Inchiesta a L’Aquila e dichiarazioni di Berlusconi:il nostro è un Paese senza memoria e senza verità (di Aldo Cerulli)

Sviluppi giudiziari a L’Aquila: secondo la Procura i membri della Commissione grandi rischi sarebbero responsabili di non aver messo in allarme la  popolazione abruzzese sul rischio del terremoto agendo con negligenza, imprudenza ed imperizia. Inoltre lo stesso verbale della riunione del 31 marzo sarebbe stato redatto e firmato a terremoto avvenuto cioè il 6 aprile. È bene ricordare che i vertici della Protezione civile tennero una conferenza stampa per rassicurare la popolazione sull’improbabilità di un imminente terremoto nonostante lo sciame sismico e i precedenti storici consigliassero maggiore prudenza. Non si tenne in alcun conto l’indagine effettuata per conto della stessa Protezione civile sulla vulnerabilità degli edifici pubblici che aveva già messo in luce la situazione critica che poi si tradusse nei crolli la notte del terremoto.

Si comprende  che lo sport ormai in voga è quello di attaccare i Magistrati qualunque cosa facciano ma mi sembra che in questo caso si stia esagerando. Il Magistrato vuole capire, come credo sia interesse di tutti, se quello che la “commissione grandi rischi” ha fatto è stato sufficiente e se era possibile fare di più. D’altronde non si capisce il senso della riunione della commissione stessa se non vi era nulla da poter valutare. Sarebbe il caso che si cominciasse a ragionare un pò più serenamente almeno sulle drammatiche vicende che colpiscono parte del nostro popolo. Vorrei far notare a tutti che, per esempio, quando c’è stato il terremoto la prefettura era stata evacuata, ma non altri edifici pubblici. Perché ? Sono domande che meritano risposte e non tanto per trovare colpevoli ma anche e soprattutto per poter meglio operare quando ci saranno altri eventi.

Quanto livore e odio ….va bene che fa caldo però a spararle così grosse ce ne vuole! Io credo che bisognerebbe darsi tutti una calmata! Se si continua così non so dove andremo a finire! Questo odio contro i magistrati io proprio non lo capisco, forse sarò io minorato. Come in tutte le categorie ci sono i frutti acerbi, ma questo continuo attacco per il solo fatto di sentire la parola magistrato o peggio ancora PM ha del morboso!  

Io andrei cauto a sproloquiare contro i magistrati..ATTENZIONE: i PM non stanno dicendo che la Commissione doveva prevedere i terremoti: I PM dell’Aquila contestano il comportamento imprudente della Commissione Grandi Rischi per avere tranquillizzato le persone dicendo di tornare nelle case. Non dimentico che giorni prima del terremoto, sui giornali, a titoli cubitali si affermava…NON ABBIATE TIMORE, NON CI SONO RISCHI…Secondo voi, con un mese di scosse sismiche, sapendo che difficilmente queste termineranno dall’oggi al domani, conoscendo lo stato di almeno parte delle costruzioni nel centro storico e zone limitrofe vi sembra un comportamento prudente dire “state tranquilli, non succederà nulla, tornate nelle case a dormire” ? Perchè questo è quello che ha fatto la Commissione..

Sembra che la dicitura che “i terremoti non si possono prevedere” sia stata aggiunta al verbale il 6 Aprile. Cioè? Il giorno del terremoto. Poi, se non si ha niente da temere perchè non lasciare che la magistratura faccia il suo corso? E datevi ‘na calmata.

Bene, sperando che me lo lascino passare, io so che gli appalti per l’emergenza lasciano molti dubbi a causa delle procedure opache. Che, se giustificate nell’occasione, non lo erano di certo in tantissime altre. Per esempio, le casette antisismiche a 3.770 mq. Aspettiamo.. Io ricordo che Bertolaso voleva denunciare Giuliani per procurato allarme. Ricordo tutte le rassicurazioni affidate alla stampa. Molti terremotati riferiscono che, da mesi, non dormivano in casa e che vi ritornarono dopo le rassicurazioni della Grandi Rischi. Se i terremoti non si possono prevedere perchè si è riunita la commissione?  

Sulle ultime dichiarazioni del Premier non vale la pena spendere molte parole perché ritengo che si possano commentare da sole.
Tuttavia, visto che il soggetto in questione ricopre la carica di Presidente del Consiglio, una riflessione è doverosa: quali rischi corriamo con una persona che dimostra, con le sue dichiarazioni estemporanee di non essere completamente obiettivo e distaccato  in quella posizione?

Come si fa a pensare che il popolo aquilano, forte e generoso, che ha fraternizzato con i nobili comportamenti di tutti i soccorritori, anche della Protezione Civile, possa commettere gesti inconsulti dettati da “labilità mentale”…non è in loro che va ricercata un’ipotesi di comportamento aberrante.

Un’ultima amara considerazione:

Le dittature, nei Paesi che le hanno vissute, spesso non si sa nemmeno per quale ragione e in quale contesto siano maturate, i cittadini se le ritrovano in casa e basta. Di queste sappiamo che volgono al termine con il delirio di onnipotenza del dittatore, accompagnato da gesta e dichiarazioni spesso prive di significato.
Consentitemi di dire, in questo ultimo barlume di democrazia e prima che ci imbavaglino definitivamente che chi ha a cuore il Paese deve adoperarsi affinché queste strane esternazioni producano meno danni possibili alla Nazione e alla popolazione.
Sono maturi i tempi affinché l’Italia si butti alle spalle questa brutta pagina di cronaca.

Concludo con la poesia di Battiato:

“Povera Patria, schiacciata dagli abusi del potere, di gente infame che non sa cos’è il pudore, si credono potenti e gli va bene quello che fanno e tutto gli appartiene. Tra i governanti quanti perfetti e inutili buffoni, questo paese devastato dal dolore, ma non vi danno un po’ di dispiacere quei corpi in terra senza più calore ?”.

Aldo Cerulli segretario Cittadinanzattiva Abruzzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *