A chi interessa frantumare l’Unione europea?

La decisione del Tribunale costituzionale polacco di sancire la prevalenza del  diritto interno su quello della Ue è una tappa importante della lotta dei cosiddetti sovranisti per distruggere l’Europa come entità politica. A dirla così potrebbe sembrare cosa da addetti ai lavori e, invece, è una strategia che porta un colpo al cuore del benessere dei popoli. Dovrebbero saperlo quelli che vivono negli stati che solo grazie ai soldi dell’Europa si sono sollevati dalla disastrosa gestione dei regimi comunisti dominati dall’Urss. E, invece, proprio loro dimostrano che nella Ue sono entrati solo per sfruttarne i vantaggi economici.

La forza dell’Europa deriva dall’integrazione tra i sistemi economici e dall’euro che è una delle monete di riferimento a livello mondiale. Frantumare l’Unione significherebbe diminuirne la forza economica e lasciare i singoli stati soli di fronte alla competizione globale. Significherebbe meno ricchezza per tutti. Chi può avere interesse a farlo? Chi compete per la supremazia geopolitica ed economica ovviamente e considera l’Unione europea come un ostacolo e l’Europa una preda. Russia e Cina innanzitutto (ma anche Trump era nemico della Ue). I sovranisti dunque assecondano i disegni di chi vuole i popoli europei più soli, più poveri e più indifesi. In pratica, dei traditori

9 ottobre 2021

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.