Lavoro: guardare al futuro non all’articolo 18

Gli ultimi dati confermano che il tasso di occupazione sale, di pochissimo ma sale, siamo al 59% circa, scende però la sua qualità (cresce il part-time, il turn over sui contratti a termine, intermittenti….) e scende anche la voglia del legislatore di attuare politiche forti e chiare per l’occupazione. La legge di bilancio ultima sul lavoro ripropone, infatti, solo vecchie

Continua a leggere