Sansonetti spiega a Di Battista chi è Giorgio Napolitano

Di questi tempi rivendicare le proprie radici e la propria storia è diventato motivo di diffidenza. Vanno per la maggiore quelli che si presentano come “nuovi”. A loro non si chiedono referenze. Anche chi una storia ce l’ha fa di tutto per far credere di non averla. Per questo è di grande interesse la lettera aperta che Piero Sansonetti scrisse ad Alessandro Di Battista all’inizio di quest’anno. L’occasione fu l’ennesima aggressione verbale nei confronti di Napolitano che si concluse con l’accusa di vigliaccheria. Di seguito il testo

“Io ti auguro non solo di arrivare all’età di Giorgio Napolitano, ma di arrivarci avendo alle spalle una biografia solida e apprezzabile come la sua.

Io sono stato iscritto al Pci tanti anni. Quando ero giovane, anch’io, come fai ora tu, combattevo per rompere la “cappa” che ci veniva imposta dalla generazione precedente, che era chiusa, era abbastanza stalinista. Sai: era la generazione della Resistenza, ed era molto robusta, non era facile da scalfire. Non ho mai avuto una particolare simpatia per Giorgio Napolitano. Allora esistevano le correnti nei partiti. Anche nel Pci, sebbene il Pci le nascondesse. Erano luoghi di lotta politica e anche di pensiero. Napolitano era uno dei leader della corrente riformista, moderata, governista. Era il numero due di quella corrente. Il numero 1 era Giorgio Amendola, vecchio leader della Resistenza, figlio di Giovanni, capo liberale che morì negli anni trenta sotto le bastonate dei fascisti. Io negli anni settanta ero un ragazzo che faceva parte dell’altra corrente, quella di Ingrao, ribelle, sessantottina. Che si opponeva aspramente a Napolitano e ad Amendola.

Però, vedi, una cosa è la lotta politica, o il dissenso, o la critica. Altra cosa è l’insolenza verso le persone che si conoscono poco.

Vorrei dirti chi è Giorgio Napolitano. Un ragazzo napoletano, della borghesia, che a 19 anni si unì ad altri ragazzi nella cospirazione antifascista. Li guidava Maurizio Valenzi, di una quindicina d’anni, credo, più grande di loro, e che poi fu sindaco, molto amato, di Napoli negli anni settanta.

A vent’anni Napolitano si iscrisse al Pci e da quel momento, per oltre 70 anni, la politica è stata la sua vita.

Tu forse sei convinto che la politica sia potere, potere, potere. Non è così, caro Alessandro. Napolitano, ad esempio, ha fatto politica senza mai sfiorare il potere per mezzo secolo filato. Capisci che vuol dire mezzo secolo? Non è stato ministro, né Presidente, né sindaco, né capo di qualche ente pubblico. Zero: militante e dirigente del Pci. Faceva i comizi, andava davanti alle fabbriche, nelle campagne, nelle sezioni del partito. A discutere, a parlare, a convincere. Fino a notte fonda. Allora la politica era un’attività di massa. Il partito comunista aveva 1 milione e mezzo di iscritti, e quasi tutti partecipavano all’attività del partito, si riunivano, la sera, dopo il lavoro, in sezione ( il Pci aveva migliaia e migliaia di sezioni), stampavano i volantini, facevano le assemblee, andavano nelle scuole, vendevano l’Unità. Pensa che l’Unità, la domenica, vendeva anche un milione e mezzo di copie.

Si chiamava democrazia politica quella roba lì. Era un impasto di democrazia diretta e di democrazia delegata. I dirigenti del partito prendevano stipendi modesti, anche quelli che erano deputati lasciavano i quattro quinti della paga al partito. Anche Napolitano lo faceva.

Guidò il Pci in anni molto difficili. Le lotte dei braccianti, soprattutto al Sud, e Napolitano era un dirigente del Sud, e poi degli edili a Roma, e degli operai nelle fabbriche del nord, dove i comunisti erano discriminati, pagavano un prezzo durissimo, tutti i giorni, alla loro scelta di essere comunisti. Napolitano non stava dalla parte delle banche, o della grande aziende, stava dalla parte dei poveri, degli operai. Lottava e anche pensava. La politica era strategia, pensiero, tattica.

A metà degli anni settanta il Pci si divise. Pietro Ingrao voleva che il partito restasse coi movimenti in una posizione di opposizione intransigente. Amendola e Napolitano volevano una apertura ai socialisti. Questa divisione durò molti anni, fino ai tempi di Craxi, ma non comportò mai una rottura.

Napolitano era in prima linea nelle lotte contro la legge truffa (era una legge elettorale che favoriva la maggioranza, cioè la Dc), e poi per lo statuto dei lavoratori, e poi per il divorzio e l’aborto, e poi per la riforma sanitaria, per l’equo canone, per la riforma Basaglia. Qualche anno dopo, anche se non era pienamente d’accordo con il suo partito ( cioè con Berlinguer), si batté fino allo stremo, accanto a Berlinguer, per impedire che fosse colpita la scala mobile. Perse.

Napolitano ha vinto e ha perso molte battaglie. Ha dissentito con il suo partito, talvolta, e talvolta no. Si è scontrato con Berlinguer, ad esempio, quando Berlinguer voleva fare della questione morale la ragion d’essere del Pci, e Napolitano non era d’accordo. Si è battuto contro Ingrao quando Ingrao voleva mantenere il nome del Pci e Napolitano non voleva. Si è battuto contro le dittature in America latina ( che ora anche tu conosci bene, dopo il tuo viaggio), contro gli agrari e contro l’arroganza padronale in Italia. Ha spinto per la trasformazione del Pci e per l’avvicinamento alle grandi socialdemocrazie europee.

Poi negli anni novanta ha iniziato la sua nuova vita, da statista. Prima presiedendo la Camera, poi facendo il ministro dell’Interno, poi il Presidente della Repubblica. Ha avuto un ruolo importante di statista, ha raggiunto il potere, ma tutta la sua vita ci racconta che non era quello l’essenziale del suo impegno. Napolitano ha considerato il potere una variabile della politica, ma lui ama la politica, non la sua variabile.

Ha fatto degli errori, in questi settant’anni? Beh, vorrei vedere che uno riesce a non sbagliare niente in settant’anni. Io, personalmente, spesso sono stato critico nei suoi confronti. Anche quando era ministro dell’Interno, e anche quando non si è opposto all’attacco alla Libia. Ma questo, caro Alessandro, non ti autorizza a dargli del vile. Io spero che tu capisci che questa cosa che hai detto su di lui è orrenda, e non ti fa onore.

Napolitano è stato uno degli uomini più coraggiosi nella politica italiana. Ha sfidato il fascismo, l’arroganza padronale, la polizia, la magistratura. Insieme a tanti suoi amici, dirigenti come lui del Pci. Penso proprio ad Amendola, e a Chiaromonte e a Macaluso e a Luciano Lama.

Vedi, tu fai parte di un movimento giovanissimo, privo di radici, di storia. Non avete maestri, non avete teorie. Benissimo, può essere un vantaggio. Però dovete avere l’umiltà di capire che oggi l’Italia è uno dei paesi più civili del mondo perché dal 1945 in avanti c’è stata una classe politica che ha dato l’anima. E di questa classe, Alessandro, Giorgio Napolitano è stato uno dei migliori.

11 commenti

  • Caro Sansonetti, grazie per questa grande lezione di storia sulla quale tanti politici (dell ‘ ultima ora ) farebbero bene a riflettere e a studiate.

  • Gino Melchiorre

    Concordo pienamente. Non sono mai stato comunista, ma neanche anticomunista “viscerale” (copyright Ugo La Malfa”), ed ho sempre guardato Napolitano con interesse e stima. Nel PCI stava una spanna sopra gli altri. Fosse stato al posto di Berlinguer, forse la storia di questi ultimi decenni sarebbe stata diversa.

  • Bellissimo articolo, senza nessuna retorica, grazie .

  • angelo giuliano

    Concordo pienamente,anch’io,nel mio piccolo,ho attraversato qualcosa del genere.Sono stato iscritto al P.C.I. fin dal 1974 e tutt’ora sono iscritto al PD.ho seguito con tanto dolore la scomparsa di quell’epoca ma ho tutti i ricordi nella mente.Molti di questi giovani ,come diciamo noi a Napoli,”hanno trovato il letto pronto e si sono coricati,”non hanno vissuto i tempi dove in fabbrica la tessera del P.C.I. era un ostacolo ad ogni miglioramento della vita operaia.Molti compagni hanno avuto l’onore di rappresentarci in parlamento senza mai dimendicare di aver partecipato,a volte clandestinamente,alle riunioni delle cellule operaie.Io ho avuto l’onore di aver conosciuto Enrico Berlinguer e aver partecipato al suo funerale.Qui dico a questi che si affacciano alla politica senza storia alle spalle di stare attenti nei giudizi su persone che hanno costruito la Democrazia in Italia e grazie a loro che oggi possono esercitarLa liberamente.Senza colpo ferire.

  • Bravo Sansonetti, io ho conosciuto tanti di quelli che hai citato nei comizi,nelle sezioni, nelle feste dell’unità, nei dibattiti pubblici ed è tutto vero. Rimane lo sconforto come sia stato possibile che tanti italiani non hanno alcuna memoria di una storia di cui dovremo essere orgogliosi. Spero che questa memoria non torni quando avremo perso i diritti civili, il ssn, un sistema giudiziario equilibrato, la separazione dei poteri, etc.

  • Ottimo articolo, saggio. E’ sempre difficile trattenersi a fronte di insulti gratuiti.

  • Nando Ribiscini

    Giorgio un Grande della politica P Italiana,riformista lungimirante sempre adeguato alle fasi storiche dal dopoguerra. L unico appunto negativo il governo Monti, era giusto andare alle elezioni. Un consiglio ai giovani che voglino fare politica: leggette Una Scelta diVita, di Giorgio Amendola

  • longobardo guglielmo

    bene,…se avessero almeno l’umilta’ e la necessaria volonta’ di studiare la storia politica e culturale della nazione che ritengono di dover governare sarebbe gia’ un buon risultato…..ma questi nelle loro stupide semplificazioni non sanno neanche cosa significhi “la Politica “…..per quanto riguarda giorgio napolitano non bisigna dimenticare il suo importantissimo contributo da responsabile della cultura del partito comunista italiano……

  • longobardo guglielmo

    …bene,…se avessero almeno l’umilta’ e la necessaria volonta’ di studiare la storia politica e culturale della nazione che ritengono di dover governare sarebbe gia’ un buon risultato…..ma questi nelle loro stupide semplificazioni non sanno neanche cosa significhi “la Politica “…..per quanto riguarda giorgio napolitano non bisigna dimenticare il suo importantissimo contributo da responsabile della cultura del partito comunista italiano……

  • Ed io lo conoscevo da bambini : mio cognato e mia sorella di incontravano spesso con lui e Valenza ed altri ! Una persona perbene , uomo dolce ed educato , fine bei modi e nei sentimenti . Vero “ o principe “

  • Paolo Gelsomini

    Semplicemente splendido!!! Si può dire tutto l’essenziale senza retorica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *