Israele e i delitti

Un delitto orribile è un delitto orribile. Anche noi italiani ne abbiamo di vari tipi: da quelli mafiosi a quelli a sfondo sessuale. Bambini uccisi per vendetta, a volte sciolti nell’acido; ragazzine stuprate e uccise; ragazzine uccise per gelosia; famiglie sterminate per pura demenza o per delirio di onnipotenza adolescenziale. Il campionario è così vasto che è inutile esporlo.

Come noi anche tutti gli altri paesi: dagli Usa, alla Norvegia del pazzo sterminatore di 77 giovani, all’India ecc ecc..

Per questo non possiamo meravigliarci se un delitto orribile viene compiuto anche in Israele. Lo sfondo o la motivazione politica è quasi inevitabile in una zona del mondo dove lo stato di guerra dura da più di 40 anni e divide due popolazioni lungo la linea dell’odio.

La situazione di quei territori dovrebbe essere nota a tutti: due popoli, ma non due stati bensì uno solo che dispone del potere quasi assoluto sull’altro e che non intende concedere nulla più che uno status di occupazione militare.

Questo è il contesto nel quale si realizza l’omicidio di Hebron. Che sia o no un atto di terrorismo lo dovrebbero stabilire le indagini. Che le conseguenze possano essere atti di guerra contro la popolazione palestinese con distruzioni e tanti morti non responsabili di nulla (tra cui donne, vecchi e bambini) non ha alcuna giustificazione nel diritto internazionale.

Stupisce la meraviglia attonita e rabbiosa del governo israeliano che dovrebbe sapere cosa è successo nel corso dei decenni in quei territori e quanti delitti orribili siano stati compiuti da una parte e dall’altra. Un modo per prevenirne altri ci sarebbe, ma è quello che da sempre le forze di destra in Israele e gli estremisti in campo palestinese non vogliono fare preferendo ogni volta che la pace si avvicina rilanciare lo scontro violento per giustificare, forse, la propria stessa esistenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *