L’idea sbagliata della flat tax (2)

Flat tax ed evasione fiscale Non vi è evidenza che un significativo taglio della pressione fiscale farebbe diminuire l’evasione.  I più considerati studiosi del sommerso affermano che l’evasione fiscale dipende in prima battuta dalla capacità amministrativa dello Stato e da come lo Stato é percepito dai cittadini. In seconda battuta impattano sull’evasione: gli aumenti della pressione fiscale. Una crescita sensibile

Continua a leggere

L’idea sbagliata della flat tax (1)

Flat tax e tagli delle imposte sui redditi più alti In tutti i paesi progrediti il sistema fiscale è guidato da criteri di progressività, ovvero le imposte pagate crescono al crescere del reddito e più in generale della capacità contributiva. Nei paesi occidentali la progressività delle imposte è garantita da aliquote crescenti sul reddito delle persone fisiche. Le altre due

Continua a leggere

Perché la flat tax è sbagliata (2)

Flat tax ed evasione fiscale Non vi è evidenza che un significativo taglio della pressione fiscale farebbe diminuire l’evasione.  I più considerati studiosi del sommerso affermano che l’evasione fiscale dipende in prima battuta dalla capacità amministrativa dello Stato e da come lo Stato é percepito dai cittadini. In seconda battuta impattano anche sull’evasione: gli aumenti della pressione fiscale. Una crescita

Continua a leggere

Perché la flat tax è sbagliata (1)

Flat tax e tagli delle imposte sui redditi più alti In tutti i paesi progrediti il sistema fiscale è guidato da criteri di progressività, ovvero le imposte pagate crescono al crescere del reddito e più in generale dalla capacità contributiva. Nei paesi occidentali la progressività delle imposte è garantita da aliquote crescenti sul reddito delle persone fisiche. Le altre due

Continua a leggere

I partiti europei che tutti cercano

Negli ultimi giorni si sono manifestate almeno due dinamiche a prima vista connesse al rinnovo della presidenza del Parlamento Europeo, ma che ci parlano di realtà politiche europee che si manifestano con logiche da veri e propri partiti europei con palesi ripercussioni sulla vita politica italiana. La prima dinamica è trapelata da qualche fonte d’informazione e non ha particolarmente colpito

Continua a leggere

Referendum costituzionale: perchè voto SI’

I toni accesi intorno al referendum del 4 dicembre dovrebbero lasciare il posto a ragionamenti pacati. Chi negli ultimi vent’anni si è occupato di diritto e costituzione sa che i principali problemi che affliggono il nostro sistema  sono: 1) l’abuso di decreti legge, fiducie e leggi “mille proroghe” da parte del governo; 2) la disastrosa riforma dei poteri delle regioni

Continua a leggere

Elezioni Usa: bisogna sperare nella vittoria di Hillary

Fino a qualche anno fa Donald Trump sarebbe stato bollato come un impresentabile nel paese, gli Stati Uniti, in cui la sera delle elezioni il candidato perdente è uso dire del vincitore “era il mio avversario ora è il mio presidente”. Oggi può diventare il 35° presidente. Ho la sensazione che in Italia analisti politici, economisti e operatori finanziari attendano

Continua a leggere

La riforma costituzionale in dieci punti

In autunno gli elettori saranno chiamati ad esprimersi sulla riforma  costituzionale i cui punti salienti sono i seguenti: Nuovo Senato : Viene introdotta una sorta di Senato delle autonomie composto da 74 rappresentanti dei consigli regionali, 21 sindaci e 5 membri di nomina presidenziale con mandato di 7 anni Superamento del bicameralismo perfetto : Il governo riceve la fiducia solo

Continua a leggere
1 2 3 9