• Mutamenti

    La Foto

  • Bosco alto

    La Foto

  • Enigma

    La Foto

  • CieloMare 1

    La Foto

  • Finisterre

    La Foto

  • Orizzonti 1

    La Foto

  • Bosco

    La Foto

  • Maggio

    La Foto

  • Novembre

    La Foto

  • Ottobre

    La Foto

  • Settembre

    La Foto

  • Lunae

    La Foto

elezioni finite, ora si deve lavorare sul serio (di claudio lombardi)

Le elezioni si sono concluse, i commenti ci sono stati e sicuramente continueranno ancora per un po’, i presidenti eletti si godono l’attenzione dei media, i nuovi consigli si stanno per insediare e le giunte inizieranno a funzionare fra poco. Qualche piccola considerazione sul voto e poi vediamo che c’è da fare.

Il voto del 28-29 marzo indica tre fenomeni: l’astensionismo che sfiora il 40% dell’elettorato; il successo delle forze politiche che hanno una presenza territoriale vera o che parlano un linguaggio chiaro e netto che permette di capire subito cosa propongono e chi sono; il successo di liste che fanno capo a movimenti di opinione o sociali.

Si tratta di tre fenomeni che ci parlano di un elettorato sveglio che ha un rapporto disinibito con le forze politiche e che molto difficilmente segue disciplinatamente le indicazioni dei gruppi dirigenti dei partiti. Anche quando sembra che lo faccia, in realtà, rinnova la sua adesione a un progetto o a un’idea che esercita ancora la sua attrazione e che convince. La stessa astensione è una presa di posizione “estrema” e potenzialmente negativa perché lascia campo libero a quelli dai quali ci si allontana, ma significa anche che quella massa che ha la maggioranza relativa potrebbe esprimere un diverso orientamento alle elezioni successive e, da subito, potrebbe schierarsi, e condizionare tutta l’opinione pubblica, contro le politiche condotte da vertici istituzionali non riconosciuti come propri.

Il successo di chi parla con chiarezza e non ha “peli sulla lingua” e quello di chi parla a nome di movimenti di protesta o di lotta indica che l’insoddisfazione per lo stato delle cose è tanta, che si pretende che la politica dia messaggi chiari e riconoscibili, che si rifiuta il professionismo di chi mette la manovra fra partiti al centro della sua azione perché sembra occuparsi solo dei problemi del “palazzo” e non di quelli reali. E poi dalla delusione si passa ad imboccare la strada di una rifondazione della politica partendo da aggregazioni nuove che gruppi di cittadini creano in base ai propri orientamenti e agli obiettivi da raggiungere. In entrambi i casi si tratta di elettori che non accettano di essere manovrati da chi non fa capire cosa vuole perché è molto più attento agli equilibri di potere e alla propria carriera che alla missione di curare gli interessi della collettività.

Potrebbe sembrare paradossale, ma questi tre fenomeni rivelano un grande bisogno di attivismo civico, rivelano che il cittadino non vuole essere preso in giro e pretende di essere messo al centro della politica. Il vero tema di queste elezioni diventa dunque questo: la necessità di rifondare la politica e di rinnovare il sistema democratico perché sia lo strumento con il quale affrontare i problemi di governo della società. I partiti che non lo capiscono e si presentano come gruppi di professionisti concentrati sui loro problemi vengono colpiti. Ovviamente non tutto avviene con la lucidità di un progetto concepito da una singola mente, ma con la grossolanità, le contraddizioni e l’approssimazione di un processo che coinvolge milioni di persone. Per questo ci sono segnali contrastanti e per questo il declino delle “macchine di potere” non è così netto come potrebbe essere.

Disponibilità e vuoto: questi sono i termini che descrivono meglio la situazione di oggi. Disponibilità perché sia il voto che il non voto mostrano una società attenta ed esigente ed anche autonoma fatta di persone che ragionano con la loro testa e scelgono. Vuoto perché se queste persone non trovano, prima o poi, chi sia in grado di rappresentare le loro esigenze possono costituire la massa di manovra per lo smantellamento di una democrazia percepita come inutile.

C’è, però, un’altra parola chiave che descrive la situazione: attivismo. Può essere civico o politico o anche personale, ma indica comunque l’esistenza di energie che si muovono alla ricerca di un assetto migliore. L’attivismo civico, la cittadinanza attiva significano questo: ricerca del meglio nello spazio pubblico rispetto ad una situazione insoddisfacente. Ecco allora che dopo le elezioni, chiunque abbia conquistato il vertice delle regioni deve fare i conti con questa opinione pubblica, con questi cittadini che faranno meglio ad organizzarsi per promuovere le politiche che rispondono agli interessi della collettività perché se non lo fanno allora saranno i gruppi di potere ad agire (come fanno sempre) per il loro interesse particolare.

I temi non mancano. Non se ne è parlato in campagna elettorale, ma adesso sarà difficile sfuggire: i nuovi amministratori delle regioni dovranno lavorare per migliorare la situazione dei territori che devono amministrare.

Sanità, energie e ambiente, mobilità, assetto del territorio, sviluppo, efficienza amministrativa, assistenza. Sono solo alcune delle responsabilità che spettano alle regioni. Presto ne arriveranno altre con il federalismo fiscale che permetterà ai cittadini di confrontare imposte  e tasse pagate con i servizi resi perché non si potrà più fare lo scaricabarile fra Stato che prende i soldi e regioni che li spendono. Tendenzialmente le regioni si autofinanzieranno e dovranno spiegare ai propri cittadini che fine fanno i loro soldi. Sarà una bella prova per tutti, ma innanzitutto lo sarà per i cittadini che potranno e dovranno conoscere le cose e pretendere di partecipare alle decisioni e ai controlli. Un cittadino attivo ed esigente è la miglior garanzia che il sistema democratico serva ad una società che promuove le capacità individuali in un quadro di garanzie e di tutele accessibili a tutti.

Claudio Lombardi

I risparmi sospetti: soppressi difensori civici e ATO (di claudio lombardi)

Ormai è legge: dal 1° gennaio 2011 sono soppresse le Autorità d’ambito territoriale responsabili dei servizi idrico e di trattamento dei rifiuti. Questo stabilisce la conversione in legge del DL n. 2/2010 che si occupa di interventi sugli enti locali. Nella “lodevole” intenzione di diminuire le spese il Governo e la sua maggioranza hanno impugnato le forbici e hanno tagliato qua e là qualche assessorato, i difensori civici comunali e, appunto, le ATO. È noto che mischiando un po’ di tutto si può dare l’impressione di fare sul serio e, contemporaneamente, sistemare meglio alcune scelte politiche cui si tiene molto. Per esempio: sarà un caso che si sopprima la figura del difensore civico comunale senza un criterio che possa rendere ai cittadini quel servizio che avrebbe dovuto rendere questa carica ? Vero è che la presenza del Difensore civico è passata, generalmente, inosservata agli occhi dei cittadini e che di atti e di azioni concrete in difesa dei diritti non se ne sono visti (salvo singole eccezioni). Però della difesa dei diritti nei confronti delle pubbliche amministrazioni c’è un grande bisogno e, se si sopprime il Difensore civico nei comuni, si dovrebbe prima aver deciso come svolgere meglio i compiti per i quali è stato creato. Se questa analisi fosse stata fatta forse si sarebbe arrivati alla conclusione che nessuna razionalizzazione (mantenere solo il Difensore civico a livello di provincia) può salvare una creatura nata male. E che la risposta migliore alle esigenze dei cittadini sarebbe costruire una politica che metta al centro difesa dei diritti, trasparenza, partecipazione come modalità strutturale di definizione e di attuazione delle politiche pubbliche. Non lo si è fatto finora e non per caso. Prendiamo come impegno di impegnarci perché lo si faccia in futuro.

Stesso discorso per la norma che sopprime le ATO, ma con l’aggravante che si interviene in una situazione nuova determinata dall’art. 15 della legge 166/2009 che spinge decisamente verso la privatizzazione del servizio idrico (ma anche del trattamento rifiuti e del trasporto locale) con la vendita delle azioni e con la messa a gara dell’affidamento. Poiché non si tratta di vendere televisori, ma di erogare l’acqua non si può accettare come una cosa ovvia l’imposizione della partecipazione dei privati e il principio della gara. L’acqua, infatti, non è una merce sulla quale possiamo costruire un mercato. È un servizio da gestire come un diritto fondamentale essendo l’acqua una condizione di vita. Su questo il potere pubblico non può essere ostacolato né inchinarsi di fronte ad esigenze di profitto di aziende che ce l’hanno come propria ragion d’essere e deve, quindi, far sentire la sua preminenza. Questo è il motivo per cui per alcuni servizi, l’acqua innanzitutto, gli obiettivi da raggiungere e le esigenze da soddisfare vengono prima di tutto. Logicamente, quindi, il sistema di governo dei servizi (chi detta le regole, decide le tariffe e gli investimenti e chi esercita i controlli) è fondamentale. E viene molto prima di qualunque apertura al mercato che rimane uno strumento non una fede. Ecco perché la soppressione delle Autorità d’ambito conferma che la scelta del Governo è per l’indebolimento del servizio idrico come servizio pubblico che soddisfa un diritto fondamentale. Infatti, prima di cancellare le ATO, sarebbe stato logico ridisegnare il sistema di regolazione del settore; magari creando un’Autorità nazionale di indirizzo e coordinamento delle strutture locali degli enti locali e delle regioni. Nulla di tutto ciò invece.

Cosa se ne deduce quindi? Meno controlli in settori cruciali per la vita delle persone (acqua e rifiuti) e vendita a società private che li gestiranno, ovviamente, per trarne un profitto.

Dal Governo ci saremmo aspettati lungimiranza, strategia, cura dei beni comuni cioè politica in senso vero. E, invece, ancora una volta è arrivata una risposta che ci parla di una politica utilizzata per scopi diversi.

Che fare? Aumentare la capacità dei cittadini di organizzarsi e agire per costringere chi decide a farlo nell’interesse generale sicuramente. Nell’immediato occorre fare in modo che l’art. 15 della legge 166/2009 sia abrogato con un referendum popolare. Battersi perché si delinei una riforma vera dei servizi idrici e dei rifiuti elaborata con un dibattito che coinvolga associazioni e singoli cittadini, perché la partecipazione è la sostanza del nostro sistema democratico e serve per vivere meglio e per limitare gli appetiti di potere e di profitto di chi ha a cuore solo il proprio interesse.

Claudio Lombardi

Il federalismo delle buone intenzioni e la realtà (di claudio lombardi)

Ragioniamo su due punti: tra pochi giorni si vota per il rinnovo dei consigli regionali e il Governo sta lavorando alla redazione dei decreti attuativi della legge delega n. 42 del 5 maggio 2009 in materia di federalismo fiscale. Le due cose sono collegate perché i consigli regionali che usciranno da queste elezioni si troveranno a gestire il passaggio ad una fase più avanzata dello sviluppo del sistema delle autonomie i cui caratteri sono definiti nel Titolo V della Costituzione dedicato a “Regioni, Provincie e Comuni” (articoli da 114 a 133). Nella Costituzione, in verità, non compare il termine federalismo che, invece, è stato per molti anni al centro del dibattito e della comunicazione politica e che è pure contenuto nel titolo della stessa legge n. 42. Sulla rivendicazione federalista si sono costruite le fortune della Lega che ha dato un nome affascinante ad una domanda di autonomia non estranea ai principi costituzionali sui quali è stata redatta la carta del 1948. Tuttavia è, ormai, comunemente accettato definire federalismo ciò che è “solo” l’espansione e il consolidamento del sistema delle autonomie territoriali fondata non solo sulle regioni, ma anche su una forte centralità dei comuni che deriva loro dall’essere l’istituzione più vicina ai cittadini.

In questo disegno costituzionale in corso di attuazione la legge 42 ha un’importanza cruciale.

Sul sito del Governo si possono leggere il testo della legge, un quadro riepilogativo nonchè i principi e i criteri per l’attuazione del federalismo fiscale. Da questi sono tratti quelli citati qui di seguito:

  • attribuzione di risorse autonome alle Regioni e agli enti locali, secondo il principio di territorialità;
  • superamento graduale del criterio della spesa storica a favore:
    1) del fabbisogno standard per il finanziamento dei livelli essenziali e delle funzioni fondamentali;
    2) della perequazione della capacità fiscale per le altre funzioni;
  • tendenziale correlazione tra prelievo fiscale e beneficio, in modo da favorire corrispondenza tra responsabilità finanziaria e amministrativa;
  • facoltà delle Regioni di istituire a favore degli enti locali compartecipazioni al gettito dei tributi e delle compartecipazioni regionali;
  • premialità dei comportamenti virtuosi ed efficienti nell’esercizio della potestà tributaria, nella gestione finanziaria ed economica e previsione di meccanismi sanzionatori per gli enti che non rispettano gli equilibri economico – finanziari o non assicurano i livelli essenziali delle prestazioni;
  • flessibilità fiscale articolata su più tributi con una base imponibile stabile e distribuita in modo tendenzialmente uniforme sul territorio nazionale, tale da consentire a tutte le Regioni ed enti locali, comprese quelle a più basso potenziale fiscale, di finanziare, attivando le proprie potenzialità, il livello di spesa non riconducibile ai livelli essenziali delle prestazioni e alle funzioni fondamentali degli enti locali;
  • riduzione della imposizione fiscale statale in misura adeguata alla più ampia autonomia di entrata di Regioni ed enti locali e corrispondente riduzione delle risorse statali umane e strumentali;
  • definizione di una disciplina dei tributi locali in modo da consentire anche una più piena valorizzazione della sussidiarietà orizzontale;
  • tendenziale corrispondenza tra autonomia impositiva e autonomia di gestione delle proprie risorse umane e strumentali da parte del settore pubblico, anche in relazione ai profili contrattuali di rispettiva competenza.

Si tratta di un elenco incompleto, ma che indica le caratteristiche essenziali del percorso definito con la legge 42. In poche parole si può dire che si spostano verso il territorio le decisioni di spesa delle risorse prelevate con l’imposizione fiscale rendendo con ciò più responsabili (e riconoscibili) gli enti territoriali cui arrivano i soldi dei cittadini e che li spendono. Questo è il principio di fondo che sarà attuato con diversi meccanismi di riequilibrio e di perequazione e saranno questi meccanismi a stabilire se il cosiddetto federalismo fiscale sarà una cosa buona oppure no. Altro elemento centrale della riforma è costituito dal calcolo delle necessità di spesa per ogni regione con il passaggio dalla spesa storica per determinati servizi (sanità in primo luogo) a quella standard. Ciò significa che si dovrà stabilire quali servizi dovranno essere assicurati ai cittadini e a quale livello di qualità (cui corrisponde una spesa) e non sarà più possibile incrementare anno per anno il livello di spesa già raggiunto. In generale la vita delle regioni dovrà fare i conti in maniera ben più stringente di oggi con il livello di entrate provenienti dal territorio regionale e questo, nonostante i meccanismi di perequazione, creerà una situazione nuova anche nel rapporto fra altri centri di spesa (comuni, province ecc) e regioni oltre che nel rapporto con i cittadini.

Bastano queste semplici considerazioni per immaginare quale passaggio delicato si troveranno a gestire i prossimi consigli regionali insieme con il Governo nazionale (e con il Parlamento). Saranno anni di transizione, ovviamente, ma le basi gettate oggi saranno quelle sulle quali si edificherà l’assetto futuro.

Detto ciò torniamo alla campagna elettorale e al confronto fra le forze politiche che si candidano a guidare le regioni. Cosa vediamo? Un confronto consapevole delle responsabilità e delle sfide future per selezionare i migliori rappresentanti dei cittadini? ognuno osservi e dia la sua risposta. Ciò che è urgente (e comunque necessario) è costruire una capacità dei cittadini di far sentire la loro voce alle istituzioni locali e di prendere parte alle scelte politiche e amministrative. Ci sono tante forme di partecipazione e tanti luoghi dove esercitarla, ci sono tante norme che la prevedono e che non sono utilizzate; adesso è il momento di riempire questi spazi, di dare un’impronta democratica alla vita dello Stato in tutte le sue espressioni, di superare la delega ai professionisti della politica e di rivendicare un ruolo attivo per i cittadini. L’occasione delle elezioni regionali sarebbe stata una buona occasione per parlarne, ma è stata sprecata. Adesso vediamo cosa sapranno fare gli eletti. E partecipiamo.

Claudio Lombardi

La buona notizia: la legge sul dolore (intervista a D. Gioffrè)

L’Italia ha una legge sul dolore e sulle cure palliative.

Sull’argomento abbiamo rivolto alcune domande a D. Gioffrè responsabile del Tribunale per i diritti del malato della regione Toscana e docente di “Eticità della cura del dolore” alla  Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Pisa

Civicolab: possiamo dire finalmente?

Gioffrè:
si, possiamo dirlo. Nei contenuti della legge approvata il 9 marzo dal Parlamento rivediamo gran parte delle richieste che ripetutamente, per anni, abbiamo inviato ai vari Governi che si sono succeduti nel nostro Paese per agganciare l’Italia agli altri stati europei dove c’è maggiore attenzione al dolore e alle cure palliative.

Civicolab: allora entriamo più nel dettaglio; facciamo capire a chi legge il nostro sito che cosa cambia d’ora in avanti nel nostro Paese.

Gioffrè:
innanzitutto parliamo dell’affermazione di un principio. Quello del diritto alla cura del dolore e all’assistenza alle persone malate, quando dalle malattie non si può più guarire. Sembrano concetti scontati ma abbiamo dovuto ricorrere ad una legge per affermare questi principi che, invece, dovrebbero far parte della pratica medica quotidiana, del dovere di ciascun operatore di somministrare i farmaci analgesici adeguati ai pazienti sofferenti. Mi riferisco in particolare alle patologie croniche quando dalle malattie non si può guarire e il dolore diviene, esso stesso, una malattia nella malattia.

Civicolab: quali cambiamenti si prevedono negli ospedali?

Gioffrè:
l’introduzione in cartella clinica della “misura “ del dolore che fino ai giorni scorsi era soltanto una linea guida in gran parte inapplicata. Adesso a ciascun paziente ricoverato si dovrà chiedere obbligatoriamente se ha dolore e di quale intensità è il suo dolore, per agire, di conseguenza, con l’impiego dei vari analgesici disponibili a lenire quel dolore. In sostanza la stima dell’intensità del dolore patito, al pari della misura della pressione, della temperatura e altri parametri vitali entra in cartella clinica.

Civicolab: una novità di grande rilevanza!

Gioffrè:
oserei dire una rivoluzione rispetto al luogo comune secondo cui il dolore è la conseguenza inevitabile della malattia e nelle forme acute un prezzo da pagare, per esempio, ad un intervento chirurgico. Ciò perché il dolore si patisce anche nel periodo post operatorio, in alcuni accertamenti diagnostici invasivi, nelle procedure mediche, si pensi in quest’ultimo caso  alla traumatologia.

Civicolab: mi sbaglio o è vero che con questa legge si elimina definitivamente la ricetta speciale per la prescrizione degli oppioidi?

Gioffrè:
non si sbaglia. Nel 2004 al termine del Convegno nazionale “Ai confini del dolore” organizzato da Cittadinanzattiva-Tribunale per i diritti del malato che si svolse a Pisa (all’inaugurazione partecipò il poeta Mario Luzi), per la prima volta nel nostro paese fu avanzata la proposta di abolire il ricettario speciale. Ci sono voluti sei anni di insistenza per cancellare una burocrazia assurda che aumentava la resistenza dei medici di famiglia alla prescrizione della morfina.

Civicolab: perché “aumentava la resistenza dei medici”?

Gioffrè:
si è sempre detto che una delle cause che impediva al medico di famiglia di prescrivere la morfina era dovuta all’eccessiva burocrazia e ancor di più al timore di commettere errori e incorrere nei rigori della legge sugli stupefacenti. In realtà sin dalle prime semplificazioni, già introdotte da Veronesi quando era Ministro, il consumo di oppioidi per uso terapeutico non aumentò. Temo che neanche con questa legge si modificherà il quadro se essa non troverà immediata applicazione in alcuni suoi articoli anch’essi frutto delle nostre battaglie condotte da anni sul piano della formazione.

Civicolab: a quale “formazione” si riferisce?

Gioffrè:
a quella degli operatori sanitari ma soprattutto a quella Universitaria di base. Dobbiamo cioè cominciare dai “banchi di scuola” e insegnare nei curricula di studi in medicina due cose fondamentali.
La prima: “perché il dolore deve essere curato”. La seconda “come si cura il dolore”.

Il “perché” non è scontato, come abbiamo già detto. I medici hanno la motivazione del “guarire” e non quella del “curare”, soprattutto quando dalle malattie non si può più guarire. Il ”come”, per il medico di medicina generale, si riferisce ai rudimenti della terapia del dolore lasciando agli algologi il compito di risolvere tipologie algiche complesse.

Civicolab: quindi nella nuova legge sono previsti interventi nel campo della formazione?

Gioffrè:
sì, è previsto che entro sei mesi dall’approvazione della legge, il Ministero dell’Università e della ricerca, di concerto con il Ministero della salute, dovrà mettere a punto attività didattiche finalizzate ad incrementare la cultura dei medici nel campo del dolore.

Civicolab: la legge affronta anche il problema delle cure palliative?

Gioffrè:
si. Altro tema concernente le cure ai malati nella fase terminale della vita, nelle malattie ad esito infausto, quando occorre curare chi non può più guarire, garantendo una dignitosa qualità della vita sino all’ultimo istante, prima del trapasso.

Civicolab: qual’è la situazione nel nostro paese?

Gioffrè:
anche in questo campo registriamo un ritardo culturale di ragguardevoli dimensioni. Le strutture residenziali di cure palliative, i cosiddetti “Hospice” sono insufficienti. Pochissimi quelli presenti nelle regioni del sud Italia. Pressoché inesistenti sono le Cure palliative domiciliari con il grave pericolo che gli Hospice possano diventare i luoghi dove si portano i malati a morire. Da qui la necessità di istituire i servizi di Cure palliative domiciliari in continuità con gli Hospice e concepire queste strutture solo per quei casi in cui le famiglie sono in difficoltà. Anche in questo caso la legge interviene per riconoscere a queste strutture un ruolo di insostituibile valore in quello che possiamo definire la medicina del bisogno non essendo più praticabile quella della guarigione.

Civicolab: al punto in cui siamo arrivati, quanto di questa nuova legge è il frutto delle battaglie condotte in questi anni Cittadinanzattiva–Tribunale per i diritti del malato?

Gioffrè:
innanzitutto non credo di ritenere questa legge un punto di arrivo. E’ senza dubbio un punto di avanzamento per nuove ripartenze. Adesso il dolore dobbiamo curarlo davvero. Per quanto riguarda il nostro ruolo sono in tanti a riconoscere il valore delle nostre iniziative, la tenacia e la determinazione con cui dal 2001 abbiamo condotto un’offensiva senza tregua per l’affermazione del diritto a non soffrire dolori inutili. Quattro congressi nazionale sul dolore, circa 80 relazioni dei più noti studiosi e curatori del dolore, un numero imprecisato di esponenti di altre culture che abbiamo coinvolto, un comitato etico nazionale sul dolore composto da T. De Mauro, S. Garattini, F. Mandelli, R.L. Montalcini, il compianto M. Luzi poeta e senatore scomparso nel 2005 e da qualche anno anche S. Natoli. Dobbiamo citare anche due libri pubblicati “Il dolore non necessario” della Bollati Boringhieri con prefazione di Mario Luzi ed il recente “Il dolore superfluo” con prefazione di Umberto Veronesi pubblicato dalla Erickson. Ed infine il premio nazionale “Nottola-Mario Luzi” dedicato al “Dolore non necessario” fondato nel 2007 per dare un riconoscimento agli operatori sanitari che si impegnano nella riduzione e nella cura del dolore e alla miglior tesi di laurea sul dolore.

Civicolab: quali sono le prossime tappe di questa vostra tenace e ininterrotta lotta al dolore?

Gioffrè:
il quinto convegno nazionale sul dolore che avrà luogo a Napoli il 21-22 ottobre 2010 presso la sala congressi dell’Istituto Nazionale Tumori Fondazione Pascale. Per il prosieguo delle nostre iniziative è utile consultare il sito www.cittadinanzattivatoscana.it

(a cura di Claudio Lombardi)

Elezioni regionali: il diritto della forza o la forza del diritto? (di Claudio Lombardi)

Legge 23 agosto 1988, n. 400  “Disciplina dell’attività di governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei ministri”
Articolo 15, comma 2:
Il Governo non può, mediante decreto-legge:
a) conferire deleghe legislative ai sensi dell’articolo 76 della Costituzione;
b) provvedere nelle materie indicate nell’articolo 72, quarto comma, della Costituzione.”

Costituzione della Repubblica
Articolo 72, comma 4:

“la procedura normale di esame e di approvazione diretta da parte della Camera è sempre adottata per i disegni di legge in materia costituzionale ed elettorale e per quelli di delegazione legislativa, di autorizzazione a ratificare trattati internazionali, di approvazione di bilanci e consuntivi.”

Non occorre aggiungere altro per descrivere l’anomalia della situazione che si è creata con il decreto-legge n. 29/2010 (“salva liste”). Il Governo ha evidentemente violato una norma di legge che discende da principi costituzionali mascherando da interpretazione autentica una innovazione sostanziale della normativa per le procedure che regolano lo svolgimento delle elezioni regionali. Ne ha, persino, disposto la retroattività in modo da consentirne l’applicazione ad atti procedurali già conclusi e sotto giudizio della magistratura. La forzatura del sistema costituzionale e dell’ordinamento giuridico è evidente e non è possibile camuffarla.

Da buoni cittadini dobbiamo chiederci: perché? E anche: ci riguarda oppure per noi non cambia niente?

Il perché è noto e va ricondotto ai problemi causati dagli incaricati del PDL per la presentazione delle liste che non hanno tenuto conto delle norme esistenti e le hanno violate in più modi fino a giungere all’incredibile abbandono degli uffici di Roma al momento della presentazione della lista e in coincidenza con il termine ultimo previsto per questo adempimento.

Di fronte ad una responsabilità così palese immediatamente si sono levate voci di protesta, da parte del partito escluso, che denunciavano la sottrazione del diritto di voto per una parte consistente dell’elettorato. È fin troppo facile osservare che se non ci si presenta in tempo conoscendo perfettamente le scadenze che vanno rispettate si tratta di un’autoesclusione. D’altra parte il responsabile di tale decisione ha ammesso con la propria voce di essersi allontanato dagli uffici volontariamente (esattamente: per mangiare qualcosa). Di fronte ad un comportamento così assurdo e gravemente scorretto nei confronti degli elettori del PDL, innanzitutto, i comportamenti dei dirigenti di quello schieramento sono stati di oggettiva scomposta agitazione con dichiarazioni confuse e al limite dell’irresponsabilità (“vogliamo la prova di forza”, “siamo disposti a tutto”). L’unica richiesta che poteva legittimamente essere fatta, partendo dalla presentazione delle scuse nei confronti degli elettori e degli organi preposti allo svolgimento ordinato delle elezioni, non è stata fatta. Si poteva semplicemente chiedere il consenso di tutte le forze politiche per il rinvio della data delle elezioni e, solo dopo averlo ottenuto, formulare una richiesta al Governo perché rinviasse, d’accordo con le Regioni interessate, la data del voto.

Se accompagnata da provvedimenti sanzionatori nei confronti degli autori dei pasticci procedurali questa richiesta sarebbe stata credibile poiché nessuno aveva interesse ad escludere una buona fetta di elettorato che si sarebbe trovato privo delle proprie liste.

Le cose, però, non sono andate così e, in un crescendo di agitazione e di confusione (sempre accusando non si sa bene chi di voler escludere il PDL dalle elezioni), si è giunti al decreto-legge n. 29. La rabbia non ha trovato un suo sfogo naturale nei confronti degli esponenti di quel partito che hanno fatto il pasticcio e si è, invece, indirizzata alla ricerca di ipotetici complotti rispetto ai quali si è affermato di poter violare tutte le norme in nome di una sostanza (la forza numerica) che prende il posto della forma cioè del diritto.

Nella storia non è una novità questo atteggiamento perché si tratta né più e né meno che di un comportamento rivoluzionario che si prepara a rovesciare un ordine in nome del diritto della forza in un confronto che si prevede possa e debba svolgersi solo su questo piano.

Ma torniamo alle domande iniziali: perché e quanto ci riguarda.

Il perché sta nella descrizione dei fatti e delle norme che, disciplinando un momento essenziale della vita dello Stato, corrispondono ad una sostanza vera fatta degli elementi di base che consentono la vita della collettività. Non si tratta né di burocrazia, né di forme inutili, ma di qualcosa che ci riguarda da vicino perché sostanza non sono solo i numeri, ma anche gli accordi fra cittadini che decidono, attraverso il lavoro delle istituzioni, le regole della convivenza. Senza questi accordi la vita insieme non sarebbe possibile e diventerebbe un rischio continuo perché nessuno potrebbe mai essere sicuro dei propri beni e della propria stessa vita esposti ad ogni genere di prepotenza in nome della forza. Non è un caso che caratteristica essenziale delle democrazie sia la limitazione dei poteri delle maggioranze nell’ambito delle regole fissate nelle leggi.

Però il Governo ha deciso lo stesso di prendersi un potere che non gli spetta scrivendo norme che non poteva scrivere e imponendole con un atto di forza (perché tale è un decreto-legge emanato al di fuori delle regole). Tutti i cittadini devono essere molto preoccupati perché questo atto non è l’unico che è stato compiuto forzando la lettera e lo spirito della Costituzione, ma è l’ultimo di una serie di comportamenti, di decisioni e di forzature che sono diventati un problema serio per gli italiani.

Avremmo bisogno tutti di stabilità e di comportamenti costruttivi perché il nostro Paese ha bisogno di essere ben governato e di rinnovarsi per costruire il proprio futuro. Sono tante le cose che andrebbero fatte per migliorare la nostra situazione e, invece, vediamo il succedersi di vicende giudiziarie che scoprono un mondo di soprusi, di corruzione e di menefreghismo per i problemi dell’Italia. Il nostro Stato è visto, da tanti che hanno o hanno avuto in mano le leve del potere, come un deposito di denaro a cui attingere liberamente per i propri comodi e da altri come un terreno di incursione di bande armate che tentano di impadronirsi di singoli pezzi delle istituzioni. Nella lotta per finirla con questa situazione vorremmo veder impegnati tutti i partiti e i loro rappresentanti nelle istituzioni e, invece, questo non accade.

Sarebbe arrivato il tempo di una vera grande riforma: rinnovare il sistema democratico mettendolo sulle basi solide della partecipazione alla vita politica ed amministrativa da parte dei cittadini intesa come modalità strutturale per concorrere al governo della cosa pubblica. Se una rinascita dell’Italia è possibile questa passa per uno Stato più forte ed autorevole perché espressione di una società capace di rinnovarsi e di stabilire un nuovo patto di convivenza civile basato sul riconoscimento della dimensione pubblica come l’unica che può dare ad ognuno la possibilità di sviluppare le sue capacità e che può garantire l’intreccio fra diritti, doveri e responsabilità.

Claudio Lombardi

La RAI nel dubbio cancella tutto anche l’informazione…

La legge sulla cosiddetta par condicio è del febbraio 2000 e sancisce il principio dell’accesso paritario alla comunicazione radiotelevisiva fra tutte le forze politiche. L’applicazione concreta di questo principio è demandata all’azione di tre soggetti: la Commissione parlamentare per la vigilanza sulla RAI, l’Autorità di garanzia per le comunicazioni e il Consiglio di amministrazione della RAI (più il direttore generale). Nell’ambito di quello che prevede la legge ogni organismo può concorrere all’attuazione concreta del principio che diventa più rilevante in occasione delle campagne elettorali.

Come è noto l’esigenza di un accesso tendenzialmente paritario nasce dalla disparità dei mezzi a disposizione di alcuni dei soggetti che partecipano alla politica negli ultimi 15 anni. In particolare il problema è sorto quando ci si è resi conto che Silvio Berlusconi, disponendo del controllo di tre reti televisive (oltre che di numerosi altri canali di comunicazione), poteva godere di un vantaggio su altri raggruppamenti politici che andava limitato con il tentativo di imporre un accesso il più possibile uguale per tutti. Purtroppo la disparità si è accentuata con il passare degli anni e si è aggravata ogni volta che Berlusconi ha assunto la carica di Presidente del Consiglio poiché al controllo delle tre reti televisive di proprietà privata si è aggiunto il controllo politico, in qualità di capo del Governo, sui canali radiotelevisivi pubblici. Infatti è risaputo che il governo della RAI-TV discende direttamente dall’azione della maggioranza parlamentare e, quindi, del Governo che questa esprime. Non vi è un’ampia autonomia dell’azienda radiotelevisiva di proprietà dello Stato dato che lo stesso Consiglio di amministrazione è di nomina politica così come, di fatto, tutti gli incarichi dirigenziali. Nessuno ha mai spiegato bene perché proprietà dello Stato debba equivalere a disponibilità nelle mani dei partiti che hanno sempre preteso di decidere tutto nella RAI. Ovvio, si tratta di partiti già ben rappresentati e consolidati.

Quindi non bisogna dimenticare che una sproporzione di forze vi è sempre quando si confrontano nella campagna elettorale forze politiche strutturate  e presenti in tutte le assemblee elettive e nei governi locali, regionali e nazionale ed altre che non lo sono. Si tratta di una disparità “strutturale” che è molto difficile contrastare, ma che può essere limitata in tanti modi. Uno di questi è la legge sull’accesso alla comunicazione radio-televisiva pubblica e privata (ma in regime di concessione dato che le frequenze sono comunque controllate dallo Stato).

Occorre dire, però, che con il passare degli anni la formazione e l’informazione si sono concentrate più sui dibattiti in programmazione tutto l’anno che sulle trasmissioni in occasione delle campagne elettorali. I talk show costituiscono una sede di confronto (e di scontro) utile proprio perché ci accompagnano per lunghi periodi, perchè trattano dei temi del giorno, perché gli ospiti rappresentano (più o meno) i diversi punti di vista. Certo, non cambiano molto, ma basterebbe protestare o chiedere una maggiore partecipazione e, forse, la si otterrebbe facilmente perché queste trasmissioni hanno bisogno di ospiti rappresentativi e che abbiano da dire qualcosa di interessante (alcuni noti “urlatori” infatti sono stati relegati a ruoli di comparse). Le tante polemiche sui conduttori arricchiscono l’offerta informativa perché il pubblico conosce bene le varie personalità e, proprio perché sono esse stesse oggetto di dibattito, è in grado di scegliere quella che è di suo maggior gradimento. La pluralità delle personalità e delle trasmissioni e la rotazione dei partecipanti sono garanzia di libertà delle idee e di pluralismo.

Ora, presi da un raptus di “perfezionismo” i nostri cari tre soggetti attuatori della legge hanno pensato bene di spingersi oltre: ognuno ha dato una mano all’altro e alla fine siamo giunti alla soppressione delle nostre trasmissioni di dibattiti politici che, ovviamente, non riguardavano solo i temi della campagna elettorale e che avevano assunto un valore prettamente informativo e di orientamento con un pregevole seguito di dibattito pubblico a televisori spenti.

Presupponendo una assoluta condizionabilità dei telespettatori i nostri tre soggetti hanno pensato bene di usare la bilancia di precisione (all’inizio) e poi, visto che era difficile pesare e misurare tutto, l’ultimo della lista – il direttore generale della RAI– si è sentito in dovere di spegnere del tutto le trasmissioni. Perché? Fantasia esaurita, paura di sbagliare, inesperienza, attacco d’ansia? Non si sa.

Comunque a questo punto bisogna chiedersi se noi cittadini siamo considerati poco intelligenti, non in grado di ascoltare il dibattito che scegliamo in libertà fra i diversi previsti oppure se ci vogliono togliere quelle sedi di confronto nelle quali il contraddittorio ha sempre fatto emergere pregi e difetti dei diversi ospiti non tutti politici per la verità.

Infatti non possiamo-dobbiamo ascoltare più un sindacalista, un economista, un giurista, uno scienziato, ma solo un candidato alla presidenza di una regione.

Perché? A qualcuno possiamo dire che della nostra mente ci occupiamo noi e che il compito di tutti i soggetti che hanno responsabilità istituzionali e amministrative (molto ben retribuite) è garantire il pluralismo e la libertà dell’informazione e che se non ne sono capaci se ne devono andare via ?

Questa decisione offende l’intelligenza degli italiani e dimostra l’inconsistenza di chi è messo a capo di apparati e istituzioni superiori alle sue capacità. Se di questo si tratta, ovviamente, e non dell’intenzione di farci abituare a rinunciare alla nostra capacità di scegliere per poi rifilarci idee predigerite e luoghi comuni. Contro chi ha queste intenzioni dovremmo batterci senza perdere tempo.

Civicolab

Corruzione, Protezione civile e diritti dei cittadini (di claudio lombardi)

Ancora corruzione, ancora i soldi degli italiani rubati. Grazie ai magistrati e ai mezzi di indagine di cui dispongono (fino a che il disegno del Governo che mira ad annullarli non si realizza) noi cittadini veniamo a conoscenza di un altro pezzo del nostro mondo. Ora tocca alla Protezione civile. Una struttura destinata a fronteggiare calamità naturali con interventi di emergenza e da tutti per questo conosciuta, è coinvolta in un’inchiesta che, per ora, ha già rivelato comportamenti dei quali il magistrato accerterà la rilevanza penale, ma che agli occhi del cittadino appaiono da subito moralmente ripugnanti. Ma bisogna capire prima di giudicare. Partiamo da alcune informazioni su cosa è la Protezione civile.

Nasce nel 1992 il Servizio nazionale per la protezione civile che opera attraverso il Dipartimento appositamente costituito ed incardinato nell’ambito della Presidenza del Consiglio.

Nel 1999 viene prevista l’istituzione di un’Agenzia di protezione civile ente di diritto pubblico indipendente dalla Presidenza del Consiglio che, però, non vedrà mai la luce per le resistenze dei governi in carica in quegli anni.

Nel 2001, appena nominato Presidente del Consiglio, Berlusconi sciolse l’Agenzia e ripristinò il Dipartimento per la protezione civile alle dipendenze della Presidenza del Consiglio estendendone le competenze alla gestione dei cosiddetti “grandi eventi” e nominando Guido Bertolaso direttore del Dipartimento. Da quel momento qualunque evento ritenuto rilevante dal Governo poté essere affidato per la sua realizzazione alla Protezione civile con una semplice Ordinanza di protezione civile emanata dal Presidente del Consiglio che prevede la nomina di un Commissario del Governo e la deroga a tutte le leggi vigenti in materia di appalti (italiane ed europee), ambiente e contabilità pubblica.

Negli ultimi 9 anni si può stimare che siano state emanate oltre 600 ordinanze di protezione civile nelle materie più varie dalle vere emergenze ad una molteplicità di eventi che non si capisce come siano potuti entrare nelle competenze della protezione civile (summit internazionali, manifestazioni sportive, incontri di preghiera, lavori pubblici per manutenzione e riparazione vari). Ciò che va sottolineato, però, è che tutti questi eventi hanno richiesto la realizzazione di opere pubbliche con una spesa complessiva (mai dichiarata) valutata in oltre 10 miliardi di euro (circa 20.000 miliardi di lire) tutti erogati e spesi, va ricordato ancora, senza il vincolo del rispetto delle leggi vigenti e senza alcun controllo.

Recentemente la Commissione europea ha stabilito che solo gli interventi strettamente collegati alle emergenze e alle calamità naturali (per questi fu creata la Protezione civile che nel nome stesso richiama le ragioni della sua esistenza) possano derogare alle regole europee per le gare di appalto. Ne consegue che il non rispetto delle leggi per i lavori pubblici non potrebbe in alcun caso riguardare la ricostruzione successiva alle calamità e meno che mai i cosiddetti “grandi eventi” che non hanno, evidentemente, niente a che vedere con gli interventi di protezione civile.

È ancora in discussione in Parlamento (15 febbraio 2010) la proposta del Governo di dar vita ad una SpA di proprietà della Presidenza del Consiglio che svolga gli interventi che oggi effettua il Dipartimento della protezione civile. In quanto società per azioni questa sfuggirebbe ai controlli sia della Corte dei conti (ma questo si verifica, di fatto, anche oggi per le spese della Protezione civile) sia a quelli della UE.

In pratica con la proposta del Governo si avrebbe una SpA di proprietà non dello Stato, ma di un suo organo – la Presidenza del Consiglio – destinata ad effettuare tutti gli interventi che la stessa Presidenza del Consiglio (con l’avallo del Consiglio dei Ministri) ritenesse necessari in qualsivoglia settore. E tutto senza rispettare nessuna regola in materia di appalti, contabilità pubblica, tutela ambientale, paesaggistica e artistica.

Questo è il quadro. Facciamo qualche considerazione partendo da quanto affermato da Guido Bertolaso in un’intervista al Sole24ore del 14 febbraio. Dice Bertolaso: “dire che in Italia la protezione civile deve occuparsi solo di terremoti, vulcani e alluvioni è facile, ma è pura demagogia. In un Paese come il nostro, dove non ci sono regole funzionanti e ci sono procedure arrugginite, alla fine tutti chiamano noi, da destra e da sinistra, per fare un’autostrada o una ferrovia, per aprire una discarica, per riattivare un termovalorizzatore, per fare un intervento di bonifica ambientale. E noi cosa dovremmo rispondere, che affrontiamo le emergenze naturali, ma non i problemi di questo Paese? “

Ecco descritta in maniera chiara la nascita di uno Stato parallelo, autoritario, in mano a poche persone che dicono di fare tutto nell’interesse generale, ma che si sono ritagliate un potere immenso lontano dalle regole e dai controlli e vorrebbero espanderlo e consolidarlo. Il perno di questo stato parallelo che stanno cercando di costruire è la Presidenza del Consiglio che, però, non avrebbe alcun titolo per esserlo visto che non è la depositaria della sovranità popolare, bensì una delle istituzioni che discendono da questa e che ha senso solo come parte di un sistema democratico che si articola in diversi poteri e funzioni. Finchè è in vigore la nostra Costituzione non ci possono essere da nessuna parte “i padroni dello Stato” liberi di non rispettare le leggi e di usare come vogliono i soldi dei cittadini. E, invece, con la scusa delle procedure arrugginite chi ha il compito e i numeri per cambiarle e per far funzionare meglio la macchina amministrativa non lo fa, ma coglie il pretesto delle arretratezze per prendere il potere al di fuori della lettera e dello spirito della Costituzione. E Bertolaso, che si dice al servizio dello Stato, afferma candidamente che la Protezione civile si dovrebbe occupare, in generale, dei problemi del Paese. Di quale Stato è al servizio Bertolaso? Conosce la Costituzione della Repubblica italiana o pensa che anche quella possa essere superata per decreto del Presidente del Consiglio? E poi chi ci pensa veramente ai problemi degli italiani? Tutto deve essere nelle mani della Presidenza del Consiglio e della Protezione civile? E le Regioni, i comuni, le province che fanno? E il Parlamento che ci sta a fare? E poi come viene speso il denaro dello Stato cioè di tutti noi ?

Pensiamo allo scandalo scoppiato in questi giorni intorno alla Protezione civile e pensiamo ai genitori cui spesso viene chiesto un contributo per le spese di funzionamento della scuola perché lo Stato non da’ i soldi in misura sufficiente e ha buttato, con la scusa dell’autonomia scolastica, sulle spalle dei presidi e dei genitori l’onere di tenere aperte le scuole. Come mai, invece, i soldi ci sono e ne vengono spesi tanti quando si tratta di gestire lavori pubblici senza regole o di finanziare gli sprechi di troppe amministrazioni dove i corrotti detengono posizioni di comando? E allora quali sono i “problemi del Paese” di cui parla Bertolaso se lo Stato manda a picco la scuola pubblica che forma le generazioni future? Anche per questo vogliamo chiamare la Protezione civile e i suoi imprenditori di fiducia?

Domandiamoci, però, cosa significa tutto ciò. Sembra che stia avanzando un progetto autoritario di tipo nuovo che non ha bisogno di ricorrere all’esercito per affermarsi perché la sua forza sta nella passività dei cittadini e nella conquista di tutte le posizioni di potere progressivamente piegate ad un progetto eversivo che si fonda anche sulla possibilità per molti di arricchirsi con i soldi di tutti. L’uso delle istituzioni legittime per imporre un regime diverso è un’esperienza già fatta varie volte in Europa e sempre con conseguenze catastrofiche per i popoli. Ma da noi l’incapacità dello Stato di costruire il futuro degli italiani si esprime sempre in due modi: non si raggiungono i risultati (istruzione, efficienza, servizi pubblici, assetto del territorio ecc) e si sprecano le risorse pubbliche che continuano ad affluire nelle casse dello Stato grazie al lavoro di tutto il Paese. Se queste risorse non vengono spese bene e non si investe sulla crescita non c’è futuro. Dove stanno le classi dirigenti che dovrebbero guidare la soluzione dei problemi strutturali dell’Italia in un mondo dove tutti cercano di progredire per vivere meglio?

Dice il Presidente del Consiglio che i magistrati si dovrebbero vergognare di aver rivelato la corruzione che si nascondeva dietro gli interventi della Protezione civile. E che ci stanno a fare i magistrati se non proteggono i cittadini, le istituzioni e lo Stato contro i malfattori che violano le leggi e derubano tutti noi? E un Presidente del Consiglio dice che si dovrebbero vergognare? Ma allora cosa si nasconde dietro lo stesso Berlusconi? È legittimo domandarcelo. Siamo ancora in Italia, esiste ancora lo Stato democratico o siamo tornati al regime feudale e non ci siamo accorti che siamo tutti sudditi delle bande che hanno conquistato il controllo del territorio?

La realtà è che si sta chiarendo un disegno che calpesta i diritti dei cittadini e vorrebbe cambiare la natura del nostro sistema costituzionale mettendo il comando al posto della rappresentanza con la scusa che tutto sarebbe deciso più rapidamente. Sì, anche il bandito che rapina una banca è molto veloce se lo si lascia fare. Ma a noi cittadini serve veramente essere comandati in questo modo?

La risposta è, ovviamente, no visti i risultati, gli sprechi, le ruberie, e le associazioni a delinquere che fioriscono con questi sistemi di governo. E non ci serve perché è impossibile governare nell’interesse dei cittadini pensando di affidare tutto il potere ad uno solo al comando. Se l’Italia vuole sperare di risolvere i suoi problemi e guardare al futuro non ha bisogno della Presidenza del Consiglio che prende il potere e usa la Protezione civile come suo braccio operativo: ha bisogno che si mobilitino le energie migliori di ognuno e che queste vengano inserite in un sistema-Paese che funzioni e che utilizzi e valorizzi le capacità. L’Italia deve crescere, deve produrre più ricchezza che si traduca, innanzitutto, in una migliore qualità della vita per le persone. E per questo ha bisogno di uno Stato democratico dove le bande di sfruttatori, di ladri e le associazioni a delinquere, e tutte le mafie siano messe al bando e neutralizzate perché loro sì costituiscono da sempre il problema dei problemi di questo nostro sfortunato Paese.

Claudio Lombardi

Comma 461: istruzioni per l’uso (di Claudio Lombardi)

Cosa dice il comma 461

Il comma 461 dell’art. 2 della legge n. 244/2007 prevede due categorie di interventi:

la prima riguarda la trasformazione delle carte dei servizi in carte della qualità; la seconda l’istituzione di un nuovo sistema di monitoraggio dei servizi e di partecipazione dei cittadini.

Circa le carte della qualità la novità consiste nelle norme che ne dispongono l’obbligatorietà per tutti i servizi locali, nella loro rispondenza ad un accordo che deve essere raggiunto tra aziende, associazioni dei consumatori e associazioni imprenditoriali del settore interessato, nel contenuto obbligatorio che deve riportare, tra l’altro, gli standard di quantità e di qualità indicati nel contratto di servizio.

Circa il nuovo sistema di monitoraggio e di partecipazione dei cittadini le novità sono che, in primo luogo, il sistema viene istituito per legge; che ne viene affidata la responsabilità agli enti locali; che è sempre garantita la partecipazione delle associazioni dei consumatori e il diritto dei cittadini ad veder prese in considerazione idee e proposte; che i costi del monitoraggio e della partecipazione vengono inclusi nei costi del servizio che gravano sui gestori; che viene istituita una sessione annuale di verifica del funzionamento dei servizi con la partecipazione delle associazioni dei consumatori che deve prendere in esame, in primo luogo, le osservazioni e i reclami provenienti dai cittadini.

Qual è il ruolo delle associazioni dei consumatori

Il comma 461 dice qualcosa di nuovo rispetto a tutte le disposizioni che prevedono la consultazione delle associazioni dei consumatori perché definisce un ruolo attivo sia nello svolgimento del monitoraggio dei servizi (reso permanente dalla legge, carattere che si estende al ruolo delle associazioni), sia nel raccogliere ed elaborare le sollecitazioni che provengono dai cittadini, sia nelle procedure che portano alla definizione delle carte della qualità. Tale novità viene rafforzata e portata al livello della formazione delle politiche locali dei servizi grazie alla sessione annuale di verifica istituita dalla legge.

Quali associazioni ?

L’attribuzione di ruoli e funzioni alle associazioni dei consumatori fa sorgere l’esigenza di conoscere i caratteri che qualificano in tal senso una realtà associativa. L’interpretazione più corretta, perché aderente allo spirito e alla logica della norma nonché al sistema dei riconoscimenti già presente nell’ordinamento e disciplinato con regole specifiche per il livello nazionale e da ognuna delle regioni per quello regionale, porta ad individuare nell’ambito comunale, provinciale o di aggregazione di enti locali il riferimento per l’attribuzione del riconoscimento alle associazioni.

In altri termini: non occorre che le associazioni dei consumatori siano riconosciute tali dalla Regione per partecipare all’attuazione del comma 461 in un singolo ente locale o ambito ottimale. È sufficiente che la qualifica di associazione dei consumatori sia attribuita al livello dell’ente territoriale nel quale si avvia l’applicazione del comma 461.

Il ruolo dei cittadini

Il comma 461 è innovativo anche perché definisce un diritto dei cittadini ad essere ascoltati e a veder prese in considerazione le sollecitazioni, le proposte e i reclami fatti pervenire ad enti locali, aziende e associazioni. Rispetto all’assetto precedente, caratterizzato dalla presenza di strutture deputate a trattare reclami e segnalazioni, ma non dall’individuazione delle segnalazioni dei cittadini come elemento centrale da cui partire per verificare l’efficacia del servizio, il cambiamento è notevole.

Cosa fare per cominciare

Si è più volte affermato che un protocollo di intesa con gli enti locali costituisce il primo passo per avviare l’attuazione del comma 461. Questa affermazione rimane valida, purchè vi sia la consapevolezza che il protocollo è solo il primo passo (e anche il più facile) e che bisognerebbe avere almeno un’idea di come procedere successivamente.

Il compito più importante che la legge affida alle associazioni dei consumatori (e quello che loro spetta per il motivo stesso della loro esistenza) è di raccogliere le segnalazioni dei cittadini ed essere in grado di elaborarle.

Il secondo compito che discende direttamente dal ruolo di rappresentanti dei cittadini e di loro espressione organizzata, è costituito dalla conoscenza della realtà del servizio in relazione alle esigenze dei cittadini. Ciò costituisce la premessa indispensabile per partecipare al sistema di monitoraggio e di definizione degli standard di funzionamento. Senza questa conoscenza e senza il rapporto con i cittadini il monitoraggio diventerebbe una mera attività di consulenza senza rappresentanza e, quindi, verrebbe meno uno dei caratteri identitari dell’associazionismo che è espressione delle istanze di partecipazione dei cittadini.

Ne consegue che la prima esigenza è quella di realizzare l’apertura ai cittadini e la conoscenza dei servizi che sono i presupposti per svolgere il ruolo che la legge assegna alle associazioni. È bene precisare che, pur essendo attività che le associazioni in quanto tali dovrebbero svolgere ordinariamente, sono previsti specifici finanziamenti nello stesso comma 461 per favorirne lo svolgimento.

Il primo passo è, quindi, quello di costituire un gruppo di lavoro formato da aderenti alle associazioni che analizzino la situazione e seguano l’attuazione del 461.

Il secondo passo è la creazione di una (o più strutture a seconda delle capacità delle singole associazioni che avviano l’attuazione e dei servizi nei quali si intende intervenire) dedicata in maniera specifica all’ascolto dei cittadini e alla conoscenza dei servizi. Per struttura si intende un sito internet e un ufficio dedicato con personale stabile commisurato alla dimensione dei compiti che ci si assume.

Il coinvolgimento degli aderenti e la consapevolezza fra i cittadini costituiscono, tuttavia, la sfida più importante perché il senso del 461 e il suo valore sta proprio nell’obiettivo di realizzare nuove forme di partecipazione dei cittadini finalizzate all’efficacia dei servizi locali.

Pensare di attuare il comma 461 solo attraverso strutture professionali come le società di consulenza che già operano per rilevare la customer satisfaction e legate alle società di gestione dei servizi sarebbe uno stravolgimento dello spirito della legge e la renderebbe inutile.

Riassumendo 

  1. qualificarsi come associazione di consumatori in ambito locale;
  2. conoscere il comma 461 e comprenderne il significato tra gli aderenti;
  3. costituire gruppi di lavoro dedicati al 461 e ai singoli servizi fra gli iscritti e aperti alla partecipazione dei cittadini;
  4. definire un piano di lavoro interno alle associazioni ;
  5. proporsi agli enti locali per attuare il comma 461 in uno o più servizi pubblici;
  6. informare i cittadini di cosa si sta facendo;
  7. proporre all’ente locale un protocollo di intesa con il quale ci si impegna ad attuare il comma 461;
  8. predisporre uno o più progetti o piani di attuazione del protocollo di intesa.

 

Claudio Lombardi Cittadinanzattiva Toscana, Umbria, Marche

Le vie della partecipazione sono finite? (di Claudio Lombardi)

C’era una volta la partecipazione…così potrebbe cominciare una favola e, invece, comincia un discorso ben più fondato sull’osservazione della realtà di questi ultimi anni.

Basta seguire i vari talk show televisivi o scorrere le prime pagine dei giornali o anche leggere i discorsi degli uomini politici più influenti e i documenti programmatici dei partiti maggiori per avere una conferma che la partecipazione è quasi scomparsa come elemento fondativo, distintivo, identitario del nostro sistema democratico.

Che il ruolo del cittadino si fosse ridotto a quello di elettore e di spettatore lo si era già constatato in più circostanze e, forse, era nei piani (e nei desideri) di quelli che non hanno mai digerito la nostra Costituzione e lo Stato democratico che è stato fondato 60 anni fa e che tanto hanno fatto per allontanare il popolo dalla politica.

Come ognuno può vedere, quando si affrontano i temi politici, l’attenzione dell’opinione pubblica è costantemente attirata dalle problematiche dei rapporti fra i partiti e all’interno dei partiti fra diverse componenti; problematiche che ruotano intorno a parole e concetti dei quali non si comprende più bene il significato dato che, spesso, sono branditi come bastoni da lanciare addosso agli avversari politici, ma non oggetto di spiegazione e di riflessione.

Uno dei temi dominanti già da anni è costituito da quello che viene definito il “conflitto” fra magistratura e politica. Questo “conflitto” è diventato, nel dibattito politico, una creatura misteriosa che si aggira, si occulta e poi colpisce all’improvviso.

Anche in questo caso la nebbia avvolge concetti e parole e non si capisce quali siano gli elementi che dimostrerebbero l’esistenza del “conflitto”. Poiché la magistratura è stata creata per perseguire reati bisognerebbe spiegare, piuttosto, come mai ci sono politici sui quali pendono accuse pesanti che non sono fatte di calunnie lanciate sui giornali, ma da capi di accusa che discendono da indagini lunghe e complesse. È come se si accusasse la previsione meteo della pioggia che cade.

E invece parlare di “conflitto” annebbia la vista e non si riesce a vedere la sostanza che sta dietro le parole.

Così il legittimo diritto di sapere se chi ci rappresenta o, addirittura, ci governa esercitando poteri e disponendo di soldi e di apparati pubblici, sia una persona onesta e affidabile rimane insoddisfatto perché si alzano le urla di chi, accusato, risponde: congiura, conflitto, assurdità ecc ecc.

Qualcuno, in realtà, pensa che anche il rapinatore preso con le mani nel sacco, se potesse, direbbe che la polizia e i magistrati ce l’hanno con lui e che non se ne parla proprio di farsi processare per vedere se, prove alla mano gli riesce di dimostrare la propria innocenza.

Ma non può farlo. Questo privilegio è riservato ai pochi che hanno il potere e dispongono del denaro e delle strutture di comunicazione (giornali e televisioni) per dare la loro versione dei fatti, nella migliore delle ipotesi, oppure, semplicemente, per sottrarsi ai processi.

Questo è il punto di vista del cittadino comune, diciamo pure di chi ragiona con il comune buon senso.

In questo clima come sperare che molti pensino alla partecipazione dei cittadini come la ricetta migliore per far funzionare lo Stato, le istituzioni, la vita sociale e anche, persino, gli stessi partiti politici?

Eppure, non saremo in tantissimi, ma noi ci crediamo che sia possibile vivere in una società più coesa, ordinata, ben governata perchè fondata sulla partecipazione dei cittadini.

Come dice una bella canzone di Giorgio Gaber la “libertà è partecipazione”.

Per altri la libertà è quella di (tentare di ) fare il proprio comodo fino a che non ne sono impediti da altri più forti. Ed è quello che abbiamo visto in tante parti del mondo già innumerevoli volte. Ma le conseguenze non sono mai state buone nel medio e lungo periodo per i popoli: guerre, violenze, distruzione dell’ambiente, sopraffazione dei più deboli sono solo alcuni dei prezzi pagati da tutti per il tornaconto di pochi.

Purtroppo c’è sempre qualcuno per cui la libertà è solo quella sua da esercitare contro gli altri. Per questi asociali ci vorrebbe quell’antica sanzione in uso nel mondo greco e romano che escludeva dallo Stato chi ne violava le leggi diventando un pericolo per gli altri.

La sanzione più adatta a quest’epoca, invece, è costruire un sistema fondato sulla partecipazione che limiti il potere di chi usa la democrazia per sé e contro la collettività.

La partecipazione va considerato uno dei caratteri fondanti di un regime democratico avanzato che non si limita a mettere nelle mani degli specialisti della politica il governo di una società, ma si affida ad un sistema di pesi e contrappesi nel quale le diverse componenti si bilancino senza che nessuno possa mai disporre del potere di prevaricare gli altri.

La partecipazione, inoltre, rende più scorrevoli e autentici i processi decisionali e di applicazione delle decisioni creando le condizioni per il superamento delle chiusure corporative e degli egoismi individuali.

Solo in questo modo, infine, è possibile migliorare la validità e la veridicità delle decisioni degli organi rappresentativi e l’efficacia del sistema di governo basandole su una coesione sociale non statica, ma dinamica che si adatta alla mutevolezza degli sviluppi culturali, economici e sociali.

Le virtù della partecipazione sono indubbie, ma non si trovano già belle pronte in un pacchetto di interventi che devono solo essere applicati per funzionare.

Occorre costruire la cultura della partecipazione ed inserirla nelle prassi di vita quotidiana.

Non bastano, insomma, le manifestazioni esteriori della partecipazione come sono stati tradizionalmente considerati comizi, cortei e simili.

È necessario che la partecipazione sia una delle modalità con le quali si governa in senso lato la società e lo Stato.

Non si è fatta, sin qui, menzione delle elezioni che, pure, costituiscono la principale forma della partecipazione alla politica dato che servono a comporre gli organi istituzionali rappresentativi.

Non se ne è fatta menzione perché quel momento di partecipazione ha senso se si inserisce in un sistema partecipativo; se isolato e lasciato a sé stesso si presta facilmente ad essere preda di chi dispone di capacità e di poteri di influenza sull’elettorato.

Tornando alle diverse forme della partecipazione bisogna precisare che non siamo all’anno zero: nel passato molto è stato fatto anche in assenza di riconoscimenti legislativi e di discipline specifiche. Oggi ci sono normative che consentono e prevedono la partecipazione, ma spesso non sono applicate o perché boicottate oppure perché chi dovrebbe utilizzare quelle possibilità non ha le idee chiare o le capacità o la forza per farlo.

Il problema, a questo punto, si traduce nella necessità di individuare percorsi di partecipazione che stimolino la nascita e il rafforzamento di forme associative fra i cittadini che sappiano utilizzare le norme esistenti e che, inoltre, creino la “necessità” della partecipazione per far funzionare meglio le cose.

Per non fare discorsi astratti ecco un esempio: il comma 461 dell’art. 2 della legge n. 244/2007 sarebbe una bella occasione per realizzare questo disegno, ma, a distanza di due anni dalla sua approvazione, non se ne conosce ancora alcuna applicazione.

Vale la pena dedicare a questa norma un’attenzione particolare, ed è quello che faremo nel prossimo articolo dedicato a definire un percorso di attuazione del comma 461.

 

Claudio Lombardi Cittadinanzattiva Toscana, Marche, Umbria

Nucleare: ma se io avessi previsto tutto questo..(di Alberto Biancardi)

Va be’, lo ammetto che mi son sbagliato…

In effetti, sono uno di quegli ex ventenni che nel 1987 votarono contro il nucleare. Ora, sono passati molti anni. La situazione è cambiata. Sarà l’età, sarà Kyoto, ma devo ammettere che la mia decisione è stata un po’ leggerina. Qualche dubbio mi rimane, però. Cercando di essere il meno presuntuoso possibile. In una materia del genere, la scommessa è implicita e nessuno può dichiarare di disporre della Soluzione.

Appunto. Allora, abbiamo peccato di ideologia. I ventenni degli anni ’80, ma anche i trentenni, i quarantenni e così via pensavano di averla ben chiara in testa, questa Soluzione. Il risultato è stato modesto, sotto il profilo della competitività del nostro sistema elettrico. Non so se sono davvero 65 miliardi di euro i costi che hanno gravato sulla nostra bolletta energetica a causa della decisione di uscire dal nucleare (dato dichiarato dal ministro Scajola un paio di mesi fa), però non sembra un caso che i Paesi che usano questa tecnologia abbiano prezzi dell’energia elettrica inferiori ai nostri.

Ora, con l’incombere delle preoccupazioni sui cambiamenti climatici, anche un ambientalista convinto può dichiarare che il nucleare è l’opzione su cui puntare. In effetti ce n’è più di uno e non solo in Italia.

Faith Birol, presidente dell’Agenzia Internazionale dell’Energia, che non è ambientalista, ma non può nemmeno essere tacciato di fanatismo pro nucleare, nel presentare il World Energy Outlook a fine 2009 non ha lasciato dubbi. Per scostarsi da quello che ha definito il Reference Scenario, il nucleare è un pilastro essenziale. Questo scenario rischia di essere terribile. È molto simile a quello descritto qualche anno fa dalla famosa Stern Review (un lavoro molto dettagliato finanziato dal governo britannico e redatto da un gruppo di esperti guidati da Nicholas Stern). Si tratta di un incremento della temperatura terreste di 6° C entro il 2030, con mutamenti climatici irreversibili.

Tutto ok, dunque? Sotto un certo profilo, la risposta sembra positiva, almeno per la sua chiarezza (non per l’ottimismo). Le cose sembrano di nuovo allineate. Inoltre, se investo nel nucleare, faccio bene all’ambiente ma anche al mio portafoglio. Questo perché dal nucleare si ottiene energia senza emissioni di CO2 e a costi inferiori a quelli attuali.

Come dire, industriali ed (ex)ambientalisti tutti in fila verso un percorso individuato con ritardo ma chiaro. Quattro o cinque centrali nucleari, un’agenzia, ecc. Il che, tutto sommato, sarebbe il frutto di una decisione analoga a quella di altri Paesi. Fra tutti, il Regno Unito: centrali per 12.000 MW con l’entrata in funzione del primo impianto forse già dal 2018.

Io, però, mi permetto di avanzare qualche dubbio. Non tanto sulla sicurezza della tecnologia, un campo che va al di là delle mie competenze. Bensì sull’economicità della scelta, naturalmente se vista nel contesto del sistema energetico italiano. Purtroppo, dico subito che i numeri che porterò a sostegno dei miei dubbi sono incompleti. Necessiterebbero di un approfondimento che va oltre i limiti di questa analisi.

Espongo il mio ragionamento. Anche ammesso di identificare siti adatti per l’accoglimento di un numero minimo di impianti – diciamo per 10.000 MW – necessari per poter parlare di rientro nel nucleare e di lotta alle emissioni CO2, e anche ammesso di aver identificato un sito per lo stoccaggio delle scorie, nonché aver ottenuto il consenso dei cittadini, i parametri economici dell’operazione non mi appaiono chiari.

Il nucleare è conveniente se gli impianti vengono realizzati con rapidità, pena un incremento dei costi finanziari. Si tenga conto che ciascuno dei quattro – cinque impianti previsti costerebbe oltre 5 miliardi di euro e che questi costi non tengono conto dei costi di smantellamento. In caso di ritardi di una certa entità, la via di produrre energia elettrica da gas potrebbe risultare più conveniente. Ma anche qui voglio adottare un atteggiamento del tutto positivo verso il nucleare. Ipotizziamo che gli impianti vengano realizzati senza ritardi.

Tuttavia, pur in questa ipotesi mi resta un dubbio, su cui non ho visto una sufficiente attenzione. E, voglio dirlo il più chiaramente possibile, è proprio dallo scioglimento di questo dubbio che dovrebbe discendere la decisione se avviare nuove centrali nucleari. Una decisione positiva aprioristica rischia di essere ideologica quanto quella del 1987.

Infatti, noi arriveremmo al nucleare – diciamo da qui a una decina d’anni – con un sistema elettrico caratterizzato da almeno due condizioni. La prima riguarda la domanda: i consumi dovrebbero mantenersi sui livelli attuali, o per meglio dire, del periodo precedente alla crisi economica (attorno a 340 TWh/a). In caso contrario, intendo in presenza di sensibili incrementi dei consumi, vorrebbe dire che non saremmo comunque stati in grado di raggiungere gli obiettivi di riduzione delle emissioni di CO2. Il che vuol dire che anche il punto minimo dei consumi di energia elettrica non dovrebbe scostarsi di molto dal livello attuale, pari a 32.000 MW. La seconda caratteristica riguarda l’offerta. L’Italia ha quasi ultimato un ampio processo di rinnovamento del parco impianti, che oggi è uno dei più efficienti al mondo. Inoltre, ha in atto un processo di una certa dinamica nella costruzione di nuova capacità di produzione da fonti rinnovabili.

Cosa intendo dire? Semplicemente che i nuovi impianti nucleari rischierebbero di spiazzare una buona parte delle unità oggi in funzione (basandosi anche su una probabile priorità di dispacciamento riconosciuta al nucleare). Questo sia nel picco dei consumi, ma anche nella base.

Questo spiazzamento avrebbe a sua volta come effetto di far rimanere poche ore nella giornata per le centrali a gas, nonché per gli altri impianti, per recuperare gli investimenti effettuati. In sostanza, i prezzi nelle ore piene dovrebbero incrementare a sufficienza per consentire il rientro dei capitali investiti negli impianti a ciclo combinato, ecc.

Si tenga conto che un impianto a energia nucleare, come si dice in gergo tecnico, non è modulabile e, dunque, la sua capacità produttiva è utilizzata deve essere utilizzata con continuità per anni e anni. Come dire che, una volta costruito, un impianto nucleare va fatto operare praticamente a pieno regime per periodi molto prolungati.

Tornando all’effetto spiazzamento, nel caso i prezzi delle ore piene non fossero sufficienti a remunerare i cicli combinati già costruiti, vi sarebbe l’alternativa – che oggi può apparire poco più di una battuta, ma che rischia di diventare tema ben più serio – di iniziare a vedere qualche produttore di energia chiedere il recupero in tariffa degli stranded cost legati all’entrata nel nucleare. È cosa ben nota che stiamo ancora pagando i costi per l’uscita del 1987.

Che dire? Servirebbe un confronto aperto su queste previsioni. In assenza di ciò, non mi sembra che i dubbi sull’economicità del nucleare siano fugati. L’allineamento fra ambiente e portafoglio rischia di saltare ed è meglio di saperlo per tempo.

Nel caso, tutto da verificare, di economicità modesta dell’opzione nucleare, il discorso si chiuderebbe come nella canzone di Guccini, che, vorrei ricordare, termina proprio con un bel: ma se io avessi previsto tutto questo, dati causa e pretesto, forse farei lo stesso…

Alberto Biancardi economista

1 148 149 150 151