Covid: la nottata che deve passare

“Ha da passà a nuttata”. Da quando la introdusse Eduardo De Filippo in “Napoli milionaria” questa frase ha assunto il compito di indicare l’unico atteggiamento ragionevole nei tempi difficili: prendere atto della realtà e darsi il tempo che ci vuole. Nella commedia si narra di una famiglia, ma sarebbe lo stesso se al centro ci fosse una più ampia comunità: un quartiere, una città, una nazione. Comunità significa interconnessione e corresponsabilità.

“Ha da passà a nuttata” non esprime rassegnazione, ma vigile attesa. Riconoscere la realtà della quale siamo parte è il presupposto necessario. Chi si dibatte alla ricerca di realtà immaginarie valide per se stessi può solo preparare le condizioni per profonde delusioni, per una rabbia cieca senza sbocchi.

Darsi il tempo che ci vuole significa costruire l’attesa per limitare i danni con la solidarietà della comunità e per essere pronti a risollevarsi. Il covid non è un nemico immaginario né è contro qualcuno. È il problema di tutti

14 novembre 2020

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.