Il virus dell’irresponsabilità è la malattia dell’Italia

Da un lato le varianti (inglese, brasiliana e le altre che arriveranno) rendono il virus più contagioso e forse più letale. Dall’altro il drastico taglio alle forniture dei vaccini che mettono a rischio l’unico modo per convivere con il covid immunizzandosi. Nel mezzo la crisi di governo che rischia di bloccare o quanto meno rallentare l’attività delle istituzioni quando c’è più bisogno che ognuno faccia al meglio la sua parte.

Il vecchio vizio italiano di inseguire il proprio interesse particolare riesplode nel momento più drammatico della storia recente. Demagoghi pronti a sfruttare le paure e le sofferenze e giocatori di azzardo della politica gongolano nell’attesa che un’Italia disperata cada nelle loro mani. Altri, investiti di alte responsabilità di governo, cedono alla tentazione di inseguire gli indici di popolarità quando l’imperativo sarebbe di ricercare la condivisione di tutti e non solo dei propri amici.

Chi si illude che nei momenti di pericolo venga naturale unirsi e combattere insieme restando ognuno al proprio posto non ha capito quanto l’Italia sia condannata alla divisione e al declino

23 gennaio 2021

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.