Dolori francesi

Ma cosa ci combina questa Francia? Anzi, cosa si è messa in testa quella minoranza di francesi che sono andati a votare alle elezioni europee? Marine Le Pen pretende lo scioglimento del Parlamento, annuncia un referendum per uscire dall’euro, vuole stracciare gli accordi per gli scambi commerciali tra Europa e USA e chissà cos’altro. Pensate che se avesse vinto Grillo

Continua a leggere

Una via concreta per l’Europa, altro che la rabbia

Le soluzioni ottimali non sono quasi mai quelle che si affermano. Quelle sub ottimali, invece, sono quelle che arrivano all’obiettivo. Che vuol dire? Vuol dire che in politica c’è sempre qualcuno che gioca a spararla grossa, specie quando sta all’opposizione e vuole colpire chi sta al governo. Recita la sua parte come altri recitano la loro. Basta saperlo. Per esempio

Continua a leggere

La politica, noi e questi anni da incubo (di Lorena Nattero)

“La responsabilità è della politica!” Quante volte leggiamo o ascoltiamo questa affermazione? Tante, troppe, e sarebbe il caso di domandarsi se può confondere le idee invece di aiutare a capire. Sono una madre, una insegnante, iscritta ad Associazioni e ad un Partito politico: allora è anche colpa mia? No non è proprio e solo così. Il problema è quello dell’educazione

Continua a leggere

Chi la spara più grossa vince? (di Claudio Lombardi)

Grillo chiede ad Al Qaeda di bombardare il Parlamento. Berlusconi si preoccupa delle signore che vogliono pagare in contanti pellicce e gioielli e contemporaneamente promette aliquote fiscali molto basse, abolizione e restituzione dell’IMU, “guerra” alla Germania e, persino, l’uscita dall’euro. Entrambi non parlano il linguaggio della verità, ma quello della pubblicità. Sanno benissimo che quello che dicono è aria fritta

Continua a leggere