Vien voglia di arrendersi ( di Piero Filotico)

La confessione dell’amico avviene poco fa, in una telefonata che doveva essere di auguri per la ricorrenza che lo riguarda. Esordisce così “Un paese a rotoli, il senso civico a zero, sciacalli e incompetenti in tutti i vertici, perfino la natura che ci punisce per l’egoismo e l’incuria, finiremo travolti dall’alluvione della protesta, dal fango della morale ignorata o dalla

Continua a leggere

Pari dignità alla politica dal basso (di Giulio Marcon)

Si può fare politica in tanti modi, con strumenti e modalità diverse. Con i partiti di massa, che soprattutto a partire dal secondo dopoguerra hanno garantito un forte tessuto democratico e civile. Ma anche con la politica dal basso, la politica diffusa, quella praticata dalle centinaia di migliaia di cittadini che ogni giorno sono impegnati nelle associazioni, nei comitati, nelle

Continua a leggere

Legge elettorale: il cambiamento del forse (di Claudio Lombardi)

La proposta che nasce dall’accordo tra Renzi e Berlusconi e che la Direzione del PD ha approvato è complessa e tenta di mettere insieme elementi diversi scelti tra quelli più graditi alle forze politiche alle quali quella proposta si rivolge. Non a tutte, dunque, perché il M5S ha rifiutato di trattare alcunché con coerenza rispetto al disegno di Grillo: restare

Continua a leggere

Un Governo inutile e una possibile via d’uscita (di Claudio Lombardi)

A distanza di tempo e visti i risultati viene il dubbio che il governo Letta sia nato per mascherare un fallimento e un progetto occulto. Il fallimento è stato quello delle forze politiche presenti in Parlamento incapaci di assumersi le loro responsabilità e perse dietro i loro giochi di potere. Il progetto occulto era quello della prosecuzione della maggioranza del

Continua a leggere

Finanziamento alla politica: andare oltre la propaganda

Sul finanziamento pubblico dei partiti si sta giocando da anni uno scontro tra propagande opposte e dura realtà. Quest’ultima è fatta dai comportamenti delle persone che hanno fatto registrare un bassissimo livello di etica pubblica. Dalle leggi pensate, scritte e votate da tutti i partiti per eludere il referendum sul finanziamento che risale al lontano 1993, agli scandali di tutti

Continua a leggere

La tentazione della rabbia e dell’isolamento (di Claudio Lombardi)

La situazione è drammatica e i responsabili sono tanti sia fuori dai confini nazionali che all’interno. Prendersela con i grandi speculatori della finanza è difficile. Appaiono tanto lontani quanto “innocenti” nel fare i loro interessi come fossero animali che seguono solo il loro istinto. In realtà una finanza ormai sconfinata nel gioco d’azzardo criminale non ha giustificazioni e vive grazie

Continua a leggere

Facciamo la rivoluzione partendo dalle comunità locali (di Alex Giordano)

Scusatemi. Faccio ammenda. Devo ammettere che anche io spesso e volentieri mi sono lasciato scappare improperi sul nostro Paese. Mi sono lamentato che siamo dei pecoroni, che siamo un popolo mafioso, mi sono lasciato andare, scusatemi, ai molti luoghi comuni legati al fatto che non siamo in grado di fare una rivoluzione popolare per rovesciare le sorti di un’ Italia

Continua a leggere

Cacciare la vecchia politica unica strada per risollevarci (di Claudio Lombardi)

Ecco la fotografia di un paese malato: la legge elettorale in vigore da otto anni dichiarata incostituzionale; una corruzione diffusa e sfrontata fatta di episodi grandi e piccoli con al centro una classe dirigente politica degradata e priva di senso dello stato e dell’etica pubblica; il livello di povertà cresce e tocca ormai milioni di italiani; i bilanci pubblici sono

Continua a leggere

Libera: educazione alla legalità, partecipazione, civismo (di Angela Masi)

Leggendo i giornali e seguendo i Tg sembra che l’Italia sia solo quella rappresentata dalle cronache politiche fatta, troppo spesso, di manovre e lotte per conquistare spazi di potere. C’è, però, un’altra Italia nella quale i cittadini si impegnano per svolgere attività di interesse generale. È il vasto mondo dell’attivismo civico e dell’impegno politico in movimenti e associazioni che non

Continua a leggere

Roma: i guai della politica debole (di Claudio Lombardi)

Con l’ATAC, se fosse confermato il traffico di biglietti falsi, si toccherebbe il fondo dell’intreccio politica – apparati pubblici – reati nella capitale d’Italia. Dopo questo fondo ci sarebbe soltanto lo stato-mafia gestito direttamente dalla criminalità organizzata. A Roma ancora non ci si è arrivati, in Sicilia e in alcune zone della Campania ci si è andati molto vicini. Perché

Continua a leggere
1 2 3 4 5 20