È stato bello essere comunisti e fascisti, ma ora creiamo la nuova Italia (di Luca Craia)

Non sono mai stato comunista, di sinistra sì ma comunista no. Eppure c’è stato un periodo della mia vita, un lungo periodo, in cui mi sono sentito parte di un insieme identificabile o, meglio, identificato da alcuni con il termine “comunista”. Parlo di quei quasi vent’anni in cui l’Italia che pensa, che non ha secondi fini, che considera lo Stato

Continua a leggere