E se ci fosse stato l’obbligo vaccinale?

Novembre 2020. Sull’onda della ripresa della pandemia che sta portando di nuovo a centinaia di morti giornalieri e che sta bloccando il sistema ospedaliero il governo prende un’iniziativa clamorosa, ma, agli occhi di tutti, pienamente giustificata: presenta un disegno di legge che istituisce l’obbligo vaccinale. Viene approvato in meno di un mese. I vaccini ormai ci sono. Si sa già che ci vorranno mesi perché la vaccinazione vada a regime, ma l’obbligo è stato organizzato molto bene e fissa uno scadenzario preciso commisurato alle dosi disponibili. Ogni cittadino è stato inserito in un elenco che stabilisce i turni. Chi non li rispetta automaticamente viene chiamato a risponderne. L’opposizione all’obbligo è molto debole e impopolare. La battaglia contro il covid è per la vita e la gente è stufa di ascoltare ogni giorno il bollettino dei morti e delle terapie intensive. Prima dell’estate 2021 riceve il vaccino il 90% degli italiani. Quelli che restano fuori sono colpiti da sanzioni crescenti. Le varianti arrivano in Italia ma trovano un muro di vaccinati a bloccarle. In autunno non ci sarà nessuna quarta ondata e l’obbligo vaccinale porterà tutti a fare il richiamo previsto.

Come sappiamo non è andata così e stiamo ancora a discutere di no vax e ad inseguire il virus

11 dicembre 2021

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.