Il punto

Il ritorno del covid (per ora non in Italia)

Mentre qui da noi la piccola minoranza di no pass (che poi sono no vax) tiene alta la tensione e attira l’attenzione dell’opinione pubblica aiutata da schiere di giornalisti e dai leader dei due partiti di destra che ne amplificano il messaggio, in altri paesi il covid continua ad essere un problema serio. Nel Regno Unito i contagi si contano ormai a decine di migliaia al giorno e i morti a centinaia. Romania e Bulgaria sono nei guai. In Russia gli ospedali sono già saturi e i morti superano i mille ogni 24 ore. Anche negli Usa le cose vanno male, con una particolarità: dove governano i repubblicani si muore di più.

È dimostrato che bassi livelli di vaccinazione e rifiuto delle mascherine e del distanziamento favoriscono la diffusione del virus e la nascita delle varianti. Nel caso inglese è anche dimostrato che basta una percentuale bassa di non vaccinati insieme con l’eliminazione di ogni regola di protezione e di ogni limitazione di accesso ai luoghi chiusi per far ripartire la pandemia. Se vogliamo seguire questa strada diamo retta ai no pass/no vax. Se vogliamo tornare ad una vita normale bisogna fare il contrario e vaccinare tutti. Anche con l’obbligo.

20 ottobre 2021

C.L.