I lavoratori e il coronavirus: le differenze aumentano

La tragedia sanitaria è evidente, segnata da numeri certi di morti e contagiati; quella economica ancora non è molto chiara, ma certamente si parla di una crisi talmente grande e pericolosa da far dire agli gli esperti che una crisi economica così devastante non la si ricordava dal  1929 o nel periodo del primissimo dopoguerra (1945). Insomma, il Coronavirus si

Continua a leggere

Come intervenire sulla disuguaglianza

Ho letto con molto interesse lo studio scientifico: “Un modello matematico per la disuguaglianza” (se ne è parlato qui: http://www.civicolab.it/un-modello-matematico-per-la-disuguaglianza/). Conferma ciò che già si pensava da tempo e cioè che il libero mercato lasciato a se stesso produce progressivamente forti disuguaglianze. E ci dice che sono indispensabili delle efficaci correzioni delle istituzioni pubbliche per limitarle, non solo per motivi

Continua a leggere

Ma davvero sono basse? I veri importi delle pensioni italiane

Nel realizzare il Settimo Rapporto sul Bilancio del Sistema Previdenziale italiano, redatto dal Centro Studi e Ricerche di Itinerari Previdenziali rigorosamente sui bilanci degli enti previdenziali, era impossibile non riflettere e verificare i contenuti che annualmente l’Istat diffonde in tema di pensioni, argomento – come noto – ultrasensibile per tutti i lavoratori di questo mondo e, in particolare, di quelli

Continua a leggere

Un modello matematico per la disuguaglianza

Numerose fonti analizzano l’incremento della diseguaglianza economica tra individui all’interno dello stesso stato, in particolare a partire dal secondo dopoguerra (vedi ad es. Piketty La diseguaglianza dei redditi negli Stati Uniti, 1920-2010). Secondo la banca Credit Suisse nel 2009 l’1% della popolazione deteneva circa il 41% della ricchezza mondiale mentre nel 2019 si arrivava al 45% (vedi global-wealth-databook-2019). Studiosi come

Continua a leggere

Il lavoro del futuro e la disuguaglianza della conoscenza

Nel giorno in cui l’informazione è tutta concentrata sul decreto che disciplina il reddito di cittadinanza e quota 100, due misure che puntano sull’assistenzialismo, vale la pena di seguire il ragionamento che l’economista Michele Boldrin svolge sul sito www.linkiesta.it. Il tema è la disuguaglianza ovvero il lavoro in un mondo che sempre più si basa sulla conoscenza. Della futura scomparsa

Continua a leggere

Mettere un limite al potere economico

Pubblichiamo uno degli ultimi scritti di Lapo Berti, economista e studioso dei fenomeni sociali recentemente scomparso. La crisi finanziaria globale ha riportato alla luce, con drammatica evidenza, un problema che da tempo affligge i regimi democratici, ma che finora si è fatto ben poco per affrontare o anche solo nominare: quello della ricchezza eccessiva e del potere economico in mani

Continua a leggere

Lavoro, il domani che verrà

La sostituibilità tra uomo e macchine ha raggiunto livelli prima impensabili. È difficile dire quali saranno gli effetti complessivi. Ma per affrontare questi grandi cambiamenti è necessario creare un sistema diffuso di istruzione di qualità. Apocalittici e integrati di fronte alle nuove macchine I grandi cambiamenti tecnologici sono stati sempre accompagnati dal timore che risparmiando lavoro avrebbero generato disoccupazione. Il

Continua a leggere

Povertà e Rapporto Oxfam: un metodo fuorviante

Che la profezia marxiana sulla progressiva e ineluttabile concentrazione del capitale nelle mani di pochi si stia avverando? Devono averlo pensato in molti, ieri, leggendo i resoconti sul consueto rapporto anti-Davos di Oxfam, significativamente intitolato “Un’economia per il 99 per cento”. La “notizia”, quest’anno, è che nelle mani di otto sole persone si troverebbe altrettanta ricchezza che in quelle di

Continua a leggere

I super ricchi che aumentano la disuguaglianza

Il Rapporto Oxfam ogni anno richiama l’attenzione su una realtà dura da accettare: i super ricchi cioè il famoso 1% aumenta ancora la sua ricchezza tanto che oggi 8 persone possiedono tanto quanto la metà più povera dell’umanità. Secondo il Rapporto: “se lasciata senza controllo, la crescente disuguaglianza minaccia di lacerare le nostre società, causa un aumento della criminalità e

Continua a leggere
1 2 3 4