Un anno fa il referendum: cosa è cambiato per l’acqua? (di Claudio Lombardi)

Tra pochi giorni sarà un anno dal voto referendario che sancì una svolta politica insieme alle elezioni comunali in città del calibro di Milano e Napoli. La svolta c’è stata, ma i servizi pubblici locali non sono un granchè cambiati da allora e qualche domanda bisogna pure farsela. Innanzitutto sulla reale portata dello strumento referendario che, nel nostro ordinamento, serve

Continua a leggere

Dai referendum al movimento per i beni comuni: una proposta per l’Umbria (di Gabriele Silvestri)

Dopo l’esito positivo del referendum in Umbria è stata posta l’esigenza di creare un Movimento Umbro per il Bene Comune, per quanto mi riguarda sono molto, molto d’accordo su questa  proposta, soprattutto perché penso che sia necessaria una voce fuori dal coro dell’attuale omologazione dei pensieri, che, mi sembra, accomuni in questo momento tutti i principali protagonisti della vita pubblica.

Continua a leggere

Gaber, la sedia e il referendum sull’acqua (di Alberto Franco)

Pensando ai referendum, al ritorno dei cittadini sulla scena politica e leggendo i commenti di queste ultime settimane mi è venuto in mente un simpatico dialogo scritto da Giorgio Gaber dedicato a un problema che non si riesce a risolvere. Il brano si intitola “ La sedia da spostare” ed è tratto da “E pensare che c’era il pensiero” A:

Continua a leggere

Referendum sull’acqua: le ragioni del sì (di Claudio Lombardi)

Il referendum sull’acqua ci pone due domande. Con la prima ci chiede se va cancellata la norma che prevede di affidare la gestione dell’acqua (nonché dei rifiuti e dei trasporti locali perché la norma da abrogare riguarda tutti e tre) in due modi: o con gare pubbliche o mantenendo gli affidamenti diretti (di solito a società di proprietà pubblica ex

Continua a leggere

Quattro referendum contro l’insicurezza dei cittadini (di Claudio Lombardi)

Dunque è deciso: il 12 e 13 giugno si andrà a votare per quattro referendum. Legittimo impedimento ovvero l’abrogazione delle norme che consentono al Presidente del Consiglio e ad altre cariche istituzionali di rinviare i processi nei quali sono imputati fino al termine del loro mandato. Nucleare cioè l’abrogazione della norma che dispone la realizzazione nel territorio nazionale di impianti

Continua a leggere

Referendum sull’acqua 1.401.000 firme: cosa dicono i cittadini (di Claudio Lombardi)

Il Comitato promotore del referendum per l’acqua pubblica ha depositato in cassazione 1.401.000 firme. Già questo dato è un fatto politico che dovrebbe far riflettere. Un comitato composto da tante associazioni e organizzazioni della società civile è riuscito a raccogliere il maggior numero di adesioni mai raggiunto per un referendum. Come si spiega? Cercando di capire, dal punto di vista

Continua a leggere

I risparmi sospetti: soppressi difensori civici e ATO (di claudio lombardi)

Ormai è legge: dal 1° gennaio 2011 sono soppresse le Autorità d’ambito territoriale responsabili dei servizi idrico e di trattamento dei rifiuti. Questo stabilisce la conversione in legge del DL n. 2/2010 che si occupa di interventi sugli enti locali. Nella “lodevole” intenzione di diminuire le spese il Governo e la sua maggioranza hanno impugnato le forbici e hanno tagliato

Continua a leggere