I pestaggi difesi da politici e sindacalisti

Il peggio che può accadere in uno Stato è che chi dispone dell’uso legittimo della forza la eserciti contro cittadini incolpevoli e inermi. Nelle dittature è la normalità. Nelle democrazie  è più raro, ma non infrequente. In Italia è successo molte volte ed è ben rappresentato dai pestaggi di Genova nel 2001 quando la polizia massacrò persone che non avevano nessuna colpa e dalla spedizione punitiva nel carcere di S, Maria Capua Vetere.

È significativo che sui fatti di S. M. Capua Vetere (così come fu a Genova) le destre si siano subito schierate a difesa degli agenti. Anche di fronte all’evidenza dei fatti documentata dai video. Incredibilmente alle destre si aggiungono i sindacati di categoria che hanno mostrato di non avere nemmeno la decenza di anteporre la difesa dei diritti costituzionali dei cittadini a quella dei loro iscritti. Parlano come se non fosse stato consumato un crimine abominevole colpendo persone indifese facendosi forti del proprio ruolo e della divisa che si indossa. In questo modo si qualificano come strutture ottusamente corporative pronte a difendere l’indifendibile anche se si tratta di uno sfregio alla Costituzione. Ps: di fronte all’indignazione causata dai video in 24 ore Salvini ha cambiato posizione; i sindacati no

1 luglio 2021

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *