Ma perché gli africani emigrano?

Pubblichiamo un articolo tratto da www.lavoce.info firmato da Enrico Di Pasquale, Andrea Stuppini e Chiara Tronchin

“Per governare i flussi migratori dai paesi africani è necessario comprendere le cause che li determinano. A partire da una popolazione in crescita e da processi di sviluppo lunghi e complessi. E senza dimenticare le responsabilità dei paesi occidentali.

LE DINAMICHE DEMOGRAFICHE

Il dibattito sul franco Cfa e sugli interessi della Francia in Africa, già affrontato da lavoce.info con un fact-checking e con l’articolo di Massimo Amato, ha avuto il merito di portare l’attenzione sulle cause delle migrazioni. Per evitare di ridurre la discussione a facili slogan (come, per esempio, “l’immigrazione è colpa della Francia”), vale la pena approfondire la questione. Naturalmente, le cause delle migrazioni sono molte e molto complesse, ma possiamo provare a individuare tre elementi chiave: demografia, economia e processi di sviluppo.

La popolazione africana residente nel continente ha superato il miliardo già nel 2010, e nel 2015 si attesta vicino a 1,2 miliardi, più del doppio rispetto a quella dell’UE. Nel 2050, secondo le previsioni Onu, sarà più che raddoppiata, superando i 2,5 miliardi (e sarà circa cinque volte la popolazione UE). La tendenza diventa ancora più significativa se confrontata con l’inverno demografico europeo: l’Unione ha circa 500 milioni di cittadini, destinati a una sostanziale stagnazione.

Nonostante la maggior parte dei flussi migratori dai paesi africani riguardi movimenti “intra-africani” (i più grandi attrattori sono Sudafrica, Congo e Costa d’Avorio, ma anche paesi vicini alle zone di crisi come Sud Sudan, Gibuti, Mauritania), è evidente che la crescita della popolazione avrà ripercussioni sui fenomeni migratori. La Nigeria, ad esempio, supererà i 400 milioni di abitanti nel 2050. Altri cinque paesi oltrepasseranno quota 100 milioni.

INTERESSI EUROPEI E NON SOLO

La polemica sul franco Cfa ha riportato alla ribalta il tema del colonialismo (e neo-colonialismo), come causa principale del mancato sviluppo africano e, indirettamente, delle migrazioni. In effetti, gli interessi delle potenze europee in Africa hanno radici profonde, ma la questione è molto più complessa di quanto il dibattito di questi giorni potrebbe far pensare.

Le prime fasi del colonialismo delle nazioni moderne risalgono al periodo dei grandi navigatori del 1500 (principalmente spagnoli e portoghesi). Successivamente, per tutto il 1800, le potenze europee fanno letteralmente a gara per spartirsi le risorse africane, ridisegnando a tavolino i confini di paesi che prima erano suddivisi in centinaia di regni (spesso rimescolando gruppi etnici in guerra tra loro). In questa fase, senza dubbio, Regno Unito e Francia giocano un ruolo predominante. Anche dopo la decolonizzazione, completata solo negli anni Settanta del 1900, gli stati africani hanno subito i forti interessi delle potenze occidentali, prima con la contrapposizione Usa/Urss e poi attraverso l’iniziativa delle grandi multinazionali, che spesso vantano fatturati superiori al Pil dei paesi in cui operano e possono negoziare l’accesso alle materie prime con un rapporto di forza nettamente sbilanciato.

Dai primi anni Duemila, il principale attore in Africa è diventato la Cina, con un approccio molto concreto: risorse naturali in cambio di infrastrutture (strade, dighe, stadi, ferrovie, porti). Durante il terzo Forum on China-Africa Cooperation del 2018 è stato annunciato un nuovo piano triennale da 60 miliardi di dollari, in linea con quanto stanziato nel triennio precedente. Pechino ha trovato in Africa un enorme mercato per le proprie aziende manifatturiere: il valore del commercio bilaterale tra Cina e Africa è passato da poco più di 10 miliardi di dollari nel 2002 a 220 miliardi nel 2014.

Tutte queste dinamiche rappresentano indubbiamente un macigno sulle economie africane, limitando lo sviluppo di quei paesi. Peraltro, anche le politiche “interne” ai paesi occidentali hanno un impatto sull’economia africana: ad esempio, metà del bilancio Ue è dedicato al sostegno all’agricoltura, costituendo di fatto un freno alle esportazioni africane.

IL RAPPORTO TRA SVILUPPO E MIGRAZIONI

Secondo un’opinione molto diffusa, l’aumento degli investimenti e del livello di benessere in Africa dovrebbe comportare automaticamente una riduzione delle migrazioni. In realtà, molti studiosi hanno dimostrato come il meccanismo si realizzi solo nel lungo periodo. Anzi, nell’immediato, lo sviluppo agisce addirittura come stimolo alle emigrazioni: aumentando il reddito disponibile, infatti, è più facile sostenere il costo di un investimento così grande come l’emigrazione internazionale. E crescono pure il livello di istruzione, l’accesso alle informazioni e persino le scelte di matrimonio e di fertilità, tutti fattori di spinta delle migrazioni.

Va aggiunto che nei primi anni Duemila l’aumento del Pil di vari paesi africani aveva portato molti economisti a parlare di “miracolo africano”, prevedendo una strada simile a quella delle Tigri asiatiche. In realtà, quella crescita si è rivelata molto fragile, troppo legata al prezzo delle materie prime e poi frenata da fattori politici e strutturali. Ciò dovrebbe insegnare che i processi di sviluppo sono molto lunghi e complessi.

Aiutiamoli a casa loro” dovrebbe dunque essere un auspicio mosso dalla solidarietà tra stati, non dal mero interesse di ridurre gli arrivi. Lo slogan andrebbe poi “riempito” di dettagli che rispondono a quesiti elementari: “quanto li vogliamo aiutare”? “Come”? “Attraverso che canali”?

Sul “quanto”, l’Italia e gli altri paesi occidentali sono ben lontani dall’obbiettivo stabilito nel 2000 per gli aiuti pubblici allo sviluppo (0,70 per cento del Pil; l’Italia è allo 0,20 per cento). Considerando che ogni decimo di Pil vale circa 1,7 miliardi, c’è da chiedersi quale governo potrebbe oggi proporre un aumento. Proprio in questi giorni, anzi, uno studio di Openpolis e Oxfam ha evidenziato il taglio ai fondi per la cooperazione contenuto nella legge di bilancio 2019.

In più, andrebbe stabilito il “come”: gli aiuti sarebbero gestiti direttamente dai governi locali (con il rischio di finanziare dittatori e guerriglieri), dagli organismi internazionali multilaterali, o dalle tanto vituperate Ong?

Se non rispondiamo a questi interrogativi (innanzitutto, come comunità internazionale, ma anche come Italia), il dibattito rimarrà fermo a slogan superficiali e non porterà nessun beneficio reale, né in Africa né in nel nostro paese

La ritirata pentaleghista dal Global Compact for Migration

Pubblichiamo un articolo di Vitalba Azzollini comparso sul sito https://phastidio.net

I politici pro tempore al potere possono fare sostanzialmente ciò che vogliono, nel rispetto dei paletti dell’ordinamento, com’è ovvio. Quindi, può anche capitare che decidano di sovvertire l’orientamento espresso da chi li ha preceduti, annullandone le decisioni, perché in disaccordo con le idee che ne erano alla base. Se, invece, accade che le forze al potere facciano retromarcia rispetto a quanto da esse stesse affermato solo poche settimane prima, e senza che nel frattempo siano mutati elementi del contesto, allora la questione diventa più imbarazzante. Ancor più imbarazzante è, poi, il cambio di indirizzo giustificato da motivazioni prive di concreto fondamento. Non sembra, invece, provare alcun imbarazzo nessuno degli attori dell’attuale legislatura, dopo che il governo italiano ha annunciato che non firmerà il Global Compact for Migration (GCM) l’accordo in tema di migrazioni elaborato in sede Onu.

Eppure, solo il 26 settembre  scorso, di fronte all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, il Presidente del Consiglio Conte  aveva affermato che:

«Da anni l’Italia è impegnata in operazioni di soccorso e salvataggio nel Mar Mediterraneo (…) spesso da sola” e che  “i fenomeni migratori con i quali ci misuriamo richiedono una risposta strutturata, multilivello e di breve, medio e lungo periodo da parte dell’intera Comunità internazionale. Su tali basi sosteniamo il Global Compact su migrazioni e rifugiati»

E aveva ben ragione di affermarlo, considerato che nel GCM è scritto espressamente e testualmente quanto detto da Conte stesso, e cioè che il patto promuove la cooperazione internazionale tra tutti i principali attori in materia di migrazione, riconoscendo che nessuno Stato può affrontare da solo il fenomeno migratorio (“fosters international cooperation among all relevant actors on migration, acknowledging that no State can address migration alone”). E invece, qualche giorno fa, le forze di governo hanno deciso che “è opportuno parlamentarizzare il dibattito e rimettere le relative scelte all’esito di tale discussione”.

Intanto, una premessa: appare singolare la decisione del governo circa la necessità che, trattandosi di “temi e questioni diffusamente sentiti anche dai cittadini”, sul GCM si esprimano rappresentanti dei cittadini stessi in Parlamento. Questa affermazione avrebbe senso se non provenisse da esponenti di un governo che hanno spacciato come necessario e urgente un decreto in tema di sicurezza e immigrazione – il cosiddetto decreto Salvini – pur di non rinunciare alla pretesa di disciplinare la materia, anziché rimetterla al Parlamento; che non hanno esitato a porre sul provvedimento il voto di fiducia; che, con questi due strumenti – il decreto-legge e la fiducia – hanno reputato che non fosse rilevante il ruolo del Parlamento come luogo di dibattito e di ponderazione delle diverse istanze politiche in tema di migrazione.

La contraddizione è palese. Se poi si considera che la calendarizzazione del dibattito è al momento fissata per sabato 22 e domenica 23 dicembre, mentre l’incontro per la sottoscrizione del patto a Marrakech sarà l’11 e il 12 dicembre, la farsa è ancora più evidente. A questo punto, può andarsi oltre e dimostrare l’infondatezza delle motivazioni addotte per non firmare il GCM.

Nella risoluzione presentata in commissione esteri dal Formentini, capogruppo della Lega, si dice che sarebbe assurdo dare all’ONU, organismo non eletto che non risponde direttamente ai cittadini, una competenza propriamente statale, quella di dettare decisioni in tema di immigrazione. Ma il Global Compact non attribuisce affatto all’ONU tale competenza, essendo un accordo non vincolante – come scritto espressamente nello stesso (“This Global Compact presents a non-legally binding, cooperative framework…”) – che non scalfisce la sovranità degli Stati, come pure ribadito nel testo (“…upholds the sovereignty of States”).

Anche altre affermazioni, alla pari di quella sopra riportata, riconoscono al GCM un carattere cogente di cui non è provvisto. Ad esempio, secondo Giorgia Meloni, il Global Compact stabilirebbe “il diritto fondamentale di ciascun individuo a emigrare o a essere immigrato, indipendentemente dalle ragioni che lo portano a muoversi”: ma un atto non vincolante qual è quello in discorso, come detto, non può modificare l’ordinamento interno e, di conseguenza, non può introdurre ex novo nell’ordinamento un “diritto” (che è un interesse tutelato dall’ordinamento, appunto). Quindi, ciò che dice Meloni è un assurdo.

Parimenti assurdo è quanto sostengono quelli – il senatore Bagnai tra gli altri – che, riprendendo il discorso fatto da un politico olandese al Parlamento europeo, Marcel de Graaff, hanno affermato che col GCM la critica alla migrazione diventerà reato di hate speech. Ma se il patto non può introdurre nuovi diritti, non può neanche introdurre dei reati. Sulla stessa linea, Luciano Barra Caracciolo, Sottosegretario agli Affari Europei al governo, ha affermato che “non si può ignorare che il Global Migration Compact è applicativo di dichiarazioni Assemblea ONU, onde rafforza formazione del diritto internazionale generale che, ai sensi art.10 Cost., finirebbe per essere assai vincolante, portando alla dichiarazione di incostituzionalità delle leggi italiane contrastanti”. Ma le Dichiarazioni ONU non sono fonte di norme internazionali (l’Assemblea ONU non ha poteri legislativi), dunque non hanno carattere cogente. Peraltro, la categoria delle norme “assai vincolanti” non esiste: o lo sono o non lo sono.

Ma le giustificazioni alla mancata firma sono inconsistenti anche per altri versi. Esponenti della maggioranza criticano l’accordo perché metterebbe sullo stesso piano migranti economici e rifugiati. E’ vero che nel punto 3 del preambolo del GCM si dice che migranti e rifugiati hanno “vulnerabilità simili”, ma al punto 4 si fa una precisazione chiara: essi hanno uguali “diritti umani universali e libertà fondamentali (…), tuttavia migranti e rifugiati sono gruppi distinti, regolati da sistemi legali differenti. Solo i rifugiati hanno diritto a una specifica protezione internazionale definita dalle norme internazionali sui rifugiati”. Dunque, anche in questo caso l’affermazione che induce a non firmare non regge.

In una dichiarazione a margine del G20 a Buenos Aires, il Presidente del Consiglio Conte ha espresso la volontà italiana di “contrastare il traffico degli esseri umani”, e ciò è esattamente quanto scritto nel GCM (obiettivo n. 10: “Prevent, combat and eradicate trafficking in persons in the context of international migration”): allora, perché non sottoscriverlo? E, ancora, il ministro degli Interni Salvini ha sempre affermato di essere a favore dell’immigrazione regolare: a tale riguardo, l’obiettivo n. 5 del GCM promuove i canali regolari di immigrazione; l’obiettivo n. 11 prevede di mettere in sicurezza i confini degli Stati, contrastando l’immigrazione irregolare e favorendo quella legale; l’obiettivo n. 21 è relativo agli accordi di rimpatrio dei migranti.

Ma soprattutto nel Global Compact è scritto espressamente ciò che il leader leghista predica da sempre: “Ridurre al minimo i fattori negativi e i fattori strutturali che costringono le persone a lasciare il loro paese d’origine”, vale a dire “aiutiamoli a casa loro”. Non serve aggiungere altro per dimostrare che le polemiche sulla sottoscrizione del Global Compact sono basate sul nulla.

I politici possono decidere ciò che vogliono, come detto. Parimenti, possono affermare anche ciò che è senza fondamento. Ma ci sarà sempre qualcuno che vaglierà le loro affermazioni: almeno finché sarà concesso.

Tratto da https://phastidio.net/2018/12/05/global-compact-for-migration-pagare-lelettorato-con-moneta-falsa/

Migrazioni: strategia non improvvisazione

Viviamo tempi nei quali domina l’immediatezza e ciò che conta è la reazione atto per atto in un eterno presente. Il caso delle migrazioni affrontato con l’approccio di Salvini rientra in questa tipologia. Arriva una nave carica di migranti? Stop! Chiusura dei porti. E poi, cosa si farà dopo? Oggi è l’Aquarius e domani? E all’Europa cosa chiede esattamente il governo Lega-M5S? Non si capisce. Ciò che conta è fare la voce grossa e finire in prima pagina. Sul domani c’è buio. Parlare di analisi e di strategia sembra quasi una bestemmia. Il neoministro dell’interno dichiara che l’alleato ideale è il nazionalista Orban campione della chiusura ad ogni redistribuzione dei migranti e nello stesso tempo proprio quella invoca attraverso una revisione dell’accordo di Dublino che impone all’Italia di accogliere e trattenere sul suo territorio tutti quelli sbarcati nei suoi porti. La logica dice che o l’uno o l’altro, ma Salvini sta sempre in campagna elettorale, parla non per costruire e attuare una linea politica, ma per riscuotere un consenso immediato, impulsivo che dia l’impressione del decisionismo nascondendo la confusione e la superficialità.

Eppure non è sempre stato così e qualche motivo ci sarà se gli sbarchi si sono ridotti drasticamente negli ultimi due anni.

Correva l’anno 2016 e il governo italiano guidato da Matteo Renzi presentò all’Unione Europea alcune proposte per un approccio comune alla crisi migratoria. Si trattava del Migration Compact. In quel periodo l’Unione Europea non si era posta la questione di un nuovo approccio al problema migrazioni che andasse oltre la gestione degli ingressi nel suo territorio, ogni Paese pensava per sè e le polemiche si concentravano sulla chiusura delle frontiere ad est. Era il tempo dell’accordo con la Turchia, ma a fronteggiare gli sbarchi nel Mediterraneo l’Italia fu aiutata ben poco. In quella situazione il governo italiano prese l’iniziativa.

Nella sua proposta partì dalla premessa che le migrazioni verso l’Europa dovessero essere considerate un fenomeno strutturale, che non poteva essere affrontato solo come emergenza. Occorreva agire sulle cause e, quindi, verso i Paesi africani di origine e transito dei migranti. Questi dovevano diventare i principali interlocutori delle politiche europee.

L’Italia proponeva quindi uno scambio fra Europa e Paesi africani. La UE doveva puntare a progetti di investimento; a cooperare in materia di sicurezza;ad organizzare una migrazione legale verso l’Europa; alla redistribuzione dei migranti tra i Paesi europei.

I Paesi africani coinvolti dovevano impegnarsi a controllare le loro frontiere per ridurre i flussi illegali (con assistenza e finanziamenti UE); a cooperare per i rimpatri degli immigrati irregolari, tramite l’insediamento di uffici di collegamento dell’UE direttamente nei Paesi africani; a gestire i flussi migratori collaborando alla distinzione fra richiedenti asilo e migranti economici; a creare loro sistemi nazionali di asilo politico; alla lotta nei confronti dei trafficanti di esseri umani.

Per far fronte alle spese che queste azioni richiedevano l’Italia proponeva diverse soluzioni fra le quali l’emissione di specifici eurobond dedicati al finanziamento di una politica migratoria europea comune.

Gli sviluppi successivi a questa proposta hanno portato, in un clima di crescente chiusura da parte degli stati confinanti con l’Italia, ad una svolta nella politica del governo italiano incarnata dall’attivismo del ministro Minniti. Faticosamente, ma concretamente sono state poste le basi per una collaborazione con le tribù libiche e con alcuni stati africani e l’ONU ha iniziato a collaborare.

I risultati sono arrivati con la diminuzione degli sbarchi, ma si è appena ai primi passi di un percorso molto lungo. Ora il problema è capire che le politiche dei governi specialmente quando si rivolgono a questioni della portata delle migrazioni non possono essere misurate sui tempi dei talk show televisivi. Ci vuole tempo e devono essere costruite passo dopo passo. Le esibizioni di Salvini e la ristrettezza di analisi con la quale il governo Conte si è presentato alle Camere servono a poco. La fermezza è anche necessaria, ma se si sa in quale direzione si vuole andare. Se si tratta solo di dimostrare che anche l’Italia sa fare la faccia feroce lontano non si va

Claudio Lombardi

Elezioni: il ritorno della destra e della sinistra?

Ma veramente l’elettorato sta andando di nuovo verso una polarizzazione fra destra e sinistra? I commenti sui risultati delle elezioni amministrative si sono concentrati sul calo del M5S e solo in seconda battuta hanno messo in risalto l’affermazione dei candidati di centro destra. Eppure sembrava che Forza Italia e la Lega si fossero ormai allontanate, con la seconda all’inseguimento della demagogia, della protesta e del populismo. E, invece, secondo il professor Giovanni Orsina “il centrodestra è vivo perché l’Italia è un Paese di destra e i suoi elettori non se ne sono mai andati”. E, si potrebbe aggiungere, sono sempre in cerca di chi li possa rappresentare.

amministrative 2017Sia nelle elezioni generali del 2013 che nelle elezioni amministrative dell’anno scorso (soprattutto Roma e Torino) c’è stato uno spostamento di voti dalla destra al M5S; niente di strano che in questo primo turno di amministrative si sia verificato il fenomeno opposto con un ritorno alla destra dopo che gli elettori hanno sperimentato la scarsa efficacia del voto di protesta a Grillo.

Ma non è questo il punto. Spesso si parla di elettori di destra e di sinistra come se si trattasse di stock di voti sempre a disposizione dell’uno e dell’altro orientamento e non di persone che decidono se e chi votare in base ad una molteplicità di motivazioni che variano di volta in volta e che si traducono in un mix di elementi ideali, di interesse e di giudizio sui fatti che si forma e si riforma di continuo.

Perché mai un elettore dovrebbe “essere” di sinistra o di destra? Un elettore non può stare dentro un’etichetta che vari aspiranti rappresentanti si contendono. Per esempio cosa vuol dire “essere” di sinistra? Esiste forse una definizione scientifica di cosa sia la sinistra? Evidentemente no. E lo stesso si può dire della destra.

concretezza (2)Esistono invece degli orientamenti culturali che guidano le scelte politiche di varie formazioni, ma è piuttosto difficile che l’elettore si basi soltanto su queste. Ed è fuorviante quando si dimentica la concretezza dei problemi e ci si rifugia negli ideali dentro i quali si tenta di infilare il mondo reale.

Prendiamo un esempio fra i tanti: gli immigrati. È di questi giorni la notizia che si è svolto un incontro a Berlino chiamato G20 per l’Africa. Lo scopo è quello di impostare una strategia di interventi a sostegno dello sviluppo per permettere ai giovani di restare nei loro paesi invece di prendere la strada della migrazione. Corrisponde a ciò che l’anno scorso il governo italiano propose all’Europa attraverso il Migration compact che anticipava questa scelta strategica. Una strategia che si sta già attuando con l’intenso lavoro diplomatico dell’Italia nei confronti delle tribù libiche allo scopo di attivarle per sorvegliare le frontiere sud da dove passa il flusso dei migranti.

Se si volesse definire tutto ciò con parole semplici si potrebbe dire che la cosa più sensata per tutti è aiutare chi cerca una vita migliore a trovarla nel proprio paese. Una tale affermazione, fino a ieri, era considerata di destra eppure è evidentemente di comune buon senso perché nessun paese, a meno che non sia l’ovest degli Stati Uniti all’inizio dell’800, può sopportare il continuo afflusso di migranti che ha avuto l’Italia negli ultimi anni. Bisognava prendere coscienza prima che non esiste altra soluzione alla migrazione dall’Africa senza invischiarsi in astrusi ragionamenti sull’accoglienza a prescindere da qualunque limite.

migration compactDi comune buon senso è anche riconoscere che una massa di persone prive di tutto esercita una pressione nei confronti dei ceti più disagiati perché compete per il lavoro, per i servizi, per gli spazi comuni.

Serve a poco dire che nel 2050 avremo bisogno di un tot di lavoratori in più che la nostra crescita demografica non ci può dare. Lo scopriremo strada facendo da oggi ad allora, ma non è questo un buon motivo per accogliere con gioia l’arrivo di 200mila persone l’anno alle quali letteralmente non sappiamo cosa far fare e dove collocarle.

Tutto ciò è parlare come la destra? Niente affatto. Disconoscere questa realtà non aiuta a cancellarla e non esime i politici dal dare risposte credibili.

Piuttosto bisognerebbe indagare di più sull’affermazione di Orsina secondo il quale “l’Italia è un paese di destra”. Forse si scoprirebbe che è di destra anche perché ha bisogno di risposte concrete che dall’altra parte non arrivano in maniera convincente.

Dunque che torni il bipolarismo destra-sinistra può non significare nulla se non si capisce che la politica non è retorica affermazione di etichette, ma soluzioni per il governo della società. Vince non chi conquista il centro, ma chi è più credibile

Claudio Lombardi

Migranti: il coraggio della verità

Per dire la verità sui migranti che arrivano via mare bisogna avere coraggio. Innanzitutto i numeri: 3,6 miliardi spesi nel 2016, 4,3 previsti nel 2017. E poi 170.000 persone arrivate nel 2014, 153.000 nel 2015, 181.000 nel 2016 e circa 37.000 sbarcate finora nel 2017. Su queste due serie di dati bisogna fermare l’attenzione.

immigrati 6In questi dati è descritta la situazione che lega le mani all’Italia e la condanna a subire le conseguenze di tutta la migrazione che passa dal Mediterraneo verso l’Europa. La “legge del mare” impone di salvare i naufraghi e portarli nel porto sicuro più vicino. Guarda caso i porti siciliani (che non sono i più vicini) sono quelli nei quali vengono trasporati tutti i migranti. D’altra parte gli accordi di Dublino stabiliscono che il paese di approdo è quello che deve farsene carico. Così l’Italia rimane incastrata da regole pensate per casi eccezionali e sporadici di naufragio o per migrazioni di entità molto più limitata di quelle attuali.

Di fatto oggi i numeri dei migranti li decidono i trafficanti e l’Italia accoglie tutti quelli che vengono sbarcati nei nostri porti. Viviamo così in un’emergenza continua imposta dalle decisioni che vengono prese dalle bande libiche. In questa situazione organizzare un’accoglienza che punti all’integrazione diventa molto difficile se non impossibile.

Certo, si possono anche distribuire i migranti in ciascuno degli ottomila comuni italiani, ma il problema non cambia e c’è da dubitare che molti siano arrivati fin qui per ripopolare borghi sperduti sugli Appennini. Una vera integrazione richiede tempi lunghi e numeri limitati.

accoglienza migrantiL’Italia paga la propria debolezza che si è tradotta nell’incapacità di far mettere all’ordine del giorno dell’Europa l’emergenza migranti come un problema di tutti. Noi oggi paghiamo una quota per gli accordi con la Turchia, ma gli arrivi dal Mediterraneo restano sempre a nostro carico. La strategia giusta era quella del Migration compact presentato dal governo Renzi all’Europa. Ma può funzionare nel lungo periodo (già, ma che fine ha fatto?). A breve occorrono altre risposte: cambiare gli accordi di Dublino per distribuire i migranti che arrivano via mare in tutta l’Europa; frenare le partenze dalla Libia; selezionare i richiedenti asilo e aiutare gli altri a trovare in Africa una diversa destinazione.

La novità di queste settimane è aver appreso che la maggior parte dei salvataggi si fanno davanti alle coste libiche. I notiziari ci raccontavano di salvataggi nel canale di Sicilia e noi immaginavamo le imbarcazioni che affondano avvicinandosi alle nostre coste. Invece la polemica sulle ONG ha messo in luce una situazione nuova che finora era rimasta in ombra. È evidente che, gommone migrantiormai, vengono messe in mare imbarcazioni adatte a galleggiare per poche ore confidando nell’intervento immediato delle navi di soccorso. In alcuni casi, si è visto in vari filmati delle stesse ONG, i gommoni vengono addirittura scortati dai trafficanti per essere riportati al punto di partenza e riutilizzati. Come è ovvio le ONG nulla possono fare contro gli scafisti. Le dichiarazioni del procuratore Zuccaro e, prima ancora, la denuncia del direttore di Frontex hanno ipotizzato una collusione tra scafisti e alcune ONG. Ma su questo le polemiche senza indagini e prove non hanno senso.

Questi sono i punti di partenza, ma a questi non può seguire la fatalistica accettazione di tutto ciò che accade. Predicare l’accoglienza totale senza limiti è comprensibile come slancio umanitario o religioso, ma impraticabile. Eppure è ciò che sta avvenendo di fatto senza che sia stato deciso nè dal governo nè dal Parlamento.

migranti in attesaChe gli arrivi dei migranti siano diventati un fattore di instabilità nel nostro Paese è abbastanza evidente. Inutile opporre che di fronte a 60 milioni di abitanti 150-200mila persone in più l’anno non sono un problema perché queste persone devono essere assistite cioè mantenute perché non hanno nulla e nulla hanno da fare qui da noi se non cercare l’occasione di guadagnare ciò che serve per una vita migliore. E come funziona questa ricerca? Per alcuni che riescono a trovare lavori regolari ce ne sono tanti altri che si prestano ad ogni genere di sfruttamento e alla delinquenza di piccolo cabotaggio.

immigrati sfruttatiCome è noto la grande maggioranza non ha diritto allo status di profugo, ma tutti gli annunci che minacciano il rimpatrio per chi non ha diritto di restare sono ipocrite bugie per non dire la verità e cioè che tutti resteranno qui. Molti un lavoro lo trovano, ma a quali condizioni? La presenza degli immigrati è stata una manna per i datori di lavoro italiani (e stranieri) perché sono disposti ad accettare retribuzioni molto più basse di quelle normali e senza nessuna tutela. È un fenomeno talmente diffuso che è ridicolo quando i politici assicurano che nessuno toglierà il lavoro agli italiani. Di fatto si è creato un mercato dei lavori disagiati e svantaggiati, malpagati e rischiosi che gli italiani rifiutano, ma che gli immigrati accettano.

Bisogna avere il coraggio di dire le verità che tutti possono constatare nella loro vita quotidiana. La situazione attuale nella quale ai problemi concreti si risponde con esortazioni morali produce solo intolleranza. Certo, chi vive ai piani alti della società può anche non accorgersene e cullarsi nei propri principi ideali, ma chi vive più in basso il problema lo vede e lo vive

Claudio Lombardi

La difficile comprensione del terrorismo

Il terrorismo ha sempre suscitato grandi dibattiti sia sulle cause che sui possibili rimedi. Ora abbiamo a che fare con quello islamista dell’Is, ma il terrorismo come metodo di lotta politica non nasce in questi ultimi anni ed è stato usato con varie connotazioni di destra, di sinistra, anticomunista, anticapitalista, mafiosa, a sostegno della causa palestinese o di quella ebraica, nazionalista. A noi italiani è toccato di conoscerlo in diverse versioni in vari momenti della nostra storia degli ultimi 45 anni, ma quello dell’Is è molto diverso dai casi del passato e, dunque, bisogna guardarlo più in profondità per capire come prevenirlo e difendersi.

guerre in Medio OrienteInnanzitutto è ormai assodato che il terrorismo dell’Is nasce nell’ambito dello scontro che oppone fazioni religiose, stati, gruppi dirigenti nel mondo che si riconosce nella religione musulmana. Non si tratta, quindi, di una guerra tra Islam e Occidente; né, tantomeno, deriva da una qualche aggressione degli Usa o dell’Europa verso i paesi musulmani. Certo, vi sono state le guerre sciagurate per abbattere Saddam Hussein e Gheddafi che hanno precipitato enormi territori nel caos, ma quei dittatori erano laici e non capi religiosi. Né la volontà di controllare i pozzi di petrolio da parte dell’Occidente può spiegare la nascita dell’Islamismo radicale e del terrorismo come reazione contro lo sfruttamento dell’unica ricchezza di quei territori dato che il controllo è stato (ed è) esercitato da governi e monarchie autoctoni (e tra l’altro l’Is svende il petrolio).

Al contrario, nel passato gli Usa e i loro alleati hanno incoraggiato e sostenuto con soldi e armi la nascita di gruppi radicali per indirizzarli contro l’Urss in Afghanistan e poi contro Assad in Siria. È stata tollerata l’aperta azione di Turchia e Arabia Saudita a favore dell’Is e si è consentito che quest’ultima prendesse il controllo di buona parte delle moschee europee diffondendo una versione retrograda e bellicosa dell’Islam che si contrappone ai valori e alla società occidentali. Altro bisognerebbe dire specie sul versante dei rapporti Arabia Saudita Usa, ma non è questa la sede. In definitiva, se di colpe dell’Occidente si vuole parlare, si tratta più di favoreggiamento e istigazione all’islamismo radicale che non di guerra nei suoi confronti.

guerra in SiriaIl problema è che la guerra “civile” nel mondo arabo (guerra vera con molte centinaia di migliaia di vittime dall’Algeria allo Yemen) è diventata un polo di attrazione per i musulmani nel mondo che ha trasformato la loro religione in un’identità e un’ideologia che supera e dimentica le divisioni in nome delle quali si sta svolgendo lo scontro in Medio Oriente. Ciò che resta e che emerge per chi vive qui è la proposta di una contrapposizione radicale agli stili di vita, ai valori e all’assetto sociale delle società europee. Una contrapposizione incoerente che sa di rivalsa se si guarda alla storia dei giovani autori delle stragi di Parigi e Bruxelles o anche ai profili degli attentatori suicidi diffusi dalla propaganda dell’Is. Nessuno di questi giovani, infatti, deriva le sue convinzioni dallo studio, dalla pratica religiosa e da uno stile di vita integralista. Tutti sembrano cercare una propria affermazione che sfocia nel culto della morte eroica passando per una fase di violenta sopraffazione che li eleva al di sopra della gente comune. L’Is in sostanza ha dato a questi giovani una motivazione per vivere e per morire. Ma anche questa non è una novità nella storia: l’idea della “bella morte”, il culto per una gioventù che si consuma in battaglie feroci e l’eroismo che fa sacrificio della propria vita ricorrono in tutte le epoche.

terrorismo islamistaE tuttavia deve preoccupare che pochi terroristi abbiano potuto muoversi in ambienti a loro affini per culto e per origini anche se lontanissimi dalle loro azioni concrete senza esserne respinti. L’ostilità verso le istituzioni degli stati dei quali molti musulmani sono ospiti e cittadini è un problema a sé stante che deve essere affrontato soprattutto sul piano culturale conquistando ai valori e alle regole di convivenza europee anche quelli che vi si oppongono contro il loro stesso interesse bisogna dire perché, per quanto siano perfettibili le politiche sociali, di assistenza e del lavoro negli stati europei, danno garanzie all’avanguardia rispetto a quelle di tutto il resto del mondo. Forse bisognerebbe dire loro, con un po’ di comune buonsenso (ma senza astio) che se la vita in Europa suscita tanta ostilità possono sempre provare a trasferirsi in altri paesi piuttosto che ostinarsi a vivere in comunità chiuse e autoreferenziali.

Il problema è dunque molto complesso e va affrontato senza fare confusione. Se, sul piano dell’analisi, è corretto approfondire la storia dei rapporti tra paesi occidentali e mondo arabo, magari partendo dalle Crociate o ancor prima dalla conquista islamica che si estese dai Balcani all’Andalusia, quando si tratta di reagire ad un terrorismo organizzato e determinato qui ed ora non si può replicare tirando in ballo le vicende del passato. immigrati protestaNé si può spiegare la scelta dei terroristi europei di origine araba, ma di seconda o terza generazione, con la “rabbia delle periferie”. La stragrande maggioranza dei giovani e degli abitanti delle periferie vivono la loro vita cercando un miglioramento della loro condizione attraverso lo studio e il lavoro e non certo facendosi esplodere negli aeroporti. Dunque si parla di infime minoranze che non rappresentano assolutamente la generazione cui appartengono. D’altra parte è esattamente ciò che accade con altri fenomeni di ribellismo asociale che trovano la loro identità in gruppi marginali e nella pratica della violenza (ultras del calcio per esempio).

Ciò che distingue il radicalismo dell’Is è l’ideologia dell’islamismo radicale e l’esistenza di una “casa madre mondiale” che si identifica in uno o più eserciti combattenti e nei territori da questi amministrati. Da lì provengono l’ispirazione, l’esempio, i finanziamenti, l’addestramento, il supporto, gli obiettivi per i terroristi attivi in Europa. Da lì proviene anche la rivendicazione delle azioni di terrorismo sul suolo europeo. Già questo sarebbe un motivo che giustificherebbe un’azione di guerra contro l’Is. Se non viene fatta è perché ancora non sono stati definiti gli assetti successivi alla sconfitta dell’Is. Come è noto in Medio Oriente c’è un crocevia di strategie tutte interne al mondo arabo e islamico tra di loro in conflitto che impediscono un’azione risolutiva in Siria (dove esiste ancora uno stato legittimato in base al diritto internazionale e sarebbe saggio che rimanesse), in Iraq e in Libia.

Europa egoismi nazionaliIn Europa serve invece un salto di qualità nell’opera di prevenzione e di repressione del terrorismo coordinando e indirizzando l’azione delle polizie europee e lavorando alla creazione di un’unica centrale di intelligence dei paesi UE (o almeno di un nucleo ristretto). L’esempio del PNR per tracciare i passeggeri dei voli aerei del quale si è sottolineata la necessità da oltre un anno e mezzo e che ancora non si è realizzato testimonia di un’incapacità di individuare e far funzionare gli strumenti necessari alla prevenzione su scala europea.

Sarebbero necessarie inoltre una politica estera europea e una politica verso i migranti. Esattamente ciò che l’Europa non riesce a fare perché il progetto europeo si sta ripiegando verso l’esaltazione degli egoismi nazionali a cominciare da quei paesi dell’est risollevati dallo sfascio post sovietico grazie agli aiuti europei e oggi aspramente ostili a ogni condivisione di responsabilità. Forse sarebbe meglio pensare ad un nucleo forte di paesi nell’ambito dell’eurozona determinati a portare avanti l’idea di Europa, lasciando gli altri sullo sfondo a meditare e maturare una più convinta adesione.

migrazioni umaneUltimo tema quello delle migrazioni. Anche qui non giova mischiare piani diversi chiamando ad una chiusura delle frontiere che mai è riuscita a contenere le migrazioni o esaltando l’assoluto diritto degli umani ad andare dove vogliono e ad essere accolti. In entrambi i casi si tratta di posizioni ideologiche senza i piedi per terra; due forme di idealismo inutili ad affrontare problemi drammaticamente concreti. Meglio sarebbe avere una politica cioè un insieme coordinato di azioni ispirato da una visione ideale e fondato su obiettivi e strumenti ben calibrati perchè le migrazioni vanno gestite e non subite e questo un continente di 500 milioni di persone lo può fare. Peccato che le classi dirigenti europee preferiscono far finta di essere travolte, anno dopo anno, dall’emergenza pur di non assumere le loro responsabilità. Bisogna dire che l’Italia e la Germania sono state capaci di dare un buon esempio sia con le parole che con i fatti, ma non sono state seguite abbastanza. Gli altri paesi non hanno avuto il coraggio e la lucidità di farlo e si sta scivolando indietro

Claudio Lombardi

Le nuove diaspore: non solo migranti e rifugiati

È importante capire in quale contesto emergono i flussi migratori. È possibile infatti dimostrare come quasi tutte le migrazioni più importanti degli ultimi due secoli, e molte delle precedenti, nascano in un momento preciso, ovvero abbiano avuto un inizio determinato.

Voglio concentrarmi su un insieme particolare di nuove migrazioni: apparse negli ultimi due anni, quasi sempre di più modeste dimensioni rispetto alle migrazioni di più lunga data, ma che sono ancora in corso.

Me ne interesso perché ci aiutano a capire la ragione per cui un determinato flusso ha avuto inizio, e così facendo ci dicono qualcosa di un contesto più ampio: in questo senso il migrante è l’indicatore di un mutamento avvenuto nella zona da cui proviene. Una volta che un flusso è contraddistinto da una migrazione a catena, occorrono molti meno elementi per spiegarlo. Da tempo quasi tutti i miei lavori sulle migrazioni sono incentrati proprio sul contesto più ampio da cui il nuovo flusso scaturisca, anziché sui flussi consolidati che si sono trasformati in migrazioni a catena (per esempio quelli del 1988, del 1999 e del 2014).

distruzione habitatLa perdita dell’habitat

Credo che le migrazioni di oggi segnino l’inizio una nuova fase storica. Esse indicano l’esistenza di una possente combinazione di forze che produce una perdita massiccia di habitat in un numero sempre crescente di zone del pianeta. Mi è difficile considerare queste persone come semplici migranti e rifugiati: la loro provenienza è infatti una parte importante della storia che si va scrivendo, ed è la parte a cui si dovrebbe dare risalto.

In varie parti del mondo c’è un intensificarsi di condizioni negative che porta a una massiccia perdita di habitat. Ed è proprio a quest’ultima che non viene dato spazio sufficiente nelle discussioni e nelle analisi odierne sulle nuove migrazioni. Qui la guerra è sì un fattore importante, ma ve ne sono molti altri a generare migrazioni, che per l’ennesima volta coglieranno di sorpresa gli esperti.

Accanto alla guerra, dobbiamo dunque considerare una quantità di altri fattori che causano la perdita dell’habitat ad almeno due miliardi di persone che vivono nelle zone rurali e semi-rurali di tutto il mondo.

desertificazioneFra questi spiccano i cambiamenti climatici (desertificazione, innalzamento dei livelli delle acque, inaridimento del suolo per via del calore), le acquisizioni imponenti di terreni da parte di governi e gruppi industriali stranieri per soddisfare la domanda interna, la costruzione di nuove “città” e zone di uffici (spesso private), la forte espansione del settore minerario per soddisfare la domanda di nuovi componenti da parte dell’industria elettronica, l’avvelenamento crescente del suolo e delle acque interne causato dalla tossicità delle industrie agricola, mineraria e manifatturiera, e altri ancora.

Al di là degli effetti sulle popolazioni rurali, anche le aree urbane presentano da tempo spazi e condizioni tossiche e malsane. A ciò vanno aggiunte oggi alcune nuove carenze, specialmente di acqua, che stanno raggiungendo livelli spaventosi in un numero sempre maggiore di spazi urbanizzati.

migrazioniNon basta parlare di “rifugiati” e “migranti”

Questo insieme di condizioni diverse, fra cui i conflitti armati esercitano un ruolo diretto, mi porta a sostenere che il linguaggio dell’immigrazione e dei rifugiati è insufficiente a descrivere gli eventi storici in atto. Nel caso della guerra dobbiamo prendere in considerazione due elementi che spesso vengono (comprensibilmente) trascurati rispetto alle morti, alle menomazioni e alla distruzione fisica. Il primo riguarda le tossicità e le altre forme di distruzione dell’habitat che la guerra porta con sé, rendendo spesso la vita impossibile anche dopo la sua fine. Il secondo, ancora più cruciale, è che quelle odierne sono guerre asimmetriche, e senza fine.

Quando facciamo entrare in gioco la perdita di habitat dobbiamo almeno considerare la possibilità che oggi i concetti e gli interventi politici tradizionali relativi all’immigrato e al rifugiato non siano più adeguati alla fase migratoria attuale.

Quelli di “immigrato” e “rifugiato” sono ancora concetti potenti, ma hanno avuto origine in un contesto storico e spaziale diverso. Molti elementi di quel contesto sono tuttora operanti, e molte delle politiche per la gestione dei migranti e dei rifugiati sono ancora efficaci, o quantomeno utili. La nostra domanda è più specifica, e non esclude la continuazione delle tendenze esistenti, ben rappresentate da quei concetti tradizionali. Quel che chiediamo è se ci troviamo di fronte a un insieme di flussi emergenti di individui disperati, per i quali dobbiamo affrontare un insieme di condizioni molto più ampio e difficile da trattare, ovvero quella che abbiamo chiamato perdita di habitat.

migranti Sta suonando un campanello d’allarme

Oggi la tendenza generale delle politiche che si occupano degli sfollati è quella di considerare la guerra come unica causa. Ma le migrazioni forzate assumono molte forme: si può perdere la propria terra per via di espropri compiuti da gruppi industriali in barba alle leggi esistenti; oppure doverla abbandonare per via degli agenti tossici prodotti dalle vicine miniere, o per via dell’espansione della guerra asimmetrica, e via dicendo.

Insomma, la fase migratoria attuale dovrebbe essere un campanello d’allarme: le politiche esistenti non sono attrezzate per affrontare i nuovi tipi di condizioni che producono masse di sfollati, né le relative conseguenze. Occorrerà sviluppare delle reti globali di intervento che sappiano gestire le specifiche forme assunte di volta in volta dalle condizioni generiche nelle varie regioni o nei vari paesi, e riconoscere la necessità di nuovi ambiti di decisione e d’intervento transnazionale.

Occorre gestire una gamma di soggetti generatori della condizione di sfollato diversa da quella di cui si occupa sistema umanitario attuale. Ciò consentirebbe di adottare un atteggiamento più realistico nelle politiche chiave verso i flussi imponenti di profughi, in cui oggi l’accettazione dipende da una sorta di legittimazione di quella condizione, una legittimazione fornita principalmente dalla guerra.

Nuovi profughi

Affidare ai diretti interessati la decisione di dichiararsi legittimamente profughi può funzionare per la guerra, ma non per il tipo di migrazione forzata generato dall’espansione delle miniere, dagli espropri di terreni e corsi d’acqua, dall’avvelenamento delle riserve idriche e del suolo.

Gli sfollati a causa delle miniere e degli espropri vanno riconosciuti come vittime, e la responsabilità deve ricadere sulle miniere e su chi si accaparra le terre. Abbiamo bisogno di una mappa concettuale più ampia che tracci e stabilisca chi o cosa ha causato una migrazione forzata. E questo vuol dire che possono esistere masse di profughi anche là dove non ci sono guerre.

saskia sassenSaskia Sassen (docente alla Columbia University e alla London School of Economics)

Tratto da http://openmigration.org

Il traffico di migranti e le scelte da fare

barcone migrantiChe i morti siano 50, 700, 900, 10.000 non cambia la sostanza: la migrazione dall’Africa del nord verso l’Europa esiste e, come tutte le migrazioni, non può essere fermata ed è parte di un più ampio fenomeno che riguarda tanti altri paesi, dal Bangladesh all’Afghanistan.

Le reazioni emotive ad ogni nuova tragedia che chiamano in causa una nostra responsabilità o che fanno appello al senso di umanità servono perché aiutano a prendere coscienza e a muoversi verso un’azione piuttosto che verso l’indifferenza.

Tuttavia le emozioni da sole non servono a nulla e rischiano di apparire come un esercizio di retorica che allontana l’attenzione invece che richiamarla. L’emozione deve risvegliare la razionalità e portare ad una visione lucida, realistica e concreta. Bisogna fissare alcuni punti fermi senza i quali si resta in balia delle illusioni e delle falsificazioni.

migrazioni foto SalgadoInnanzitutto l’umanità si è sempre spostata senza conoscere confini. Il mondo che esiste oggi è frutto del miscuglio di etnie e delle migrazioni di ogni tipo che si sono succedute nei millenni. Noi stessi siamo il prodotto di un rimescolamento di geni e nessuno può vantarsi di avere un DNA non contaminato. Quindi è inutile dare ascolto a chi stoltamente vorrebbe difendere il suo territorio dall’ingresso di chi viene “da fuori”. Non è possibile, non è mai accaduto e non è nemmeno utile ad una collettività.

La presenza degli immigrati è la normalità dappertutto e in quello che chiamiamo Occidente in particolare. Le economie sviluppate non sarebbero tali senza il lavoro di tanta gente che ha lasciato il luogo dove viveva per andare a lavorare altrove. Ogni esempio sarebbe superfluo; basta guardarsi intorno per capire che l’integrazione degli immigrati c’è e c’è sempre stata anche quando le migrazioni erano solo italiane dal sud al nord.

soccorso migrantiIl soccorso verso chi soffre è un elemento che distingue le culture dell’Occidente da quelle di altre parti del mondo. Discutiamo tanto di come soccorrere i migranti nel Mediterraneo, ma ne discutiamo noi italiani e un po’ l’Europa. Nessun altro paese si pone il problema. Anche quelli che dovrebbero condividere con i naufraghi una comune base religiosa. È un fatto, ne prendiamo atto, ma teniamone conto quando leggiamo i tanti commenti che vorrebbero far pesare i morti sulle nostre coscienze. Perché sulle nostre e non, innanzitutto, su quelle degli assassini che organizzano questi traffici? Perché non anche su quelle dei paesi che si affacciano sul Mediterraneo (dal Marocco alla Turchia)? C’è qui un’inclinazione alla retorica e alla colpevolizzazione che nasce da una visione idealistica della realtà poco utile per agire concretamente.

Il traffico di migranti viene organizzato e gestito da bande che operano sulle coste libiche innanzitutto, ma non solo su quelle. Se questi criminali mandano la gente a morire dopo averla depredata cosa possiamo fare noi?

La risposta più logica sarebbe chiedere al governo libico di combattere i trafficanti. Già, ma in Libia non esiste un vero governo, bensì un conflitto di tribù e bande armate. Allora bisognerebbe agire sul piano politico e diplomatico per aiutare i libici a trovare un equilibrio minimo che permetta l’esistenza di un governo.

Libia guerra civileNon facciamoci illusioni però, perché il traffico di esseri umani è un’attività economica che rende molto ed è probabile che sia gestito anche da chi dovrebbe aiutare a governare quei territori. E allora che si fa?

Un’opzione è lasciar perdere la Libia e limitarsi a raccogliere sistematicamente i migranti in mare dando per scontato che una parte di loro muoia così come muoiono al riparo dai nostri occhi nel viaggio fino al mare. Per quante navi possiamo schierare non riusciremo mai ad impedire anche solo un naufragio. Ci vorrebbe un “Mare nostrum” moltiplicato per dieci e condotto dall’Unione Europea. Obiettivamente, però, sarebbe una collaborazione di fatto con i trafficanti: loro mettono in mare un relitto con mille persone a bordo e noi corriamo a raccoglierli prima che anneghino. Ha senso? E fino a quando si può fare?

Se, invece, vogliamo fare di più dobbiamo decidere azioni mirate contro i trafficanti sul suolo libico. Azioni per distruggere le imbarcazioni e combattere le bande. Azioni di polizia internazionale con uso delle armi ovviamente condotte dagli stessi paesi che pochi anni fa abbatterono il regime di Gheddafi. Azioni militari che servono per stabilire delle teste di ponte da cui far partire i traghetti per portare in tutta sicurezza i migranti in Europa.

Già in molti invocano dei “corridoi umanitari”, ma l’unico corridoio vero parte dai paesi di origine con visto valido sei mesi o un anno per cercare lavoro. E il viaggio si fa in aereo. Quando si imboccherà questa strada semplice e concreta che oggi appare fantascienza? Vorranno venire in tanti? Ma perchè, oggi non arrivano con i costi umani e nel caos che sappiamo?

Il presupposto di ogni azione è che ciò che accade nel Mediterraneo non è un problema solo italiano, bensì europeo. Altre alternative non esistono. Bisogna scegliere

Claudio Lombardi

I migranti fuori dalla retorica

corona di fiori migrantiOgni volta che muore qualcuno nei barconi dei trafficanti di esseri umani si levano alti e accorati appelli contro l’orrore dei disperati che vogliono fuggire dall’Africa e trasferirsi in Europa.

Da che mondo è mondo nessuno mai ha fermato le migrazioni degli esseri umani. Se la razza umana non fosse nomade per sua natura adesso staremmo tutti in Africa dove è diventato bipede il primo ominide. Ovviamente le migrazioni sono sempre state accompagnate da tragedie rispetto alle quali le morti nel Mediterraneo sembrano cosa lieve, molto lieve, ma inaccettabile (e per fortuna!) per la nostra sensibilità di occidentali nel XXI secolo.

Guerre, massacri di intere popolazioni, distruzioni, scontri cruenti  di ogni tipo hanno costantemente accompagnato le migrazioni. La favola di un’umanità che si sposta sul pianeta Terra in amorosa concordia non può essere proposta nemmeno ai bambini talmente è irreale. L’idea di un occidente che organizza la migrazione di milioni di persone andando a prelevarle nei loro paesi senza limiti di numero e assicurando a tutti casa e lavoro sulla base del “sacro principio” di accoglienza è talmente fuori dalla realtà che rischia di scatenare la reazione opposta.

barcone migrantiCiò detto bisogna pure fare delle scelte politiche più sensate di quelle che sono state fatte sinora perché le scelte politiche hanno sostituito le guerre e i massacri (in occidente oggi è così e speriamo lo sia per sempre). Innanzitutto, come ripetono in tanti, queste scelte devono essere compiute a livello europeo perché la destinazione dei migranti è l’Europa e non solo l’Italia. In secondo luogo bisogna puntare a limitare le partenze selezionando sul posto le richieste di asilo e aiutando i popoli a vivere meglio nei loro territori perché i paesi europei non hanno capacità illimitate di accoglienza.

In terzo luogo chi chiede asilo lo deve chiedere a tutti i paesi dell’UE che devono ripartire gli arrivi sulla base di scelte condivise. In quarto luogo e infine il trasporto deve essere realizzato a spese e con la garanzia dell’UE.

Soltanto così si riuscirà a gestire un fenomeno epocale che l’Italia da sola non può fronteggiare. La missione “Mare nostrum” è un generoso tentativo di fare qualcosa che costa molto e incentiva gli scafisti a mettere in mare imbarcazioni destinate al naufragio sapendo che, probabilmente, una nave militare italiana salverà i migranti. Continuare così non serve a nulla: o c’è una svolta o arrendiamoci al prezzo da pagare ad una migrazione di massa lasciata a se stessa

Claudio Lombardi