Non più in alto del Quirinale e del suo tetto (di Civati – Taddei)

Pubblichiamo la lettera aperta al comitato saggi del Quirinale scritta da Giuseppe Civati e Filippo Taddei. Il tema è serio e costituisce per i “saggi” un’occasione per dimostrare coi fatti la loro utilità. metro di misura retribuzioni

“Egregio prof. Onida,

ci rivolgiamo a lei per capire come si possa superare una questione particolarmente rilevante, senza incorrere nei rilievi di incostituzionalità che ha ricevuto nel recente passato e che hanno vanificato il tentativo di riforma che sul punto era stato avanzato.

Perché un dipendente della pubblica amministrazione può essere pagato più del Presidente della Repubblica? È una scelta senza senso e, soprattutto, troppo costosa in un paese in crisi come il nostro e nel quale è avvenuto un profondo cambiamento strutturale molto importante: la riduzione del ruolo del lavoro nella vita delle persone. In Italia, poco alla volta, abbiamo deciso di depotenziare il lavoro con un sistema fiscale penalizzante e trascurando di sviluppare i servizi – dagli asili alla riqualificazione professionale – che lo favorissero. Lavorare oramai non basta più ad assicurare le stesse opportunità del passato. L’esempio più evidente è l’acquisto della casa: se nel 1980 l’appartamento medio valeva tra 3 e 4 volte il reddito lordo annuo, oggi vale più di 10. Non è il risultato di una bolla immobiliare italiana sproporzionata – almeno non maggiore che negli altri. È invece il risultato del fatto che il reddito da lavoro ha semplicemente smesso di essere centrale. La società italiana ha così fermato la mobilità sociale e raggiunto una disuguaglianza dei redditi agli stessi livelli di Stati Uniti e Regno Unito. È il momento di intervenire per ripristinare il primato del lavoro nella vita degli italiani attraverso la riforma dello Stato.

Certamente le remunerazioni del lavoro non sono un problema dovunque o, meglio, non lo sono per tutti. Già si è scritto sulla remunerazione del capo della polizia che guadagna quasi il doppio del capo dell’Fbi americana. Il problema è che non si tratta di un caso isolato. Un esempio altrettanto eclatante è dato dal Presidente della Consulta che, con oltre 450 mila euro lordi, guadagna il doppio del Capo dello Stato. Perfino il segretario generale della Consulta viene pagato più del Presidente della Repubblica. Questi non sono casi isolati nella pubblica amministrazione e, soprattutto, contribuiscono in maniera non trascurabile ad una delle principali storture della spesa pubblica italiana. Secondo Eurostat, nel 2010 la spesa per gli organi esecutivi, legislativi e affari esteri è in Italia di 1% di Pil più alta della Gran Bretagna, dello 0,7% più alta della Germania e dello 0,8% maggiore che in Spagna. Non c’è ragione di pensare che oggi queste differenze siano scomparse e 1 punto di Pil vale 15 miliardi. Sono differenze importanti.

salarioIl fisco italiano è uno dei responsabili dello svilimento del ruolo del lavoro. Secondo l’Ocse, siamo il paese che tassa più gli individui di Gran Bretagna, Austria, Germania, Stati Uniti, Francia e Spagna. Per rendersi conto della stortura nell’attuale sistema fiscale italiano, un cittadino che guadagna 30mila euro lordi all’anno deve rinunciare a circa 70 euro per ogni 100 euro in più che il suo datore di lavoro decide di offrirgli. Tutto questo non ha senso. Non possiamo tenere in piedi un sistema fiscale così penalizzante del lavoro e un apparato dello Stato che, nel suo cuore, costa un punto di Pil in più della Gran Bretagna. Cominciamo con il mettere un limite: nessuno nella pubblica amministrazione può guadagnare più degli oltre 230 mila euro di Giorgio Napolitano, anche cumulando diversi incarichi. Questo tetto alle remunerazioni offre ampi margini alla remunerazione del merito nella pubblica amministrazione ma offre anche risparmi altrettanti larghi. Risparmi che possiamo utilizzare, per una volta, a favore dei lavoratori. Di tutti i lavoratori, cominciando tagliando l’Irpef.

Giuseppe Civati – Camera dei Deputati

Filippo Taddei – Assistant Professor, SAIS, The Johns Hopkins University

Un commento

  • annamaria greco

    Bellissime parole!…ma quando e chi le metterà in pratica? Sono un’insegnante di liceo, in mio già misero stipendio è fermo da un lustro, le tasse ci hanno stremato…senza alcun ritorno in termini di servizi, ho 60 anni e non potrò andare in pensione per ancora altri quattro; vi siete resi conto che siamo stremati???…non manca molto a che scenderemo in piazza con i forconi…e io ci sarò insieme ai miei alunni a cui avete rubato il futuro!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *