Mafia capitale: ancora una conferma

Almeno due capigruppo, presidente del consiglio comunale, assessore, i loro più diretti collaboratori, un capo dipartimento, un presidente di commissione consiliare, consiglieri comunali, il presidente di municipio di Ostia, un direttore di dipartimento, dirigenti di cooperative “rosse” e “bianche” (Lega Coop e la Cascina), un costruttore. Questo un elenco sintetico e ancora provvisorio degli ultimi arrestati ed indagati per “Mafia

Continua a leggere

Mafia Capitale e politica: il trionfo culturale della destra

Non stupisce che da destra vengano tanti esempi di menefreghismo e di prevalenza degli interessi privati rispetto a quelli della collettività. La destra ha sempre significato mettere l’interesse individuale davanti a tutto. Colpisce che anche a sinistra si siano affermati questi comportamenti senza trovare  seri ostacoli. È un fatto che, rispetto al vecchio PCI (casa madre di tante sinistre), nel

Continua a leggere

Mafia Capitale: una questione di anticorpi (di Anna Maria Bianchi)

A Roma c’è la mafia. Non di importazione, ma autoctona. Una “quinta mafia” con caratteristiche peculiari  descritte molto bene dal Procuratore Pignatone nella conferenza stampa di ieri.   Dopo  arresti e perquisizioni in Campidoglio e  alla Pisana, con indagati di primo piano della politica cittadina –  dall’ex sindaco Alemanno,  al presidente dell’Assemblea Capitolina Mirko Coratti (PD), dall’assessore Ozzimo (che si

Continua a leggere

Notizie dalla Capitale: la mafia c’è e comanda la città

Un’operazione degna dei tempi di Falcone e Borsellino quella in corso a Roma. 37 Arresti per “associazione di stampo mafioso” e sequestri di beni per 200 milioni. Ma, soprattutto, la scoperta di un “ramificato sistema corruttivo” finalizzato all’assegnazione di appalti e di finanziamenti pubblici dal Comune di Roma e dalle aziende municipalizzate. L’elenco delle accuse è impressionante: associazione di tipo

Continua a leggere

Scandali. Parte la macchina della distrazione di massa

Scoppia l’ennesimo scandalo di traffici illeciti intorno ad appalti che riconducono sempre, in un modo e nell’altro, ai soldi pubblici e subito si tenta di dirottare l’attenzione dell’opinione pubblica sulla “giustizia ad orologeria”, sul “ruolo politico dei giudici”, su ipotetici complotti e, infine, sulla scarsa rilevanza dei reati contestati. Stesso copione se un ex ministro dell’interno, Scajola, viene sorpreso a

Continua a leggere

Contro le cricche siano benedetti euro e rigore

Da come si sono messe le cose in Italia bisogna arrivare ad una conclusione “drammatica”: meno male che c’è l’euro e una Germania che impone il rigore! Perché? Perché gli scandali che riempiono da molti anni le cronache politiche ruotano tutti intorno all’accaparramento delle risorse pubbliche e allo strangolamento della concorrenza tra privati in nome del prepotere di gruppi affaristico-politici-burocratici-delinquenziali.

Continua a leggere

Il Pd e il senso di responsabilità (di Claudio Lombardi)

Il vero vincitore delle ultime elezioni, Silvio Berlusconi, ha fatto la puntata giusta e sta rivincendo a mani basse. Se non ci fosse l’ostacolo della pronuncia della Cassazione potrebbe dormire sonni tranquilli. Ma anche in caso di esito negativo può ragionevolmente confidare in una comprensione speciale da parte del suo alleato al governo, il Pd e forse anche da parte

Continua a leggere