ILVA: girare pagina non è semplice, meglio girare il libro (di Michele Pizzuti)

ILVA di Taranto. Una trappola senza uscita o con l’unica uscita possibile che termina con una trappola. Qualunque cosa fai-dici-pensi-progetti essa ha forti possibilità di essere rigettata. Tento di approfondire il problema. L’ILVA inquina e va chiusa subito? Oppure si, vabbè, inquina, ma va bonificata, però in alcuni anni e continuando a produrre? La Magistratura non conosce vie di mezzo,

Continua a leggere

E adesso parliamo di referendum (di Michele Pizzuti)

Ma come, ne abbiamo parlato fino ad ora e adesso ricominci? Sì, ricomincio. Intanto ne parlo fino a lunedì. Fino alle 15. E poi pure dopo le 15 e dopo lunedì. Intendo lanciare una proposta di modifica costituzionale. Come semplice cittadino. Attivo. Ma una riflessione breve breve sui referendum di oggi, prima di partire in quarta, la voglio fare.  Stiamo

Continua a leggere

Cittadini e ostaggi: slalom fra norme, regole, diritti e violazioni (di Michele Pizzuti)

Esistono due figure professionali che, quando le chiami, non sanno mai farti un preventivo preciso: gli idraulici e gli avvocati. Cominciamo dagli idraulici. “Gli stagnari” (a Roma si chiamano così perché una volta, per le tubazioni e le saldature, usavano piombo e stagno, oggi invece è tutto ABS, colla e incastri termici), quando, dopo almeno un paio di appuntamenti mancati

Continua a leggere

Caso Ruby-Berlusconi: Ove nun potette “u Terzu Polu”, potette “U Pilu” (di Michele Pizzuti)

Sono sconfortato. Titolo sarcastico a parte, sarò molto serio. Ho letto i giornali, i forum, le testate classiche rosse e nere, quelle calve e quelle ricciolute. Ho visto i servizi in TV. Sentito i commenti degli amici e degli avversari. Annusato l’aria che tira. Ma ormai siamo all’epilogo. Alla fine. Alla frutta. Mancano solo le monetine lanciate all’auto del Presidente

Continua a leggere

Marchionne, la FIAT e il bianco perlato della 500 (di Michele Pizzuti)

Cittadinanza attiva… Civico Lab… Apparentemente potrebbero bastare queste due parole per poter dire qualsiasi cosa. Cioè: io sono un cittadino attivo. Io sono una persona civile. Io sperimento idee in questo laboratorio. Sono vostro ospite. Perciò dico a tutti voi che leggete: siete degli incompetenti. Anzi dei cretini. Sommessamente e senza boria ripeto: siete incompetenti e cretini. E non vi

Continua a leggere

Tra un “ossimoro ed un iperbato” ve la faccio più semplice: perché Berlusconi vince? (di Michele Pizzuti)

Cari miei lettori, come intuite dal presuntuoso incipit amichevolmente roboante, proprio qualche minuto fa sono stato colto da un violento attacco di megalomania maniacale, che dai soliti esperti viene metaforicamente descritto come “sindrome di onnipotenza conseguente ad una ipertrofia narcisistica dell’Io”. Ma non è tutto. Sulle ali dell’energia che questa sindrome butta dentro al corpo, ho preso un’altra decisione: inserirmi

Continua a leggere

Dialogo tra “sordi e sòrdi”: apologo sul presente (di Michele Pizzuti)

“Donne, è arrivato l’ombrellaro. Arrotino. Avvicinatevi co’ fiducia, è arrivato il robivecchio. Svuoto cantine, ritiro metalli, pulisco soffitte. Donne, avvicinatevi co’ fiducia. Stracci e cartoni, tutto quello che non ve serve più lo prendo io. Ombrellaro… Spazzacamino…” – Ehi, buon uomo… – Era una signora elegante quella che gli fece un cenno. E in perfetto italiano aggiunse con un sorriso

Continua a leggere

I minatori cileni e il Grande Fratello: divagazioni sulla TV e sui telespettatori (di Michele Pizzuti)

Qualche giorno fa, Aldo Grasso, nella sua rubrica a fil di rete (Corriere della Sera) sottolineava che gli ascolti di X Factor e del Grande Fratello 11 andassero scemando, anzi stavano perdendo valanghe di spettatori ad ogni puntata. Grasso stava di fatto enunciando “lo stato di crisi” dei reality. Cosa? Crisi del GF 11? Ho letto bene? Non ci posso

Continua a leggere
1 2