L’idea sbagliata della flat tax (2)

Flat tax ed evasione fiscale Non vi è evidenza che un significativo taglio della pressione fiscale farebbe diminuire l’evasione.  I più considerati studiosi del sommerso affermano che l’evasione fiscale dipende in prima battuta dalla capacità amministrativa dello Stato e da come lo Stato é percepito dai cittadini. In seconda battuta impattano sull’evasione: gli aumenti della pressione fiscale. Una crescita sensibile

Continua a leggere

Flat tax? 100 miliardi di buco da riempire

Il tentativo del centro-destra di recuperare consensi passa attraverso una proposta di radicale revisione dell’attuale regime fiscale di tassazione dei redditi personali e di impresa. Mutuando l’espressione inglese, Matteo Salvini e Silvio Berlusconi hanno parlato dell’opportunità di introdurre una flat tax, cioè di assoggettare i redditi a una sola aliquota (il 15 per cento per Salvini, il 20 per cento

Continua a leggere

I conti non tornano in Europa e in Italia perchè sono mistificati

Sì i conti non tornano. Ogni discorso sempre lì va a parare: riforme cioè costo del lavoro da abbassare (direttamente o indirettamente con flessibilità e precariato); riforme cioè spesa pubblica da abbassare con meno spesa per stipendi, pensioni, assistenza, servizi. Fatte le riforme (quelle) allora si abbassa il prelievo fiscale, allora gli investitori riprendono fiducia e ci mettono i loro

Continua a leggere

I rischi della disuguaglianza (di Salvatore Sinagra)

Probabilmente il best seller di Thomas Piketty, Il Capitale nel ventunesimo secolo, farà fare un salto di qualità al dibattito sulle diseguaglianze, che fino ad oggi è stato assai frammentato,  attribuendogli una dimensione globale. In Francia due anni fa Hollande ha vinto le elezioni promettendo un inasprimento della pressione fiscale sui ricchi; in Svizzera con referendum è stato introdotto un

Continua a leggere

Chi paga la manovra: meno soldi e meno diritti per chi non può decidere (di Claudio Lombardi)

Ormai sulla manovra del Governo è in pieno svolgimento il dibattito pubblico ed è già iniziato l’esame del Parlamento. Sul perché si è arrivati alla manovra si è espresso su civicolab con chiarezza Gabriele Silvestri. Ciò che si può aggiungere è che l’Italia, come tutti i paesi con un alto debito pubblico, è stata sempre a rischio di manovre speculative.

Continua a leggere