Un 25 aprile amaro (di Claudio Lombardi)

Un 25 aprile amaro. La data che segna la miracolosa rinascita dei partiti nei quali la parte più attiva degli italiani si ritrova dopo un ventennio di dittatura. La data che vede l’unità dei partiti nel Comitato di Liberazione Nazionale che assume la guida della Resistenza e che getta le basi di una nuova democrazia che troverà subito il suo culmine nella scelta della Repubblica e nella Costituzione. La data che indica l’inizio del riscatto dell’Italia nel mondo.resistenza liberazione

Questa data oggi cade in un momento fra i più difficili della storia repubblicana. Come in uno specchio deformante i partiti che furono capaci di rinascere e di condurre la Lotta di Liberazione dando poi vita alla Repubblica democratica oggi non appaiono più in grado di guidare la nazione. Deformati da una degenerazione che li ha in gran parte trasformati in macchine di potere hanno perso le motivazioni politiche e ideali che conferivano loro una identità riconosciuta e riconoscibile.

Lo Stato con i suoi apparati e con le sue istituzioni sono stati ridotti a territorio di conquista e hanno prevalso gruppi di affaristi senza scrupoli nella migliore delle ipotesi dediti alla ricerca del proprio tornaconto, nella peggiore in combutta con le mafie che hanno trovato nelle risorse pubbliche una ricca fonte di guadagno criminale. (Ovviamente hanno prevalso significa che non sono stati la totalità della politica, ma quelli che hanno dato la loro impronta).

La Repubblica democratica  è stata inquinata da poteri privati che hanno scalato i vertici istituzionali sia in ambito locale che nazionale. Veramente non è una visione confortante quella che i partiti hanno dato di loro stessi negli ultimi decenni.

Nei due mesi trascorsi dalle elezioni si è raggiunto un culmine quasi ineguagliabile di inettitudine e di sbandamento. Persino il Movimento 5 stelle dal quale ci si sarebbe aspettata una forte determinazione a battersi per l’interesse generale si è mostrato del tutto concentrato sui suoi interessi di facciata non esprimendo nessuna proposta politica all’altezza della situazione. Del Pd resta, per ora, solo il nome e in questo caso non si può proprio dire che nomina sunt consequentia rerum perché sembra che ogni sostanza sia svanita da questo partito che pure avrebbe ottenuto il più alto numero di seggi alle elezioni.

Sul Pdl nulla si può dire. È il più coerente e perseverante esempio di come sia stato possibile stravolgere il senso e la missione del sistema fondato sul parlamentarismo e sui partiti. Sempre più partito personale di Silvio Berlusconi trova nella difesa dei suoi interessi e di quelli di alcuni ceti la sua base ideologica. Il berlusconismo diventa l’ultimo “ismo” che la storia delle ideologie sia riuscita a produrre; di tutti gli “ismi” il più indecente. Non arretrando di fronte a nulla è riuscito ad avere buon gioco sulla confusione mentale dei Democratici e su quella agitata e inconcludente dei grillini.

Resta il Presidente della Repubblica trasformato in un cardine politico e non più solo costituzionale. Una trasformazione che adesso si vorrebbe rendere permanente a certificare il fallimento del sistema dei partiti e cioè della politica partecipata (come doveva essere a partire dall’art.49 della Costituzione).

Faremo i conti col nuovo governo che avanza, ma certo nel 1945 era lecito sperare in una storia diversa. Auguri a noi e speriamo di fare meglio in futuro.

Claudio Lombardi  resistenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *