L’Europa unita garanzia di sovranità

Pubblichiamo le conclusioni del discorso tenuto nei giorni scorsi da Mario Draghi all’università di Bologna

Nel mondo di oggi le interconnessioni tecnologiche, finanziarie, commerciali sono così potenti che solo gli Stati più grandi riescono a essere indipendenti e sovrani al tempo stesso, e neppure interamente. Per la maggior parte degli altri Stati nazionali, fra cui i paesi europei, indipendenza e sovranità non coincidono. L’Unione europea è la costruzione istituzionale che in molte aree ha permesso agli Stati membri di essere sovrani. È una sovranità condivisa, preferibile a una inesistente. È una sovranità complementare a quella esercitata dai singoli Stati nazionali in altre aree. È una sovranità che piace agli Europei.

L’Unione europea è stata un successo politico costruito all’interno dell’ordine internazionale emerso alla fine della seconda guerra mondiale. Dei valori di libertà, pace, prosperità, su cui quest’ordine si fondava, l’Unione europea è stata l’interprete fedele.

L’Unione europea è stata un successo economico perché ha offerto l’ambiente in cui le energie dei suoi cittadini hanno prodotto una prosperità diffusa e durevole fondata sul mercato unico e protetta dalla moneta unica. Gli ultimi dieci anni hanno messo drammaticamente in luce carenze delle politiche nazionali e necessità di evoluzione nella cooperazione all’interno dell’Unione europea e al suo esterno.

Una lunga crisi economica mondiale, movimenti migratori senza precedenti, disuguaglianze accentuate dalle grandi accumulazioni di ricchezze prodotte dal progresso tecnologico hanno fatto emergere faglie in un ordine politico ed economico che si credeva definitivo.

Il cambiamento è necessario, ma vi sono strade diverse per attuarlo. Da un lato, si riscoprono antiche idee che hanno plasmato gran parte della storia, per cui la prosperità degli uni non può essere raggiunta senza la miseria di altri; organizzazioni internazionali o sovranazionali perdono di interesse come luoghi di negoziato e di indirizzo per soluzioni di compromesso; l’affermazione dell’io, dell’identità, diviene il primo requisito di ogni politica. In questo modo la libertà e la pace divengono accessori dispensabili all’occorrenza.

Ma se si vuole che questi valori restino essenziali, fondanti, la strada è un’altra: adattare le istituzioni esistenti al cambiamento. Un adattamento a cui si è finora opposta resistenza perché le inevitabili difficoltà politiche nazionali sembravano sempre essere superiori alla sua necessità. Una riluttanza che ha generato incertezza sulle capacità delle istituzioni di rispondere agli eventi e ha nutrito la voce di coloro che queste istituzioni vogliono abbattere. Non ci devono essere equivoci: questo adattamento dovrà essere profondo, quanto lo sono i fenomeni che hanno rivelato la fragilità dell’ordine esistente e vasto quanto lo sono le dimensioni di un ordine geopolitico che va cambiando in senso non favorevole all’Europa.

L’Unione europea ha voluto creare un sovrano dove non ne esisteva uno. Non è sorprendente che in un mondo in cui tra le grandi potenze ogni punto di contatto è sempre più un punto di frizione, le sfide esterne all’esistenza dell’Unione europea si facciano sempre più minacciose. Non c’è che una risposta: recuperare quell’unità di visione e di azione che da sola può tenere insieme Stati così diversi. Non è solo un auspicio, ma un’aspirazione fondata sulla convenienza politica ed economica. Ma esistono anche sfide interne che vanno affrontate, non meno importanti per il futuro dell’Unione europea. Bisogna rispondere alla percezione che questa manchi di equità: tra paesi e classi sociali. Occorre sentire, prima di tutto, poi agire e spiegare.

Quindi, unità, equità e soprattutto un metodo di far politica in Europa. Voglio ricordare in chiusura le parole del Papa Emerito Benedetto XVI in un suo famoso discorso di 38 anni fa: “Essere sobri ed attuare ciò che è possibile, e non reclamare con il cuore in fiamme l’impossibile, è sempre stato difficile; la voce della ragione non è mai così forte come il grido irrazionale… Ma la verità è che la morale politica consiste precisamente nella resistenza alla seduzione delle grandi parole… Non è morale il moralismo dell’avventura… Non l’assenza di ogni compromesso, ma il compromesso stesso è la vera morale dell’attività politica

Le pene del QE di Draghi

Povero Draghi. Non sa più che fare. La BCE continua con il suo quantitative easing, il famoso QE, cioè continua a comprare titoli di debito pubblici ed equipollenti. E continua ad abbassare la remunerazione per i depositi delle banche, anzi, poiché si tratta di un tasso negativo, bisogna dire che aumenta il costo che le banche pagano per lasciare i propri fondi in deposito alla BCE che, però, continua generosamente ad elargirli agli istituti di credito. Proprio quel che si dice un circolo vizioso.

abbondanza di capitaliInsomma anche il profano (come è chi scrive) capisce che di soldi in giro ce ne sono veramente tanti, ma che non conviene utilizzarli in altro modo che lasciandoli depositati presso la BCE (e pagando invece di guadagnare) o “investirli” a tassi prossimi allo zero o sotto zero in titoli degli stati europei. Altre possibilità sono quelle di spargerli un po’ per il mondo, ma sempre preferendo titoli di debito che assicurano rendimenti minimi. Poi, ovviamente, ci sono tanti altri modi di tipo speculativo per tentare di far rendere il denaro però, forse, le banche, rimaste un po’ scottate dalle esperienze passate, ci staranno più attente.

Ciò che conta è che di investire soldi nell’economia cioè in attività che producano ricchezza reale e lavoro non se ne parla. Il problema è serio perché chi possiede capitali tende ad utilizzarli per ricavare un utile e se non ritiene di investirli o di prestarli per finanziare attività economiche vuol dire che non conviene.

banche e speculazioneBrutti, sporchi e cattivi quelli che maneggiano i grandi capitali e le banche forse sì, ma sicuramente non fessi. D’altra parte che l’economia reale comporti dei rischi è dimostrato dai circa 200 miliardi di crediti cosiddetti deteriorati o inesigibili che le banche italiane difficilmente riusciranno a recuperare. Tanto che da mesi si sta provando a costituire una bad bank garantita dallo Stato nella quale mettere tutti i crediti dati per persi.

È ovvio criticare le banche perché non erogano tutto il credito di cui ci sarebbe bisogno. Sì, giusto, ma vediamo l’altra faccia della medaglia perché spesso chi prende i soldi in prestito poi non li restituisce e si crea sfiducia e un buco di bilancio da riempire.

Allora non c’è soluzione? Molti esperti dicono di no e anche al profano sembra che siamo arrivati al punto di poterci drogare di soldi senza cambiare la stagnazione dell’economia. Non c’è nulla da fare almeno fino a che si resta nel circolo vizioso BCE che compra titoli pubblici e presta soldi alle banche che poi se li tengono e non si fidano a darli in prestito.

D’altra parte l’obiettivo della BCE è raggiungere un tasso di inflazione prossimo al 2%, ma non è certo quello dello sviluppo economico nè della piena occupazione. Dunque non è alla BCE che si può chiedere altro.

Ci vorrebbe qualcuno che prendesse questi benedetti soldi e li investisse direttamente in opere o attività scelte nel quadro di politiche industriali, della ricerca, della formazione e delle infrastrutture. Insomma ci vorrebbe che gli stati o, meglio, l’Unione europea prendessero loro in mano l’iniziativa e cominciassero a indirizzare i soldi dove servono davvero.

intervento pubblico economiaE allora perché non si fa? Perché hanno creato una banca centrale che non può prestare soldi agli stati. Perché hanno costruito un’Europa che funziona solo per frenare, ma non per promuovere. Perché hanno messo da parte le politiche industriali. Perché hanno pensato che lo sviluppo potesse venire da solo facendo circolare i soldi. Perché si sono fissati sui parametri di bilancio. Perché le classi dirigenti non riescono più a concepire progetti, ma si sono specializzate nella gestione dell’esistente. Perché, a volte, chi dirige gli stati è corrotto o è amico degli speculatori.

Insomma il povero Draghi non ce la può fare da solo e lo ha detto già molte volte. Ma i suoi interlocutori fanno finta di non capire. Che aspettano a muoversi?

Claudio Lombardi

Riflessioni di mezza estate

Come al solito la pausa estiva non è stata proprio una pausa per tutti. La crisi greca, il dramma dei migranti, gli attentati in varie parti del mondo, le guerre più o meno striscianti in corso, l’altalena dell’economia, gli affari di casa nostra. Tutto ci ha trasmesso il messaggio che noi possiamo pensare di essere in pausa, ma i problemi aperti e le scelte politiche per affrontarli in ogni contesto non si fermano mai.

insegnanti buona scuolaLe questioni possono essere grandi o piccole; dipende da quanto impattino sulla vita di ciascuno e da come siano impostate da chi poi ha il potere/dovere di decidere. Cominciamo dall’assunzione degli insegnanti decisa con legge un mese fa. In tanti hanno fatto domanda accettando di poter essere spostati in sedi lontane da quelle abituali. Tanti altri hanno detto di no. Chi ha ragione? Tutti. In questi casi bisogna usare il buonsenso e rassegnarsi ai tempi lunghi. Non si può dire che è un’ingiustizia offrire lavoro là dove c’è e non si può dire che è un ingrato chi non se la sente di cambiare la sua vita per accettarlo. La situazione della scuola è così ingarbugliata che ci vorranno anni per renderla più chiara, più ordinata, più soddisfacente per tutti. Inutile sperare nella soluzione immediata che faccia contenti tutti. (Tra l’altro nei “tutti” bisognerebbe mettere al primo posto il servizio che la scuola deve svolgere e i risultati che deve raggiungere. Proprio quello che non si fa). Il punto è domandarsi perchè si è arrivati a questo punto di rinvio in rinvio.

immigrati in ItaliaAltra questione, i migranti. Ormai sono una presenza costante sulle prime pagine dei notiziari. Qualcuno può ancora avere dei dubbi sul fenomeno epocale che si sta verificando? Milioni di persone si spostano dall’Africa all’Europa per fuggire dalle guerre, dalla fame, da vite senza speranza. Chi dice che bisogna respingerli (Salvini per esempio) in realtà non dice nulla di utile e se ne lava le mani. Una migrazione va gestita e l’unico modo per contrastarla e frenarla è andare alla radice dei motivi per i quali si fugge. Non sono cose che si risolvono in fretta, ma certo un’azione comune di tutta l’Europa (almeno) può fare la differenza e non solo per pattugliare il Mediterraneo. Bisogna stare coi piedi per terra. Né si può soltanto fare appello ad un’accoglienza totale incolpando proprio i paesi che mandano le loro navi a soccorrere i naufraghi (come sembra fare il Papa che però è un’autorità morale e non politica), né si può illudere che basti fare la voce grossa per bloccare le partenze (come fanno tanti politici). Sembra strano, ma proprio tra questi due estremi, entrambi irrealistici, oscilla il dibattito pubblico mentre i governi e gli organismi internazionali che dovrebbero trovare le soluzioni sembra non sappiano che fare. Ancora una volta chi può/deve decidere fa finta che il problema si possa risolvere da solo e rinvia.

3 per cento EuropaLa crisi greca ha dimostrato l’estrema debolezza dell’Unione Europea e dell’eurozona in particolare appesa ad una moneta, ma priva di una unità politica di fondo. I rapporti di forza tra i singoli paesi dominano la scena e non sembra che andare oltre sia una cosa così facile come appare in tante invocazioni di federalismo e di democrazia. Intanto sarebbe buona cosa che le élites dirigenti nei singoli paesi si impegnassero ad adeguare i sistemi di governo ad uno standard di onestà e di dedizione all’interesse generale che indirizzi i popoli verso culture e comportamenti di rifiuto della corruzione, del clientelismo, del malaffare, dell’illegalità, di sfruttamento privato delle risorse pubbliche nel nome di una comune identità europea. Concentrarsi su questo invece che sul 3%, o sul pareggio di bilancio sarebbe una bella svolta per l’Europa perché metterebbe le basi di una cultura civile condivisa. Ma è l’ultima cosa di cui si discute.

Tre esempi molto diversi tra loro. Tre casi nei quali il troppo tempo trascorso non volendo vedere la realtà per tirare a campare il più a lungo possibile per non dover scegliere ha creato i problemi invece di risolverli

C. L.

Un’ Europa troppo grande e poco politica

Nell’UE c’è qualcosa che non funziona. L’integrazione è andata avanti in modo poco lineare, si sono persi l’entusiasmo e la visione dei padri fondatori e manca una direzione politica dell’Unione.

Un esempio è il trattato di Schengen che ha fissato una frontiera comune con ridicole linee guida in tema di immigrazione e senza una politica di accoglienza comune. I paesi frontalieri nel sistema Schengen presidiano la frontiera comune con beneficio di tutti i paesi dell’area, ma poi vengono lasciati soli a gestire fenomeni epocali come le migrazioni.

euro equilibrioQualcosa di simile è capitato all’Euro. La moneta unica fu imposta da Mitterrand alla Germania perché il presidente francese temeva che in una Germania unificata sarebbe diventata troppo grande e, disponendo della forza del marco, avrebbero acquistato in saldo le società migliori degli altri paesi europei. L’idea di Mitterrand piacque ai politici dell’Europa meridionale forse perché condividevano le paure del presidente francese, ma soprattutto perché ritenevano di poter ottenere grossi risparmi sui tassi di interesse sul debito pubblico e privato come effettivamente è avvenuto. Si pensi ai vantaggi per l’Italia, che all’inizio degli anni novanta aveva rischiato un default. Il problema è che le unioni monetarie funzionano se hanno un bilancio comune che redistribuisca risorse dai paesi più ricchi a quelli più poveri in modo da evitare squilibri eccessivi tra gli aderenti. Però di bilancio comune non se ne parla.

europa allargata a estAnaloghi dubbi suscitano gli allargamenti ad est. A partire dall’inizio degli anni 2000 sono entrati nell’Unione Europea praticamente tutti gli stati postcomunisti. La velocità degli allargamenti ad Est fa ritenere che sia stata fatta una valutazione complessiva e geopolitica, che ha portato nell’Unione Europea paesi con condizioni economiche veramente eterogenee e non sia stata fatta una valutazione Stato per Stato come le stesse istituzioni UE avevano stabilito. Qualcuno ha accusato Prodi di aver accelerato l’adesione per passare alla storia come il presidente della Commissione che ha dato l’ultima picconata al muro di Berlino. Altri sostengono che vi erano valide motivazioni: erano passati pochi anni dagli orrori dei Balcani, che si sarebbero potuti evitare se l’UE avesse fatto politica poco oltre i suoi confini. E poi negli anni novanta le condizioni della democrazia nei paesi che si erano avvicinati all’UE erano migliorate e si sentiva la pressione di una Russia sempre più aggressiva con Putin e di un’America di Bush vogliosa di occidentalizzare l’est europeo a modo suo.

Purtroppo oggi si mostrano i limiti di quella fretta e alcuni di quei paesi hanno problemi anche di rigetto dell’Unione Europea.

contraddizioni EuropaLe contraddizioni dell’allargamento dell’UE sono le stesse degli allargamenti dell’Unione Monetaria. Dapprima è entrata nell’area euro la Grecia, con evidenti limiti e con buchi nei conti pubblici che si fa fatica a credere non fossero noti durante le trattative. Poi è entrata Cipro, la cui banca centrale che doveva vigilare le banche locali non faceva rispettare neanche le norme sull’antiriciclaggio. Infine sono arrivati i paesi baltici nel bel mezzo della crisi dell’Euro. La sensazione è che gli allargamenti a sud siano stati frutto della guerra dei tubi con la Russia di Putin e quelli ad est volevano essere una dimostrazione del fatto che il progetto della moneta comune non fosse morto. Oggi i paesi baltici, che hanno un tenore di vita più basso rispetto a quello della Grecia lacerata dalla crisi, sono tra i più restii ad aiuti e sconti alla Grecia e tra i più possibilisti in merito alla Grexit.

I compromessi con cui è cresciuta la casa comune europea sono diventati paradossi. Si sono allargate l’UE e l’area euro a paesi i cui limiti erano noti a tutti per finalità geopolitiche, ed adesso nessuno vuole pagare il conto. Essere un attore internazionale come gli Stati Uniti o la Cina o provare ad esserlo come la Russia costa ed è assurdo predicare l’irreversibilità dell’area euro minacciando però di cacciare i paesi disobbedienti. Certo Angela Merkel è lontanissima dai padri fondatori e da Kohl, e persino da Prodi e Delors, sembra un allenatore alle prese con un organico di giocatori che non avrebbe mai acquistato, oggi tuttavia bisogna smetterla con i segnali e con la mezza geopolitica e fare tutto ciò che non è mai stato fatto: una federazione nell’area euro.

Salvatore Sinagra

L’ idea di Europa nella nebbia

Ora che le acque si sono un po’ calmate (fino a domenica) possiamo chiederci: cosa abbiamo capito e cosa ci sta insegnando la “tragedia” greca? Forse l’unico merito del referendum indetto da Tsipras è stato di riportare l’attenzione di un’opinione pubblica un po’ stanca e un po’ distratta sull’eccezionalità della situazione europea rimasta appesa ad una moneta unica, ma priva di istituzioni in grado di governare la zona euro. Lo sapevamo anche prima, ma stavolta la paura di uno sbandamento c’è stata sul serio.

referendum grecoFra i demeriti del referendum metterei l’appello al popolo formalmente a votare su un quesito inesistente, ma sostanzialmente a schierarsi contro gli altri stati dell’eurozona. Far leva sull’orgoglio nazionale è stata una mossa, forse dettata dalla disperazione, ma che, se fosse imitata da altri leader in altre nazioni, innescherebbe una spirale di nazionalismi difficilmente controllabile nella quale ogni popolo individuerebbe in altri popoli la causa dei suoi problemi. Come giustamente è stato sottolineato in questi giorni ogni popolo ha la sua sovranità e pensare di piegare quella degli altri con la propria è un disastro innanzitutto concettuale e culturale.

Speriamo che la cosa finisca con un accordo nel quale Tsipras, forte della sua nuova autorevolezza sul piano interno, trovi la strada di un compromesso.

Referendum e rischio Grexit sono serviti per una drammatizzazione che, forse, può risvegliare le coscienze sullo stato dell’Europa. Da anni ci siamo abituati a veder scivolare l’idea di Europa nella consuetudine di incontri, convegni, vertici, decisioni, regole gestite da un esercito di burocrati, consulenti, politici nella più assoluta opacità degli obiettivi strategici e nell’assenza di un progetto chiaro. Dire “Europa” è diventato un po’ come dire “Buon Natale” qualcosa di scontato e di banale che si deve dire a prescindere dal suo significato.

GrexitI primi che hanno smarrito il senso e le finalità dell’ idea di Europa sono i partiti e le correnti politico culturali che sono stati i protagonisti della sua affermazione. La retorica alla quale ci hanno abituati ha fatto velo ad una prassi frammentata in migliaia di regole e con l’unico faro dei parametri di finanza pubblica. Non che non sia stato fatto nulla di buono, anzi, ma lo si è fatto con l’incapacità di comunicare e di coinvolgere i cittadini dei paesi europei che in piccola parte hanno avvertito di far parte di una dimensione sovranazionale.

Se togliamo i giovani che hanno fatto i programmi Erasmus e chi ha sperimentato la facilità e il piacere di viaggiare in tanti paesi senza passaporto e con la stessa moneta in tasca quanti dei circa 500 milioni di abitanti hanno potuto apprezzare il fatto di trovarsi nell’Unione Europea?

globalizzazioneLa crisi e la globalizzazione hanno agito da catalizzatore. I vecchi equilibri sono saltati, le compatibilità di prima non sono state più possibili, l’ideologia delle disuguaglianze ha favorito la concentrazione di ricchezze e di poteri nei vertici che controllano i gangli vitali (economici, amministrativi, culturali,) delle nostre società e la politica è diventata un mondo a parte fatto di caste e di interessi personali. Logica conseguenza è stata la sfiducia nella democrazia e la ricerca di una vecchia-nuova identità nazionale all’inseguimento della perduta autonomia trasformata in mito. Chi più chi meno tutti i paesi europei hanno dovuto fare i conti con questi cambiamenti. E come ha risposto l’Europa? Con il tentativo di dar vita ad una costituzione europea naufragata nelle urne francesi e dei Paesi Bassi. E con l’euro che di quel disegno faceva parte e che è rimasto appeso ad un processo incompiuto e del quale non si è più ripreso il filo.

Oggi abbiamo due entità che si intrecciano e delle quali non è ben chiara la missione: l’Unione e l’eurozona. La prima ha organismi di governo e di rappresentanza (Parlamento, Commissione, Consiglio) già sperimentati, dotati di poteri e autorevolezza benché espressione essi stessi di un’approssimazione rimasta a metà. Ma i paesi euro che hanno? Chi gestisce le politiche che dovrebbero accompagnare una moneta unica?

futuro EuropaQui c’è il grande punto interrogativo che fa dell’Europa e dell’euro in particolare un gigantesco caso di “vorrei, ma non posso”. Inevitabile che in situazioni di crisi ci sia chi si erge a rivendicare l’autonomia e la dignità dei popoli che vedono la propria sovranità limitata da un vincolo monetario. Facile vedere il vincolo se nessuno riesce a comunicare i vantaggi che l’appartenenza all’Unione e all’euro comporta. Basti pensare all’effetto calmieratore che l’area euro ha avuto sui tassi di interesse pagati sui debiti pubblici. Dove sono finiti tutti quei soldi risparmiati? Se poi non sono seguite le politiche di sviluppo è colpa degli egoismi nazionali perché è facile evocarle e invocarle, difficile è accettarle poiché legano le mani a chi le vorrebbe libere.

Bisogna fare uno sforzo per uscire fuori dalle retoriche e dalle narrazioni contrapposte e tornare a parlare il linguaggio della concretezza. Ci conviene l’Europa? Ci conviene l’euro? Se sì cosa dobbiamo fare per essere una comunità di stati che tendono a federarsi? Oppure pensiamo di andare nella globalizzazione ognuno col suo staterello?

Non scherziamo col fuoco, torniamo a mettere i piedi per terra e facciamo appello al popolo non per difendere astratte dignità, ma per costruire la nuova dimensione europea. Ecco un bel compito a casa per i governi europei.

Claudio Lombardi

Come finirà il braccio di ferro tra Grecia e UE?

euro rotturaCome finirà il braccio di ferro tra la Grecia di Tsipras e il resto dell’Europa? Purtroppo ciò che sta accadendo ci riguarda da vicino e non solo per i 40 o 50 miliardi di euro che abbiamo “prestato” al governo greco e che molto difficilmente ci saranno restituiti.

Le vicende della Grecia sono una prova difficile e drammatica su molti fronti. Innanzitutto la possibilità che esista una unione europea oltre la moneta unica. L’idea di un’Europa unita è nata dopo la seconda guerra mondiale per prevenire le tensioni e le rivalità tra gli stati che avevano portano in pochi decenni a due conflitti mondiali. Si è rafforzata con la globalizzazione perché i singoli stati non avevano più la possibilità di competere da soli né verso occidente né vero oriente. L’introduzione dell’euro doveva essere il punto di arrivo e di ripartenza per qualcosa di più solido e duraturo che puntasse ad una confederazione di stati.

Così non è stato e la crisi greca dimostra che l’Europa resta un’idea, ma non una realtà. Se una unione politica ci fosse stata la Grecia sarebbe stata costretta ad affrontare i problemi che oggi l’hanno messa in ginocchio: evasione fiscale, privilegi, sprechi, corruzione, clientelismo. Utopia? Forse, ma allora perché si è creata una moneta unica senza un’autorità politica sovranazionale?

Anche noi italiani ci siamo barcamenati tra artifici contabili e rinvii al debito futuro pur di non toccare i nodi del sistema di potere e della caduta di produttività dell’economia. Per questo siamo nella crisi più nera della storia repubblicana.

baratro crisi grecaComunque, la ragione dice che, quali che siano le responsabilità dei precedenti governi greci, o gli stati europei concedono una possibilità di recupero al nuovo governo o si aprirà una pagina ancora più drammatica e pericolosa e dagli sviluppi imprevedibili.

Per questo la proposta di Tsipras di allungare le scadenze del debito può essere una base di negoziato. Non c’è niente da fare, se vogliamo evitare guai peggiori il popolo greco deve vivere e deve essere aiutato. E per farlo c’è bisogno di soldi e di tempo. O pensiamo che nel giro di qualche settimana rinasca una nuova Grecia da quella fallita ormai da cinque anni? È chiaro che questa via d’uscita costerà e non poco, ma l’alternativa non c’è.

Ormai bisognerebbe mettersi l’anima in pace e dirsi che questo sacrificio (anche nostro) deve servire a qualcosa e portare a un cambiamento vero. Non basta dare fiducia a Tsipras, anzi serve a poco: bisogna che l’Europa faccia un passo avanti stringendo un patto ancora più vincolante sulle politiche e non solo sulla moneta che andrebbe usata come strumento e non come fine. Se ci riuscirà darà un aiuto a tutti gli stati e non solo alla Grecia perchè metterà le basi di una uscita dalla crisi dell’Europa intera.

Altrimenti bisogna che la Grecia esca dall’euro, ma in quel caso il costo sarà probabilmente più alto anche per noi

Claudio Lombardi

L’Europa quotidiana che migliora la vita di molti (di Liliana Ciccarelli)

europa unitaA dodici anni dall’introduzione dell’euro, che segna nel bene e nel male un momento alto di integrazione, viviamo uno stato di delusione collettiva purtroppo legittimato dalla reazione ad una crisi economica che invece di unire ha diviso i Paesi dell’Unione Europea.

Il progetto iniziale di comunità europea era coraggioso, quasi impossibile, eppure era anche l’unica via d’uscita dai disastri della prima e della seconda guerra mondiale. Se, dopo la prima guerra mondiale, l’idea europeista era un “programma” di élite di intellettuali politicamente impegnati, dopo la seconda diventa un obiettivo di politica internazionale concreto per evitare che gli stati europei creassero le condizioni per un nuovo conflitto.

Per Spinelli e per i federalisti europei, l’Europa federata non era solo la fine dello Stato nazione, ma la condizione per la nascita di una nuova democrazia, di un nuovo patto sociale (cfr. Storia e politica dell’Unione Europea, G. Mammarella – P.Cacace, ed. Laterza.). Obiettivo audace e che, a tutt’oggi, è ben lontano dall’essere realizzato.

Oggi l’Europa appare un dato scontato, abbiamo con la moneta unica “l’Europa in tasca”, giriamo senza alcun bisogno di passaporto, abbiamo la possibilità di scegliere direttamente i parlamentari europei che siederanno in un Parlamento con maggiori poteri, il prossimo presidente della Commissione europea sarà anche espressione della maggioranza politica che scaturirà dalle elezioni. Eppure tutto questo non basta a farci sentire davvero cittadini europei perché l’unione europea è rimasta a metà.

generazione erasmusQuelli che, forse, si sentono veramente cittadini europei sono i giovani della cosiddetta “generazione Erasmus”. Gli studenti Erasmus nel 2013 sono stati quasi 250mila in tutta Europa. Dal 2014 al 2020 sono stati stanziati 16 miliardi per 4 milioni di borse e si stima che nel 2020 gli ex Erasmus saranno 7 milioni. É un tassello importante di esperienze concrete di partecipazione attiva dei cittadini e dei giovani alla creazione di uno spazio politico, sociale e culturale dell’Unione Europea.

C’è tuttavia un livello di quotidianità, alla portata di tutti, che dovrebbe riconsegnarci ad una appartenenza alla cittadinanza europea, del quale forse non siamo pienamente consapevoli e che rappresenta uno degli elementi di forza e uno dei pilastri dell’Unione Europea: siamo cittadini consumatori e utenti che operano in un mercato unico utilizzando non solo la stessa moneta, ma godendo delle stesse tutele e garanzie.

A chiedere o garantire tutela per 3 milioni di pendolari italiani non è il nostro Governo di turno, ma la Commissione Europea che pochi giorni fa ha deferito l’Italia alla Corte di Giustizia europea per non aver recepito la normativa comunitaria in materia di diritti dei passeggeri nel trasporto ferroviario (parità di accesso al trasporto per evitare discriminazioni, diritto di avere informazioni in tutte le fasi del viaggio, diritto al rimborso del prezzo del biglietto in caso di soppressione o ritardi prolungati, diritto a un servizio di trasporto alternativo in caso di ritardi prolungati o soppressione del servizio, diritto a un livello minimo di assistenza nelle stazioni e a bordo dei treni). Insomma tutte cose concrete, non chiacchiere.

diritti consumatoreE ancora, è grazie al recepimento della direttiva europea sui consumatori che, a partire dal prossimo 14 giugno, entrerà in vigore il nuovo codice del consumo con importanti migliorie per il consumatore (in caso di servizi o beni non richiesti sarà possibile non pagare la prestazione e in caso di acquisti a distanza passano da 10 a 14 i giorni per esercitare il diritto di recesso). I nuovi diritti dei consumatori riguardano anche la consegna del bene in quanto in caso di merce danneggiata risponderà direttamente il venditore.

Dal 2015 inoltre, sempre in attuazione di direttive comunitarie, saranno ulteriormente agevolate le procedure di risoluzione delle controversie per i consumatori con l’intento di evitare cause giudiziarie lunghe e costose.

Il Parlamento europeo inoltre, attraverso l’ordine di protezione europeo, interviene anche in tema di protezione delle vittime di reati. Il Parlamento ha approvato nuove norme, in vigore dal 2015, volte ad assicurare che chiunque goda di protezione in un paese dell’UE ottenga una protezione simile se si trasferisce in un altro paese dell’Unione (oggi la protezione cessa alle frontiere). La copertura di tali tutele riguarderà tutte le vittime di reati tra cui molestie, rapimento, stalking e tentato omicidio, oltre alla violenza di genere.

E ancora in tema di salute la Direttiva 2011/24/Ue ha definito regole chiare per facilitare l’accesso a servizi sanitari sicuri e di elevata qualità nell’Unione Europea, assicurando la mobilità dei pazienti che cercano servizi sanitari in un altro Stato Membro.

L’Europa quindi non chiede solo rigore, ma si occupa anche di tutela dei diritti.

È bene sapere che al momento sono pendenti 114 procedure di infrazione nei confronti dell’Italia per mancato recepimento di direttive comunitarie che riguardano settori più disparati con notevole impatto sulla vita quotidiana (consultabili http://eurinfra.politichecomunitarie.it/ElencoAreaLibera.aspx).

Gli esempi di quanto l’Europa incida nel nostro quotidiano potrebbero essere davvero molti altri eppure l’Europa rischia di restare sempre e “solo” quella del mercato unico o quella del rigore ottuso. Prima di dire Europa sì o Europa no bisogna sapere bene di cosa veramente si parla e non farsi abbagliare da slogan che trasformano una crisi di guida politica europea in un male assoluto. A sfasciare si fa presto, a costruire no, ci vuole tempo e intelligenza e molti cercano soluzioni semplici, drastiche  e immediate. La migliore garanzia per disastri sicuri

Liliana Ciccarelli

E andiamo….

Un po’ di buon senso farebbe bene a tutti. All’Europa che da sempre è nelle mani delle élites nazionali che tengono in mano i governi e che di fatto, anche se per interposta persona, comandano negli organismi dell’Unione. Ma anche ai popoli che potrebbero anche sforzarsi di vedere al di là del loro naso e capire ciò che accade.

Che il progetto europeo sia stato popolare poche volte e per poco tempo è un fatto storico. Che sia un progetto di gruppi dirigenti nazionali più o meno illuminati pure è facilmente constatabile. Che abbia deluso dopo aver suscitato radiose aspettative di benessere e felicità è evidente. Che i nemici dell’Unione europea riescano a parlare direttamente ai popoli e che siano molto ascoltati lo vediamo tutti i giorni.

Cosa è andato storto allora? Molte cose a cominciare dall’ipocrisia di tutti quei gruppi dirigenti nazionali che hanno visto l’UE e la moneta unica come l’occasione per farsi belli di un progetto grandioso continuando a coltivare soltanto i propri interessi egoistici. A proposito della Grecia molto è stato detto contro la Germania e contro i poteri finanziari e troppo poco contro quei greci che hanno distrutto i bilanci pubblici e hanno minato l’economia con raggiri, trucchi e falsità speculando e riempiendosi le tasche di soldi che hanno messo al sicuro all’estero. Il dirottamento sui “nemici” esteri è servito molto bene a minimizzare le responsabilità interne.

La stessa cosa accade in Italia dove sembra che si pretenda di non cambiare nulla della nostra corruzione, dei nostri sprechi, delle ruberie dei gruppi di potere politico-burocratici-affaristi che, tutti insieme, valgono percentuali di PIL superiori a quelle di indebitamento consentite dai trattati europei. Eppure è più facile e popolare accusare l’Europa invece di mettere a nudo la vergogna del nostro sistema di potere. Ogni tanto qualche scandalo giunge a proposito per ricordarci che nessun bidone si riempie se è pieno di buchi. Insomma il modello Sicilia che assorbe soldi pubblici come una spugna da decenni e restituisce sottosviluppo non può essere quello su cui chiedere la comprensione dell’Europa. Né si può pensare che basti infarcire di belle parole l’incapacità di classi dirigenti che hanno fallito.

Da noi si parla da anni di riforme perché è più facile richiamarsi ad un obiettivo difficile e lontano che impegnarsi in pratiche di buona politica e buona amministrazione. Quale riforma ci vuole perché ladri come quelli che dirigevano Infrastrutture Lombarde non siano mai più messi a capo di società pubbliche?

Insomma è proprio il caso di dire e andiamo… abbiamo capito il gioco

E se non bastasse regolamentare la finanza? (di Salvatore Sinagra)

Da qualche tempo a Bruxelles non si fa altro che parlare di regolamentazione della finanza, si parla di vigilanza europea del settore bancario (la così detta Unione Bancaria), di segregazione dell’attività di banca di deposito dall’attività di speculazione, si parla Tobin tax, si spera si torni presto a parlare di agenzie di rating; tutti provvedimenti che se ben fatti potrebbero dare un grande contributo e probabilmente anche se varati con qualche aspetto da limare potrebbero dare un segnale ai mercati, eppure bisogna chiedersi se basta regolare la finanza per guarire un’economia malata.

Dice l’ecologista ed ex leader del maggio francese Cohn Bendit la crisi attuale è economica, finanziaria ed ecologica, dice l’economista liberista Zingales non tutta la finanza è marcia e non tutta l’industria è sana, però General Motors che non è una banca a lungo è stata una delle imprese peggio gestite al mondo. La considerazione che non solo la finanza, ma tutta l’economia necessita di nuove regole unisce quindi esponenti di primissimo rilievo del mondo politico e accademico anche se con posizioni politiche distanti e inconciliabili.

E’ tempo di chiedersi se l’Unione Europea possa ancora tollerare (o meglio se è stato giusto tollerare) fabbriche che inquinano come l’Ilva, governi dell’Europa mediterranea come di qualche paese dell’est che hanno deciso di convivere con la corruzione e con la criminalità o il fenomeno delle morti bianche.

Forse non solo nel mondo della finanza è opportuno ritornare a chiamare gli imbroglioni con il loro nome e non furbi. Inoltre le riforme necessarie non si limitano alla repressione dei reati.

Forse l’Unione Europea ha sbagliato a non spingere verso l’armonizzazione delle imposte dirette e a non condannare senza se e senza ma sia i singoli, sia le istituzioni che hanno tollerato l’evasione fiscale, il risultato è stato una profonda distorsione del mercato interno. Si è cercato di impedire difformità sulle accise sull’alcool di mezzo punto percentuale  e si sono tollerate differenze di venti punti sull’imposta sul reddito delle società, che di certo caratterizza un sistema fiscale più di un’accisa. Questo avevo concluso cinque anni fa, quando nessuno pensava alla Grecia e allo spread e stavo scrivendo la mia tesi di laurea sui sistemi  dei paesi dell’Europa orientale; a questo ho ripensato quando ho letto dei tanti greci che stanno portando le loro imprese in Bulgaria, ove gli utili sono tassati al 12%.

Mi colpisce poi il fatto che si parla molto di Tobin tax, ma a nessuno sia venuto in mente di ragionare sulle ampie esenzioni che godono in taluni stati membri le plusvalenze su titoli, partecipazioni e immobili e sul trattamento forse troppo favorevole dei redditi di capitale.

Il vero tema è che le imposte dirette incidono notevolmente sulle politiche redistributive e sociali degli stati membri, e fissare il numero degli scaglioni dell’imposta sui redditi delle persone fisiche è una scelta molto più politica dell’aliquota Iva, però se si vuole un mercato unico equo e competitivo i governi devono accettare di condividere anche le leve puramente politiche. Devono capire che l’economia non è solo finanza e che l’Europa non è solo economia.

Salvatore Sinagra

Europa: la federazione necessaria (di Massimo Bordignon)

Il comportamento della Germania, e più in generale dell’Europa del Nord, nella crisi attuale confina con la schizofrenia.

CONTRADDIZIONI NORDICHE

Da un lato, i paesi del nord Europa bloccano qualunque intervento che possa ridurre i costi delle crisi, per paura di doversi fare carico dei debiti altrui e di eliminare qualunque incentivo alle riforme nei paesi in difficoltà, i cosiddetti Piigs. Così facendo, sia pur lucrando su un po’ di liquidità a buon mercato nel breve periodo, aumentano però la possibilità che la crisi abbia un esito drammatico, i cui costi maggiori, alla fin fine, sarebbero probabilmente pagati proprio da loro. Anche tralasciando gli effetti politici, tutt’altro che secondari, una frattura dell’area euro renderebbe palesi i crediti inesigibili della Bundesbank nei confronti dei paesi dell’Europa del sud, richiederebbe una ricapitalizzazione estesa delle banche a carico dei contribuenti, farebbe schizzare verso l’alto il tasso di cambio e provocherebbe una fuga di massa dei capitali, una volta che i nuovi tassi di cambio si fossero stabilizzati. Dall’altro lato, mentre è attivamente impegnata a minare alla base la stabilità dell’area euro, dicendo no a ogni intervento ragionevole proposto nel frattempo, la Germania è viceversa in prima fila nel richiedere un rafforzamento dell’integrazione europea, fino a prefigurare una vera e propria unità politica dei paesi che hanno adottato o pensano di adottare la moneta comune. E non si chiede un’unità politica, se si pensa nel frattempo di far saltare tutto in aria.

LA ROAD MAP

Il bello è che i tedeschi hanno fondamentalmente ragione su quest’ultimo fronte. I problemi economici dell’area euro, o anche dell’Unione Europea, a cominciare dalle finanze pubbliche, sono minori di quelli di quasi tutte le altre federazioni esistenti, a cominciare dagli Stati Uniti. Il problema vero è rappresentato dalla mancanza di una sovranità europea condivisa e sovraordinata rispetto a quella degli stati, che impedisce di prendere decisioni comuni e di accompagnare politiche di solidarietà al controllo sui comportamenti. Ed è vero che non si possono avere strumenti di debito comuni, se dietro di essi non c’è una responsabilità comune. Che non si tratti ormai più solo di fantapolitica, lo dimostra anche il documento dei quattro presidenti (dell’Unione Europea, dell’Eurogruppo, della Commissione europea e della Banca centrale), che appunto, prefigurano una visione del processo di integrazione che ha come tappe centrali l’unione bancaria, fiscale, economica e finalmente politica. Una road map che dovrebbe concretizzarsi nei prossimi mesi, purché non salti tutto nel frattempo.
Siccome al successo del progetto è legata in buona parte la soluzione dei nostri problemi, anche immediati, di questo dovremmo occuparci estensivamente anche in Italia, discutendone in modo critico e sviluppando le nostre proposte. Fosse anche solo un bluff quello tedesco, è importante “vedere”, non fosse altro per capire come dobbiamo comportarci in futuro, uscendo da questa continua incertezza e fibrillazione.

COME DIVENTARE UNA FEDERAZIONE

Che cosa dovremmo fare allora in Europa?
In primo luogo, ci vuole un centro vero, cioè un esecutivo federale, politicamente legittimato, che rappresenti gli interessi della federazione nei confronti degli stati membri. La Commissione ha formalmente i poteri, ma non è sufficientemente legittimata per utilizzarli, e il Parlamento europeo è democraticamente legittimato, ma non ha i poteri. Difatti, l’Unione è retta dal Consiglio europeo, e l’area euro dall’Eurogruppo, assemblee di capi di Stato e di governo che ovviamente rappresentato solo gli interessi dei propri cittadini, a scapito di quelli comuni. Nessuna federazione o confederazione esistente è organizzata così, per la semplice ragione che così non funziona. Alla fine, per un politico nazionale, le elezioni provinciali in Westfalia necessariamente contano sempre di più degli interessi comuni dell’area, alla faccia delle emergenze.
Come costruire un centro legittimato? Una soluzione relativamente semplice, e di cui si discute molto, è quella di eleggere direttamente il presidente dell’Unione, in elezioni pan-europee, e trasformare la Commissione nel braccio esecutivo del presidente. Il presidente si sceglie i propri ministri, compreso il ministro delle Finanze dell’area euro e governa confrontandosi con il Senato degli Stati e il Parlamento.
In secondo luogo, la gestione della redistribuzione delle risorse tra gli Stati e anche i vari interventi di “salvataggio”, diciamo la gestione dell’Esm o del bilancio federale, devono essere affidati alla federazione, cioè al presidente politicamente legittimato, non ai singoli Stati. La redistribuzione orizzontale, tra aree ricche e aree povere semplicemente non esiste. Ovunque, è sempre la federazione che se occupa, con le proprie risorse. Ed è ovvio che sia così, altrimenti, qualcuno continuerà sempre ad affermare “vogliono il nostro oro”; a nessuno piace pagare per gli altri. Un centro così avrebbe poi anche tutta la legittimità democratica per intervenire, in cambio del denaro, imponendo l’approvazione centralizzata dei bilanci nazionali, un tema caro ai tedeschi.
In terzo luogo, una federazione europea così organizzata risolverebbe anche un altro terrore dei tedeschi, la transfer union. Non è vero che le federazioni sono necessariamente delle unioni di trasferimento; tendiamo a pensarla così, perché le nostre federazioni europee sono fortemente redistributive, a cominciare appunto dalla Germania. Ma la maggior parte delle federazioni esistenti sono in realtà poco distributive, i trasferimenti dal centro finanziano alcuni programmi nazionali, ma non dipendono dal livello di reddito relativo dei vari stati membri. E per l’appunto, la combinazione presidenzialismo-sistema bicamerale con un forte Senato delle regioni è il sistema che appare meno incline ai trasferimenti.
In quarto luogo, tutte le federazioni esistenti hanno sistemi di controllo sull’indebitamento degli enti sub-territoriali. I controlli possono essere market based, il controllo esercitato dai mercati finanziari tramite il prezzo del rischio dei bond locali, o di tipo gerarchico con regole, controlli, ispezioni e sanzioni dal centro. Ma solo gli Stati Uniti e il Canada sembrano in grado di controllare bene i propri stati/enti locali con le soluzioni di primo tipo, anche perché i mercati finanziari, come abbiamo imparato a nostre spese in Europa, funzionano in genere malissimo. In Europa ci abbiamo provato prima con le regole di Maastricht, ora con il fiscal compact e con l’accresciuto potere della Commissione. Ma la Commissione è troppo debole per poter essere veramente credibile come controllore, mentre un potere federale legittimato avrebbe tutta la forza per imporre davvero controlli e sanzioni.
Fantapolitica? Può essere. Intanto però cominciamo a parlarne.

Massimo Bordignon da www.lavoce.info