene i conti ed evitando di manipolare i dati, il presumibile recupero effettivo si riduce a circa 1,5 miliardi. A ben vedere l’unico risultato tangibile ottenuto dal precedente governo e dall’attuale amministrazione è stata la riduzione delle compensazioni Iva (6 miliardi) recuperando e rendendo più incisiva una norma già introdotta dal governo Prodi e subito abrogata da Berlusconi. In altre parole, la strategia seguita, basata prevalentemente sulle verifiche e sui controlli delle dichiarazioni, appare chiaramente insufficiente.

Ciò è inevitabile se si continua a ritenere che l’evasione si combatte essenzialmente ex-post, con gli accertamenti (magari induttivi come quelli basati sul redditometro), e non anche ex-ante, con la deterrenza e la promozione sistematica dell’adempimento spontaneo, strategia seguita con successo negli unici due periodi in cui l’evasione si è effettivamente ridotta nel nostro paese, quelli tra il 1996 e il 2000 e tra il 2006 e il 2008).

La deterrenza si ottiene se i contribuenti sono consapevoli del fatto che il fisco può essere portato a conoscenza delle loro attività o dei loro guadagni da parti terze: questo e non altro è il significato del termine “tracciabilità” che riguarda essenzialmente la conoscenza delle transazioni effettuate. Nel dibattito corrente il termine “tracciabilità” viene spesso identificato con la riduzione dell’uso del contante. Non è così. La riduzione dell’uso del contante è sicuramente un obiettivo strategico nel contrasto all’evasione, va però perseguito non già fissando soglie generali, ma diffondendo l’uso di strumenti di pagamento elettronico anche, e direi soprattutto, per le piccole (e minime) transazioni (cosiddetto “borsellino elettronico”) come avviene in Francia, Belgio e via dicendo. E individuando settori e pagamenti in cui si può imporre il ricorso a ritenute o si può imporre il divieto dell’uso del contante, come fu fatto per esempio dal governo Prodi per quanto riguarda i compensi dei professionisti.

Tracciabili sono anche i rapporti che prevedono il ricorso a ritenute che andrebbero generalizzate. A quanto è dato di sapere nella manovra vi sono (forse) alcune norme volte a incentivare i pagamenti elettronici ed è prevista la riduzione a mille euro dell’uso del contante, norma che risulterà di scarsa utilità pratica dal momento che potrà essere facilmente elusa e ha poco a che vedere con la “tracciabilità” ai fini fiscali. In altre parole, non bisogna confondere l’evasione fiscale con il riciclaggio.

Un incentivo per essere onesti

Vi è poi una norma veramente singolare che a qualcuno potrebbe apparire addirittura provocatoria: si prevede, cioè un incentivo per quei lavoratori autonomi e piccole imprese che accettano un tutoraggio diretto dei loro conti e attività da parte delle amministrazioni finanziarie che prevede anche l’uso di strumenti elettronici di pagamento e fatturazione; in sostanza un incentivo a essere “onesti”. Con il risultato che solo chi già paga le tasse perché già si trova nelle condizioni tecniche per non poter evadere aderirà (monomandatari, lavoratori precari con ritenuta d’acconto, eccetera), e quindi si verificherà una situazione paradossale per cui gli “onesti” saranno “tracciati” e i “disonesti” resteranno fuori dalla possibilità di controllo del fisco. Né si capisce perché mentre un lavoratore dipendente è costretto a essere “onesto”, e cioè pagare fino all’ultimo euro (ritenuta alla fonte), un autonomo debba invece essere “incentivato”.

Uno strumento di deterrenza-controllo molto importante è l’elenco clienti-fornitori (fonte fondamentale di third party information). Sollecitato in proposito, il governo ha sostenuto che reintrodurre questa misura, soppressa dall’esecutivo Berlusconi, ma che aveva dato risultati molto rilevanti nel breve periodo in cui era stata in vigore, era inutile perché è già prevista l’applicazione della fatturazione elettronica. Chi scrive ha varato le norme che hanno introdotto la fatturazione elettronica in Italia, ma ha anche introdotto l’elenco clienti-fornitori (previsto in via temporanea) nella consapevolezza che prima che la fatturazione elettronica possa andare a regime potranno passare anche dieci anni, e che d’altra parte sarebbe pericoloso collegare fin dall’inizio il nuovo strumento all’attività del fisco.

Nel suo intervento alle Camere sul programma di governo il presidente Monti aveva indicato la necessità di pervenire alla conoscenza dello stato patrimoniale di ciascun contribuente. In proposito alcuni mesi fa Guido Tabellini e altri avevano proposto di prevedere una dichiarazione apposita. Tuttavia sarebbe inutile costringere i contribuenti a compilare una ulteriore dichiarazione la cui veridicità dovrebbe poi essere verificata (presso le banche). Più semplice sarebbe (stato) chiedere direttamente alle banche di inviare al fisco le consistenze iniziali, finali e medie dei conti gestiti e l’importo complessivo delle operazioni, così come avviene in Francia e in altri paesi, in modo da poter ricostruire, utilizzando anche i dati del catasto, la situazione patrimoniale complessiva di ciascuno. Sfortunatamente i buoni propositi sono rimasti tali e la pubblicazione dello stato patrimoniale è stata limitata esclusivamente ai ministri!
Altre misure di “tracciabilità” potrebbero essere indicate. Purtroppo il governo ha rinunciato (o rifiutato) a percorrere coerentemente questa via, impopolare forse, ma sicuramente efficace, e cioè di creare una rete di informazioni, generalizzata, omnicomprensiva, poco costosa perché si tratta di informazioni già disponibili e accessibili, in grado di fornire deterrenza ex ante e strumenti per l’accertamento ex post. Confermando invece una strategia perdente perché reticente e perché non affronta alla radice il problema dell’evasione di massa nel nostro Paese. Quasi che fosse più facile e meno impopolare bloccare l’indicizzazione delle pensioni piuttosto che aggredire evasione ed evasori.

Vincenzo Visco da www.lavoce.info 6 dicembre 2011

Un commento

  • Che ne pensa Visco della possibilità di dedurre dal proprio reddito TUTTE le spese necessarie al sostentamento.
    Questa scelta comporterebbe il bisogno di tutti i cittadini consumatori di “tracciare” le poprie spese e, quindi, automaticamente, gli incassi delle aziende e dei professionisti che oggi non fatturano.
    Si potrebbe persino pensare ad utilizzare la tessera sanitaria, per mandare le transazioni direttamente nei file della finanza.
    E’ la proposta che avanza l’Assopciazione Art. 53, che mira a rendere veramente progressivo il sistema fiscale di questo paese che.. in contrasto con la Costituzione.. è oggi addirittura regressivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *